Torino, Cairo firma per il Filadelfia e blinda Belotti: "Non lo cedo"

Il presidente granata toglie dal mercato il centravanti e lancia la sfida al futuro: pronti tre acquisti per Mihajlovic. E il Torino torna ufficialmente il padrone dello stadio Filadelfia.

Filadelfia, Torino,

507 condivisioni 2 commenti 0 stelle

di

Share

A 22 giorni dal raduno di inizio stagione, tenuto il 10 luglio davanti a 4000 tifosi, il Torino torna ufficialmente il padrone dello stadio Filadelfia, storica casa del calcio granata. Questa mattina la sala delle Colonne del Comune di Torino ha ospitato l’atto di firma del contratto di locazione dello storico impianto alla presenza del presidente del club Urbano Cairo, del presidente della Fondazione Cesare Salvadori, del membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Andrea Voltolini e del segretario della Fondazione Giuseppe Ferrari. La struttura mantiene ancora alcune porzioni di quella iniziale da 15mila posti, e per il club rappresenta la casa dove il Torino vinse 7 scudetti, di cui uno revocato.

Una tappa fondamentale per la società granata, che pagherà un canone di affitto di 205mila euro all’anno alla Fondazione Filadelfia, utile per pagare le spese di completamento del museo del club e della foresteria. Il Filadelfia sarà nei fatti la sede degli allenamenti della Prima Squadra e ospiterà le partite della formazione Primavera. Un accordo valevole per 20 anni, fino al 2037, con opzione di rinnovo per altri 6 anni esercitabile da parte del Torino, che sosterrà anche le spese di manutenzione.

Quella di oggi è stata una giornata storica per il club granata, a suggellare un cammino non semplice, passato per un braccio di ferro intenso per siglare il contratto d'affitto. A firma fatta, il presidente del Torino ha messo alle spalle il passato:

La ricostruzione del Filadelfia è stato un grande lavoro di squadra, per noi è motivo di grande orgoglio poter tornare ad allenarci lì. E' uno stadio che diventerà sempre più bello con la cura di ogni dettaglio, proprio come avviene per ogni casa perchè il Filadelfia è la nostra.

Il Torino si riprende il Filadelfia, Cairo blinda Belotti

A margine della cerimonia di firma del contratto di affitto del Filadelfia, Cairo ha anche fissato gli obiettivi sul mercato del Torino, chiamato a migliorare il nono posto della Serie A 2016/2017:

Si sa che nel calciomercato bisogna anche saper aspettare, vogliamo aggiungere tre calciatori in rosa: una punta, un difensore e un centrocampista. Agiremo senza fretta, perché si tratta di alternative ai calciatori che già abbiamo.

Tra i tre obiettivi in entrata del Torino, non è sfuggita la presenza di un attaccante centrale. Il nome giusto potrebbe essere quello di Duvan Zapata, rientrato al Napoli dopo l'esperienza con l'Udinese. Chiunque arriverà, dovrà però attendere il proprio turno alle spalle di Andrea Belotti: il "gallo", 28 reti in 38 presenze nella scorsa stagione e riferimento della Nazionale italiana, non è sul mercato nonostante gli interessamenti di alcune grandi tra cui il Milan. Parola di Cairo.

Belotti? Non lo vendiamo. Zapata ad oggi è un calciatore sotto contratto con il Napoli.

Andrea Belotti festeggia dopo un gol con il Torino: per il suo presidente Cairo è incedibile
Andrea Belotti festeggia un gol con il Torino: per il suo presidente Cairo è incedibile

Oltre il calcio giocato, c'è un altro obiettivo che il Torino vuole inseguire a breve termine. La restituzione dello scudetto vinto nel 1927, che avrebbe rappresentato il primo titolo tricolore nella storia del club, revocato per il presunto tentativo di un dirigente granata dell'epoca di ammorbidire il terzino della Juventus Luigi Allemandi alla vigilia di un derby. Sul tema Cairo si è mostrato deciso a lottare fino all'ultimo istante:

Sarà una stagione speciale per noi. Rivogliamo anche l’ottavo scudetto: ci spetta e per questo abbiamo fatto un’istanza in Figc.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.