Psg, Dani Alves decide la Supercoppa e consiglia Neymar: "Sii egoista"

L'esterno del Paris Saint-Germain chiama il suo amico del Barcellona: "Gli ho suggerito di essere coraggioso, ma la scelta finale è solo sua".

2k condivisioni 15 commenti 0 stelle

di

Share

Dopo aver lasciato in modo abbastanza controverso la Juventus finalista dell'ultima Champions League, Dani Alves si è presentato come meglio non poteva al Paris Saint-Germain. A Tangeri, in Marocco, l'esterno brasiliano ha già arricchito il suo personale palmares, vincendo da protagonista la Supercoppa francese contro il Monaco.

Per i parigini si tratta della quinta vittoria di seguito in questa competizione e questa volta la griffe è proprio dell'ultimo arrivato. Dopo il vantaggio iniziale di Sidibé, Dani Alves ha infatti riportato in parità il risultato con una magistrale punizione.

E non è finita, perché dopo ha servito a Rabiot l'assist per la rete del definitivo 2-1. Al termine della gara è stato eletto migliore in campo per distacco, ha già dimostrato anche a Parigi il motivo per cui venga considerato il migliore esterno destro del mondo. E nelle interviste del post partita, ovviamente, gli è stato chiesto un suo giudizio sull'affaire Neymar, in bilico tra Barcellona e Paris Saint-Germain.

Dani Alves consiglia Neymar

Si è già detto del peso determinante avuto da Dani Alves nel corso dell'operazione di calciomercato da record che dovrebbe portare Neymar dal Barcellona al Paris Saint-Germain. Questa volta però l'esterno brasiliano del club parigino ha parlato direttamente dell'argomento, come sempre senza peli sulla lingua:

Parlo con lui ogni giorno, ma non sempre di calcio. Cerco di farlo stare tranquillo, perché se ascolti la gente in questi momenti rischi di uscirne pazzo. Quello che gli ho detto è di essere egoista, perché i club non penseranno più a te nel momento in cui non produrrai più risultati per loro.

Oltre all'egoismo, Dani Alves ha poi consigliato anche altro a Neymar, sulla base della sua esperienza:

Gli ho suggerito di essere coraggioso, perché questo mondo è per i coraggiosi. Io sono un esempio sotto questo punto di vista, perché non era semplice lasciare il Barcellona o la Juventus. Lui deve decidere cosa sia meglio per continuare a crescere: io desidero solo che sia felice, poi se lo sarà qui molto meglio. Spero che arrivi, ma io non ho alcuna incidenza nella sua decisione: questa è una scelta importante e la deve prendere da uomo. È uno dei miei migliori amici e sarei felice di averlo al mio fianco, ma non interferirei mai in una decisione così.

Questa scelta spetta solo ed esclusivamente a Neymar, insomma. Che intanto, subito dopo il Clasico negli States, ha approfittato dell'occasione per incontrarsi con Floyd Mayweather. Chissà che anche la leggenda del pugilato che presto se la vedrà con McGregor non gli abbia dato qualche consiglio...

The CHAMP 🥊 @floydmayweather "Easy"

A post shared by Nj 🇧🇷 👻 neymarjr (@neymarjr) on

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.