Supercoppa spagnola, Clasico show: 3-1 del Real Madrid sul Barcellona

Al Camp Nou è subito spettacolo: Real avanti grazie all'autogol di Piqué, pareggio di Messi su rigore, vantaggio di CR7 (che poco dopo si fa espellere) e 3-1 di Asensio. Ritorno mercoledì alle 23.

1k condivisioni 100 commenti 4 stelle

di

Share

Al Camp Nou è subito grande calcio. Nonostante non sia nemmeno ferragosto, infatti, si gioca l'andata della Supercoppa spagnola tra Barcellona e Real Madrid, per quello che è il primo Clasico di una stagione che si prospetta lunghissima.

E mentre Neymar segna il primo gol con il PSG, la sua ex squadra fatica moltissimo senza di lui e perde 3-1 dopo l'autorete di Piqué e i super gol targati Ronaldo (espulso due minuti dopo) e Asensio. A poco serve il momentaneo pareggio di Messi su rigore.

Appuntamento dunque a mercoledì 16 per il ritorno, con il Barça che ha di fronte a sé un'impresa titanica. Bisognerà espugnare il Bernabeu segnando almeno tre gol.

La cronaca di Barcellona vs Real Madrid

Si parte con il Barcellona capace di dettare i ritmi del match, con un possesso palla che però non mette per nulla in difficoltà il Real Madrid. La prima occasione capita sui piedi di Suarez, lanciato in profondità da Iniesta, che con il sinistro prova a impensierire Keylor Navas, che però è attento e trattiene in due tempi. La risposta madridista è un destro di Isco che finisce sull'esterno della rete.

Fino a qui comunque la partita si gioca su ritmi piuttosto blandi. Gli animi iniziano a scaldarsi al 20', quando Casemiro colpisce duro Messi prendendosi un'ammonizione e qualche spintone da parte dei giocatori blaugrana. È ancora La Pulga a rendersi protagonista al 25' su calcio di punizione, ma la palla finisce alta di poco con Keylor Navas che sembrava comunque sulla traiettoria. 

Al 37' buona occasione di Bale con il sinistro da centro area: alza in angolo Ter Stegen. Per il resto nessuno spunto da segnalare nemmeno nel finale di primo tempo, che va verso la conclusione senza particolari sussulti.

La ripresa

Il secondo tempo inizia subito alla grande: Isco serve Marcelo sulla sinistra e mette dentro un pallone forte e teso che viene deviato in porta da Piqué, autore dunque dell'autogol che porta avanti il Real Madrid. Poco dopo rischia ancora moltissimo il Barcellona, poiché al termine di un contropiede gestito da Benzema è ancora Piqué a deviare il pallone e far venire un brivido a Ter Stegen, ma questa volta è calcio d'angolo.

La risposta degli uomini di Valverde arriva pochi minuti dopo con Deulofeu, che controlla il pallone in area e calcia con il destro cercando una deviazione di Messi che però non arriva. Ritmi che a questo punto si fanno quasi frenetici. Dall'altra parte grandissima chance per Carvajal, servito tutto solo in area da Benzema e bravo a trovare la porta con il destro, se non fosse che Jordi Alba è ancora più bravo di lui e salva tutto in scivolata sulla linea. 

Il minuto 58 è il momento dell'ingresso in campo di Cristiano Ronaldo, fischiatissimo dal pubblico come da previsioni. Nel Barça fuori Deulofeu per Denis Suarez. Ma è l'altro Suarez, quello col numero 9, a sfiorare il pareggio qualche secondo dopo. Il suo colpo di testa, tuttavia, trova la risposta pronta di Navas. Al 65' rischia l'autogol anche Varane su cross di Suarez, ma il francese è fortunato e il pallone esce di un soffio.

A circa un quarto d'ora dal termine palla gol colossale per Busquets, che da due passi calcia altissimo sprecando così un'occasione d'oro per il pareggio. La pressione dei padroni di casa cresce vistosamente minuto dopo minuto, finché Suarez si guadagna un calcio di rigore (molto dubbio) al 76', a seguito di un tocco di Keylor Navas ai suoi danni quando la palla però era già abbondantemente uscita. Dal dischetto si presenta Messi che non sbaglia e spiazza il portiere madridista, segnando il suo gol numero 24 agli storici rivali.

Quando mancano 10 minuti al termine, però, ci pensa CR7. Gol sensazionale del fenomeno portoghese, che in contropiede sfida Piqué e manda il pallone sotto l'angolino prima di togliersi la maglia e mostrare i muscoli a tutto il Camp Nou. Ma due minuti dopo succede qualcosa di clamoroso, in quanto lo stesso Ronaldo è lanciato a rete e viene toccato da Umtiti. Il portoghese chiede subito il penalty, ma l'arbitro lo ammonisce per simulazione e dunque lo espelle (la sesta in carriera con le Merengues), visto il giallo di pochi secondi prima per essersi tolto la maglia dopo il pareggio.

La tensione nel finale è palpabilissima, mentre l'arbitro sembra aver perso completamente le redini della situazione. Nonostante l'assalto finale, comunque, la squadra di Valverde non riesce a sfondare e addirittura subisce il terzo gol. Ancora una volta in ripartenza, e da posizione simile rispetto al gol di Ronaldo, Asensio disegna una traiettoria splendida col sinistro e fa 3-1. Barça che dunque dovrà andare al Bernabeu per l'impresa se vorrà vincere questa Supercoppa spagnola.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.