Pick a kick, le scarpe dei campioni di basket: And1 Tai Chi 3

Inizia la rubrica Pick a kick: vi porteremo, con analisi e approfondimenti, nel mondo delle scarpe da basket. Oggi si parte con le And1 Tai Chi 3.

Il modello più accattivante di And1

63 condivisioni 3 commenti 0 stelle

di

Share

Inizia oggi un viaggio all’interno delle scarpe da basket che ci porterà all’interno del variegato e interessantissimo mondo della tecnologia che vestiamo ai piedi quando giochiamo a basket o quando ci giocano i campioni della NBA. La rubrica si chiamerà “pick a kick” e vi aiuterà innanzitutto a saperne di più sulle tecnologie e i materiali che stanno dietro alla costruzione, ma anche a scegliere la scarpa che fa per voi, le vostre caratteristiche di giocatore e le vostre comodità. Proveremo a recensire, dopo averle provate, il maggior numero di paia possibili unendo alle caratteristiche di fabbricazione anche una prova sul campo.

Partiamo con le And1 Tai Chi 3, con la casa produttrice americana che dopo un inizio da riferimento del settore e un periodo di assenza dal mercato, si riaffaccia mettendo in gioco la propria esperienza di tanti anni.
L’And1 Tai Chi 3 presenta un’innovazione rispetto al passato nell’uso dei materiali, infatti utilizza il “radium weld” ovvero un misto tra pelle e rete sintetica che mantiene la resistenza pur essendo molto leggera. Questo serve per la copertura sopra il piede offrendo una certa protezione in caso si subisse un cosidetto pestone. Ci sono due aree traspiranti di tessuto laterali che permettono al piede di rimanere sempre piuttosto fresco, mentre non ci sono altri particolari da notare che fanno girare la testa e sebbene non sia necessariamente la scarpa più morbida in circolazione, il compromesso è comunque positivo.

Il sistema di ammortizzazione

Buona ammortizzazione per i non highflyer

Questa scarpa è maggiormente adatta per giocatori cosidetti normali, infatti garantisce un buon comfort a livello di resistenza all’impatto con il plantare interno in foam e l'intersuola in EVA e una buona comodità diffusa per il piede in un mix tra base d’appoggio e sensibilità al suolo. Molti giocatori sono soddisfatti, mentre il consiglio che viene dato è di virare su altri modelli se siete un highflyer o un giocatore che deve assorbire molti contraccolpi per le ginocchia dettati dall’atletismo.


Personalmente ho trovato la scarpa protettiva e sufficientemente comoda per il ristretto numero di stress che produco alle mie ginocchia/caviglie essendo tutto fuorchè un highflyer. La scarpa alta, che ormai sta sempre più diradandosi nel panorama, offre una buona protezione per chi ha caviglie ballerine. I diversi fanatici della comodità e flessibilità delle vecchie And 1 dicono che avendo aspettative altissime in tal senso, c’è stato un leggero passo indietro che comunque non inficia assolutamente un’ottima valutazione finale sulla flessibilità che permette il giusto mix tra flessibilità e stabilità in alcuni movimenti particolari come jab step o crossover repentini.

La suola delle TaiChi 3

Istruzioni per l'uso

Una notazione che terrà banco per tutta la durata delle analisi sarà l’invito ai giocatori che cambiano scarpe di provarle sempre prima in negozio. La qualità del fit delle scarpe spesso è delineata da quanto si addice perfettamente al vostro piede, quindi a livello di comodità ogni analisi può finire nel cestino se non si sente perfettamente calzante la scarpa.
La costruzione generale non è al massimo livello dell’avanzamento tecnologico, ma il rapporto qualità prezzo è sicuramente positivo, perché altre majors optano per una strategia più aggressiva nei prezzi anche nei modelli entry level.

Visione frontale delle TaiChi 3

Conclusioni

L’And1 Tai chi 3 non può essere considerata la miglior scarpa in circolazione, ma è una kick che consiglieremmo sicuramente a chi ha un budget limitato, ma da quello vuole ottenere il massimo. Si sa che gli appassionati di un brand possono essere anche i più aspri critici, ma da quello che si legge in giro nei svariati test svolti, c’è soddisfazione diffusa e soprattutto la speranza che And1 continui a produrre buone scarpe a prezzi intermedi, assestandosi in una zona di mercato che ormai le altre case utilizzano per i vecchi modelli.

Voto: 4.05/5

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.