Roma, che gol per Dzeko: paga le cure a una donna malata

L'attaccante bosniaco ha raccolto l'appello del marito di Ernesa Kunalic: ha versato 5000 euro per le prime cure sperimentali.

1k condivisioni 22 commenti 5 stelle

di

Share

Da lui i tifosi della Roma si aspettano gol a grappoli, come successo nella scorsa stagione, e leadership, a conferma di un percorso avviato con i colori giallorossi nell'estate 2015. Il precampionato ha già offerto segnali confortanti in tal senso. Fuori dal campo, intanto, Edin Dzeko ha probabilmente già messo a segno il gol più bello dell'anno: pagherà le cure mediche a Ernesa Kunalic, giovane donna bosniaca affetta da un tumore al seno.

Tutto è nato da un appello postato su Facebook da Admir Kunalic, marito di Ernesa. Dopo tre cicli di chemioterapia, radioterapia e due interventi chirurgici, sua moglie deve ancora lottare con l'avversario più complicato: una delle vie sperimentali più accreditate risponde all'utilizzo di un farmaco di recente approvazione, l'Olaparib, che il sistema sanitario governo di Sarajevo ancora non rimborsa. Un problema rilevante, per un trattamento che costa più di 5000 euro al mese.

Qui è entrato in azione il mondo dei social: il signor Kunalic ha spiegato con dei post su Facebook la drammatica situazione che sua moglie sta attraversando, trovando la pronta risposta di tanti comuni cittadini, che hanno avviato una raccolta fondi sul web. L'obiettivo? Raccogliere 60mila euro, più o meno il costo di un anno di cure. E quando c'è una rete importante da segnare, non può che intervenire un centravanti di razza come Edin Dzeko.

5000 euro per le cure di una donna bosniaca, il gol di Edin Dzeko fuori dal campo

Il capitano della nazionale bosniaca ha versato 5100 euro, utili per il primo mese di cure, e ha chiesto a tanti di seguire il suo esempio, con i mezzi nella disponibilità di ciascuno. Il gesto è stato confermato dal portavoce di Dzeko, Jasmin Ligata. Su Facebook, Admir Kunalic ha ringraziato il numero 9 della Roma per il gesto di solidarietà.

Il nostro capitano Edin Dzeko si è offerto per pagare il primo trattamento mensile per Ernesa. Per ora abbiamo raccolto supporti per 7 mesi di terapia. Ma andiamo avanti. Grazie a tutti!

Non è la prima volta che Edin Dzeko si rende protagonista di gesti di solidarietà nella sua Bosnia. A cavallo delle festività natalizie del 2015, il 31enne attaccante aveva donato al musicista folk Seban Saulic e alla sue band, molto popolari a Sarajevo, soldi, infilati tra i tasti della pianola, e delle magliette della Roma. Questa volta è andato oltre, aprendo le porte a una importante partita di solidarietà con una nobile missione in corso. Per un "goal" che vale almeno quanto le 39 reti messe a segno in 51 partite nella Capitale d’Italia nella scorsa stagione.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.