L'Italbasket vince la Trentino Cup, Gallinari dice addio all'Europeo

Gli uomini di Ettore Messina battono a fatica l'Olanda in un match a dir poco complicato. Il giocatore dei Clippers viene espulso, si frattura la mano e salterà l'Europeo.

Gli azzurri vincono la Trentino Cup

416 condivisioni 25 commenti 5 stelle

di

Share

Un'Italia convincente solo a tratti riesce ad avere la meglio sull'Olanda per 66-57 e si porta a casa la Trentino Basket Cup. L'Italbasket, dopo la straripante vittoria contro la Bielorussia, si trova davanti un'avversaria tosta, che dimostra fin da subito di non essere al PalaTrento come semplice comparsa e, anzi, mette in seria difficoltà gli azzurri, giocando un basket aggressivo e fisico. Gli Orange sono nettamente più avanti nella preparazione rispetto alla squadra di Messina perché il 5 agosto si giocheranno le prequalificazioni ai prossimi Mondiali.

Gallinari, addio Eurobasket

La nota più dolente della partita con l'Olanda, e sicuramente di tutta l'estate azzurra, è la frattura della base del primo metacarpo della mano destra per Danilo Gallinari. Il nuovo acquisto dei Clippers ha reagito in maniera esagerata a una gomitata dell'olandese Kok, sferrandogli un destro che gli è costata l'espulsione e l'Europeo. Comincia in salita quindi l'avventura di Messina. 

La cronaca

Il turnover voluto da coach Ettore Messina lascia fuori Aradori, Baldi Rossi, Cinciarini, Cusin e Tonut. Al loro posto c'è spazio per Abass, Della Valle, Vitali e regala l'esordio in Nazionale a Paul Biligha. Dopo una partenza davvero a rilento che vede gli ospiti scappare fino al 9-3, gli azzurri trovano il primo vantaggio solo allo scadere della prima frazione grazie ad una bomba di Marco Belinelli (14 punti per lui ed MVP del match). Nella seconda frazione gli azzurri tentano un primo allungo, guidati da un positivissimo Biligha (7 punti per lui) e dal talento di Danilo Gallinari, arrivando fino al 27-19. A pochi minuti dal termine del quarto, però, il match inizia a surriscaldarsi e il Gallo arriva alle mani con Kok ed entrambi vengono espulsi. Sul finale del periodo gli ospiti riescono a ricucire il distacco, chiudendo a -6 sul 30-24.

Burns dell'Italia
Tutta l'esplosività di Burns

Nel secondo tempo la gara si accende ulteriormente sul piano del gioco. Gli azzurri cercano in tutti i modi di dare la spallata decisiva alla partita e, anche grazie ad una buona prova di Abass (5 punti all'esordio stagionale), riescono a toccare il +10. Successivamente è l'Olanda ad impadronirsi del pallino della partita, impattando sul 47 pari il match. A risolvere la partita nel finale ci pensano i canestri dei due veterani Belinelli e Datome, insieme ai 5 punti consecutivi di Luca Vitali che regalano la seconda vittoria in due giorni all'Italbasket.

Italbasket, un mese esatto agli Europei

Il cammino della squadra azzurra continua e, a 30 giorni dall'esordio contro i padroni di casa di Israele, il lavoro da fare è ancora tanto. I problemi, più che di carattere tattico e tecnico, sembrano essere soprattutto di concentrazione e attenzione. I tanti tiri liberi sbagliati e le basse percentuali ne sono un chiaro segnale. Il match contro l'Olanda è servito agli azzurri soprattutto per capire come si reagisce ad una situazione complessa e ha dato diversi spunti per migliorare le cose che ancora non girano alla perfezione.

Biligha, Vitali e Burns
Luca Vitali dà indicazioni ai due "passaportati" Biligha e Burns

La cosa migliore vista in questa Trentino Basket Cup è sicuramente l'atteggiamento dei giocatori. Tutti pronti a buttarsi su ogni singolo pallone vagante e tutti pronti a "sbattersi" in difesa. Anche un giocatore ultraoffensivo come Belinelli ha voluto dare l'esempio ai più giovani, mettendosi a pressare a tutto campo.

Un altro aspetto positivo della partita con l'Olanda è lo spirito messo in campo dai 3 passaportati (Abass, Biligha e Burns). I tre hanno dimostrato tanta voglia di entrare nei 12 e la loro energia è stata sicuramente un fattore. Purtroppo, però, le regole FIBA costringeranno il ct Messina a sceglierne solo uno.

Dopo un giorno di riposo, gli azzurri si ritroveranno martedì a Cagliari. Il 6 agosto sfideranno in amichevole la Nigeria poi, dall'11 al 13, ci sarà il Torneo di Cagliari con Finlandia, Turchia e ancora Nigeria. Gli azzurri torneranno ancora in campo il 18 agosto al Torneo di Tolosa, in Francia, dove affronteranno Montenegro, Belgio e Francia. L'ultimo torneo prima dell'Europeo sarà ad Atene, con le sfide a Serbia, Grecia e Georgia.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.