Arsenal, ora testa alla Premier League: Wenger ha tutto per vincerla

Dal oltre 13 anni ormai i Gunners non riescono a trionfare nel campionato inglese. È arrivato il momento di togliersi l'etichetta di eterna incompiuta?

780 condivisioni 83 commenti 0 stelle

di

Share

L'accoppiata FA Cup - Community Shield è ormai diventata una piacevole consuetudine per l'Arsenal. Domenica pomeriggio, per la terza volta negli ultimi 4 anni, i Gunners sono riusciti a conquistare la cosiddetta "Supercoppa Inglese", che mette difronte la vincitrici della FA Cup e della Premier League della passata stagione. 

La vittoria finale, arrivata solo dopo i calci di rigore, ha però consegnato al campionato inglese una squadra molto più forte di quanto in realtà ci si aspettava. Se è vero che il Chelsea doveva fare i conti con le pesanti assenze di Hazard e Bakayoko, è altrettanto vero che l'Arsenal, nonostante fosse priva per vari motivi di almeno mezza squadra titolare, ha dimostrato una solidità e una consapevolezza nei propri mezzi alle quali non ci aveva abituato nel corso delle ultime stagioni. 

La curiosità però, è il fatto che Arsene Wenger, rispetto alle dirette rivali, non è stato obbligato a effettuare grandissimi cambiamenti: l'unico acquisto estivo porta infatti il nome di Alexander Lacazette mentre il resto della squadra, al momento, è esattamente quello della passata stagione. Il manager francese, superate e quasi dimenticate le contestazioni di una parte della tifoseria, ha rinnovato per altri due anni il contratto che lo lega al club del nord di Londra e si è messo subito al lavoro per dare la scossa decisiva a un ambiente logorato ormai da polemiche, infondate voci di mercato e scoop mediatici vari. 

Lacazette in azione contro il Chelsea

Arsenal, e se quest'anno Wenger puntasse al titolo? 

L'enorme differenza che al momento divide l'Arsenal dalle altre 5 o 6 contendenti per il titolo è il collettivo. Wenger è ben consapevole di avere a disposizione una rosa che oramai conosce alla perfezione i propri difetti ed è conscia della propria forza e delle proprie capacità. Non stiamo ovviamente dicendo che altre realtà come il Manchester City, il Manchester United o il Liverpool si siano indebolite nel corso dell'estate, anzi. Gli onerosi investimenti sul mercato e le pedine di assoluta qualità con le quali Guardiola e Mourinho hanno completato le rispettive rose nel corso dell'estate, candidano d'ufficio le due realtà a essere le favorite per la vittoria finale. 

Dimenticare l'Arsenal però, sarebbe un errore. È vero, negli ultimi anni i Gunners hanno sempre dato l'impressione di poter finalmente tornare a vincere la Premier League dopo oltre una decade d'attesa ma poi, con un'incredibile regolarità, arrivati a un certo punto della stagione si sono sciolti come neve al sole, uscendo malamente dalle varie competizioni (FA Cup esclusa) e lasciando ad altri la possibilità di giocarsi la vittoria. 

I giocatori dell'Arsenal dopo l'uscita dalla Champions League per mano del Bayern Monaco

Siamo ancora a inizio agosto ed è forse un po' troppo presto per trarre delle conclusioni, ma la squadra scesa in campo a Wembley, priva oltretutto di almeno 5 titolari, è sembrata essere già pronta. Pronta per tornare a essere protagonista. Pronta a maturare e non farsi trascinare nel baratro da un paio di risultati negativi. Pronta a fidarsi, una volta per tutte, del proprio allenatore. La forza di Wenger, qualora riuscisse a tenere Sanchez almeno per un altro anno, è proprio il gruppo. Una qualità fondamentale e che soprattutto in Premier League e soprattutto nelle ultime due stagioni, si è rivelata la chiave per il successo.

Prima Leicester e subito dopo il Chelsea. In entrambi i casi (il primo in particolare) con il lavoro, l'impegno, la forza di volontà e l'unione del collettivo, sia Ranieri che Conte sono riusciti a fare qualcosa che tanti allenatori provano a fare per anni senza però riuscirci: vincere il campionato inglese. 

Wenger mostra ai tifosi il trofeo del Community Shield

Che poi, se si vanno a prendere a uno a uno i giocatori della rosa dell'Arsenal, il gap non sembra così ampio: Sanchez, Ozil e Lacazette in attacco (oltre a riserve di lusso come Giroud e Welbeck). Xhaka, Ramsey, Walcott  e Cazorla a centrocampo. Mustafi, Koscielny, Bellerin e Monreal in difesa. Cech in porta. Insomma, a leggerla così, trovare dei difetti a questa squadra, sembra davvero difficile. Senza dubbio alcuni reparti potrebbero essere migliorati ma ha davvero senso farlo? Solo per dimostrare qualcosa ai rivali?

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.