UFC, Georges St-Pierre: "Tyron Woodley non mi fa affatto paura"

Il canadese risponde in maniera piccata al campione pesi welter UFC.

UFC former welterweight champion Georges St-Pierre

74 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Obiettivo: non lasciare feriti. Georges St-Pierre è più carico che mai in vista del suo ritorno all'interno dell'ottagono più famoso al mondo. Fermo ormai da quasi quattro anni, l'ex campione pesi welter ha deciso di tuffarsi in un'avventura che lo porterà a tentare l'assalto alla corona delle 185 libbre UFC, oggi detenuta dal britannico Michael Bisping. Una scelta inaspettata, a tratti paradossale: perché salire in una categoria in cui l'handicap fisico - sia in termini di allungo che di volume - è così accentuato?

Finally signing my UFC 217 Bout Agreement vs. Michael Bisping for Nov. 4th at MSG - Get ready for a big night in NYC!!!

A post shared by Georges St-Pierre (@georgesstpierre) on

Una domanda a cui solo il buon Georges potrebbe dar risposta. Possibile abbia ritenuto Bisping un avversario decisamente più abbordabile rispetto a Tyron Woodley, detentore di una cintura pesi welter mai persa dal canadese all'interno dell'ottagono UFC. Peccato però che tale scelta, ad oggi ancor più etichettabile come azzardata, gli si sia già rivoltata contro. Nel contratto che GSP ha siglato per prender parte al match di UFC 217 infatti, quest'ultimo si impegna a difendere il titolo pesi medi qualora conquistato. Una bella gatta da pelare per St-Pierre, il quale si è ritrovato incastrato nella stessa trama che credeva di aver brillantemente tessuto.

After all those years working with coach Pat Beauchamp, I truly admire his patience with me!!!

A post shared by Georges St-Pierre (@georgesstpierre) on

A spiegare il tutto è stato lo stesso GSP ad MMA Hour: intervistato dal connazionale Ariel Helwani, l'ex campione delle 170 libbre ha illustrato nel dettaglio tutti i particolari dell'accordo stipulato con UFC.

Guardate, credo che Woodley abbia anche fatto un grande lavoro contro Maia, annullando la sua arma migliore. Fondamentalmente fa l'antipatico nel tentativo di portare a casa dei soldi: magari spera che io volga le mie attenzioni verso di lui. La questione cruciale però è che io non ho affatto paura di Woodley. Ad oggi mi conviene più affrontare Bisping rispetto a Tyron, d'altronde. Magari dopo aver sfidato Michael potrei anche andare contro di lui, ma ad oggi UFC vuole che affronti Whittaker, in caso di vittoria. Mi viene da ridere però quando mi accusano di essere spaventato, in quanto ho sempre un po' di timore quando approccio un match. Woodley noioso? Magari potrebbe fare di più, ma nel caso del match con Maia la colpa è stata di tutti e due gli atleti.

At Tristar gym training with @firas_zahabi, @robinblackmma, @zach_makovsky @jamie_boomboom and @duffymma!

A post shared by Georges St-Pierre (@georgesstpierre) on

UFC: GSP tornerà mai nei welter?

Le dichiarazioni di Georges St-Pierre sono state abbastanza chiare: un ritorno nei welter è assai plausibile, ma non nell'immediato. A ciò si aggiunge anche il proclamo del canadese, che ha annunciato un pronto e definitivo ritiro in caso di sconfitta contro Michael Bisping. Ciò ovviamente porterebbe al crollo delle fondamenta sui cui trova base il castello del fighter della Tristar, il quale sarà costretto a muoversi step by step nell'arco dei prossimi mesi.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.