Premier League: male il Chelsea, Liverpool beffato nel recupero

Nel primo weekend della stagione i campioni in carica cadono sotto i colpi del Burnley di Dyche. A Vicarage Road i Reds non vanno oltre il 3-3 contro il Watford.

Batshuayi si dispera dopo un'occasione sprecata

590 condivisioni 13 commenti 0 stelle

di

Share

Se è vero che chi ben comincia è già a metà dell'opera, allora per il Chelsea c'è davvero tanto ma tanto lavoro da fare. La sconfitta per 3-2 contro il Burnley, considerata una delle favorite alla retrocessione, non è altro che la conferma della complicata situazione che Conte si ritrova a dover risolvere. A Stamford Bridge in questo momento sembra regnare un senso di confusione e malumore generale, dovuto soprattutto ai rapporti non proprio idilliaci tra il manager italiano e la società. 

All'inizio della nuova stagione Conte era stato chiaro: resto ma ho bisogno di sostanziosi investimenti per migliorare una rosa già di per sé cortissima. Gli acquisti di Rudiger e Bakayoko non sembrano aver convinto a pieno l'allenatore che ora, oltre ai problemi tecnici dovuti ai pochi giocatori a disposizione, deve anche ridar fiducia a uno spogliatoio smarrito e distratto. 

Conte in panchina durante la sfida contro il Burnley

Ieri a Stamford Bridge a peggiorare le cose ci ha pensato il Burnley di Sean Dyche, capace di sfruttare al meglio la superiorità numerica dovuta all'espulsione (forse un po' troppo severa) di Gary Cahill e di portarsi sullo 0-3 prima della fine del primo tempo, grazie alle reti di Vokes (doppietta) e Ward. Nella ripresa i Blues reagiscono, grazie soprattutto a Morata. Lo spagnolo segna il suo primo gol con la nuova maglia e, dopo l'espulsione di Fabregas, fornisce a David Luiz un assist spettacolare per la rete del definitivo 2-3. 

Il colpo di testa di Morata, valevole per il momentaneo 1-3 tra Chelsea e Burnley

Premier League, Liverpool beffati da Britos

Nell'altro attesissimo match di giornata il Liverpool di Jurgen Klopp non va oltre il 3-3 a Vicarage Road contro il Watford. I Reds soffrono la fragilità difensiva e la poca consistenza del centrocampo, fattori che, come lo scorso anno, rischiano di condizionare la continuità dei risultati nel corso della stagione. Il manager tedesco è conscio delle fragilità delle propria squadra, ma sa bene di avere le mani abbastanza legate su eventuali nuovi investimenti sul calciomercato. 

Jurgen Klopp osserva i suoi giocatori prima della sfida contro il Watford

Oltre al danno però, il Liverpool ieri si è dovuto arrendere anche a causa di una svista arbitrale: al minuto 93 infatti, l'arbitro convalida il pareggio di Britos che però si trovava in netta posizione di fuorigioco. Nei 92 minuti precedenti, ottima la prestazione di Salah, di gran lunga il più pericoloso e autore della rete del momentaneo 2-3. Bene anche Firmino, autore di un gol (su rigore) e dell'assist per la rete dell'egiziano. Ottima la prestazione di Mané, ancora una volta il vero valore aggiunto di questa squadra, mentre delude tutta la linea mediana, dimostratasi ancora troppo indietro di condizione. 

La gioia di Salah dopo la rete del momentaneo 2-3

Nelle altre sfide del pomeriggio, importantissima vittoria dell'Everton che batte 1-0 lo Stoke City grazie al colpo di testa di Wayne Rooney, tornato a Goodison Park per finire il lavoro cominciato 15 anni fa. Vince per 1-0 anche il WBA contro il Bournemouth mentre finisce con uno scialbo 0-0 la sfida del St. Mary's tra Southampton e Swansea. In serata poi, convincente vittoria del Manchester City di Pep Guardiola, che batte 0-2 il Brighton grazie alla rete di Aguero e ad un autogol. 

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.