Off Sports - Riecco gli anni Novanta: remake per il Corvo e Matrix

Gli anni '90 sono qui con noi, e non ci hanno mai lasciato davvero. Nei prossimi mesi assisteremo ad una serie di remake cinematografici che ci riporteranno a quei tempi.

Jason Momoa and Brandon Lee, old and new "Eric Draven"

187 condivisioni 9 commenti 5 stelle

di

Share

"Nostalgia, nostalgia canaglia. Che ti prende proprio quando non vuoi". Cantavano così Albano e Romina in un nostalgico Sanremo 1991. E per nostalgico non ci riferiamo certo, con tutto il rispetto, alla manifestazione canora più famosa d'Italia. Sono infatti gli anni '90 a mancare terribilmente, a voi come a noi. Tempi felici, spensierati e non inflazionati dalla rivoluzione digitale che vi porta a leggere oggi questo articolo. Siate felici però, perché come tutti i ricordi piacevoli, tanti dei momenti vissuti in quell'epoca sono pronti a tornare.

Sono infatti tantissimi i comeback eccellenti pronti a trovare la luce nel breve-medio periodo. Alcuni, in realtà, sono già usciti fuori: da Twin Peaks - sì, lo sappiamo che è un sequel - a La Casa, passando per Leatherface - prequel di Non Aprite quella Porta -, Halloween ed I Cavalieri dello Zodiaco. Tantissimo horror, parecchia fantascienza ed anche qualcuno tra anime e live action pronto a trovare la gloria nel tentativo di riscrivere le sorti delle grandi saghe del passato.

Ex bambini e adolescenti degli anni '90 oggi brizzolati, unitevi. Il vostro cosmo tornerà a splendere sotto le dipendenze di Lady Isabel: è stato annunciato Knights of the Zodiac: Saint Seiya, che in parole povere non sarà altro che il remake de I Cavalieri dello Zodiaco. Alzi la mano chi non ha provato ad eseguire il "Fulmine di Pegasus" almeno una volta! La serie, prodotta da Toei Animation - che ancora ne detiene i diritti dopo anni -, sarà molto più fedele al manga rispetto all'originale, e porterà alla luce una prima stagione da 12 episodi, ambientati nel periodo degli inizi della Guerra Galattica, a cui seguirà il furto dell'armatura d'oro del Sagittario. Sempre restando in tema animazione, ma spostandoci sul versante prettamente occidentale, non possiamo non menzionare i già annunciati live action de Il Re Leone e Mulan, targati Disney - giusto per citarne alcuni -.

Saint Seya
Netflix annuncia il remake di Saint Seya, conosciuto in Italia come I Cavalieri dello Zodiaco. La serie sarà prodotta dalla onnipresente Toei Animation, una garanzia in fatto di anime.

Tornando al ramo pellicole, non possiamo non citare il remake di Ace Ventura. Tenetevi forte però, in quanto non sarà l'oggi barbutissimo Jim Carrey ad interpretare l'Acchiappanimali più famoso della storia del cinema. Reboot all'orizzonte anche per la saga di Matrix: La Warnerbros ha infatti annunciato il ritorno al cinema della fortunatissima serie lanciata dai fratelli Wachowski - nel frattempo divenute le sorelle Wachowski -: il protagonista del nuovo corso sarà, con tutta probabilità, Michael B. Jordan, già volto principale di Creed. Se siete terrorizzati dall'ormai prossimo ritorno nelle sale di IT, tratto dall'omonimo romanzo di Stephen King, oppure fremete dalla voglia di veder tornare in azione Tony Montana nel rifacimento di Scarface - con Diego Luna nel ruolo di protagonista ed i fratelli Cohen alla sceneggiatura -, non potrete però lasciarvi sfuggire neanche il ritorno di una delle pietre miliari del cinema a tema musical. A cosa ci riferiamo? A Sister Act, chiaramente! 

Il Corvo: cosa aspettarci dal remake

Paragrafo a parte abbiamo voluto dedicare a Il Corvo, saga fumettistica nata dalla penna di James O'Barr e messa in scena sul grande schermo per la prima volta dal compianto Brandon Lee. Ora, chiaramente non vi tedieremo su quanto i tre seguiti della serie - a parte il 2, capace di salvarsi parzialmente - siano pessimi, bensì vi parleremo del remake che troverà luce con l'avvento di Corin Hardy in regia e Jason Momoa - nuovo Acquaman in Justice League e divenuto famoso nel ruolo di Khal Drogo in GOT - nei panni di Eric Draven. Nonostante si siano susseguite voci su una possibile cancellazione, con tanto di plurimi allontanamenti di Hardy dal progetto ed addii poi mai consumati, il film risulta ancora essere in pre-produzione, seppur in pericolo.

Quello che ci preoccupa però è l'effettiva riuscita della pellicola, qualora vedesse mai la luce. Sì, sappiamo come la tragica morte di Brandon Lee abbia contribuito ad elevare l'aura mistica attorno ad un film già di per se capolavoro, ma non riusciamo a capire ad oggi come la produzione possa riuscire ad offrire fotografia, atmosfere new gothic ed interpretazioni capaci di non farci gridare vendetta. La storia de Il Corvo, d'altronde, resta una delle più maledette della storia del cinema, e l'imbarcarsi in una avventura oggi sempre più incerta - e che, un po' come accaduto con IT, non è chiaro se possa trovare la luce nel breve - non sembra offrire gli auspici degni di una saga che merita il miglior trattamento possibile, nel rispetto di Brandon e di tutti i suoi fans.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.