Calciomercato, Neymar: il Barcellona denuncerà il Paris Saint-Germain

Fonti vicine al club catalano fanno sapere che è già pronta la denuncia se i francesi dovessero pagare la clausola rescissoria.

Neymar al centro del dibattito tra Barcellona e Psg

1k condivisioni 49 commenti 5 stelle

di

Share

Sembrava che il Barcellona si fosse ormai rassegnato all'idea di veder partire Neymar, direzione Parigi, e che il presidente Bartomeu fosse disposto a trattare l'operazione di calciomercato con il Paris Saint-Germain. Sembrava, appunto. Perché da quello che filtra dalla Spagna, la strategia del club catalano è ciò che c'è di più lontano da un atteggiamento remissivo.

Dopo le indiscrezioni svelate de Mundo Deportivo, secondo le quali il giocatore avrebbe già rivelato ai suoi compagni di squadra che il Paris Saint-Germain pagherà interamente la clausola da 222 milioni e, di conseguenza, lo farà diventare la prossima settimana il nuovo recordman del calciomercato, il Barcellona ha deciso di reagire.

La notizia arriva sempre dalla Spagna, dove si spiega che la nuova strategia del club blaugrana non sia proprio quella di deporre l'ascia di guerra e arrendersi alle logiche di calciomercato. "Noi vogliamo che resti, ma ci sono le clausole. Se vuole andarsene, venga pagato fino all'ultimo euro e potrà farlo", aveva detto il presidente Bartomeu. Ma pagare una cifra così alta, comporta anche delle conseguenze.

Neymar, il Barcellona pronto a denunciare il Paris Saint-Germain
Neymar al centro di un contenzioso tra Barcellona e Paris Saint-Germain

Il Barcellona denuncerà il Psg per il "caso Neymar" 

La nuova indiscrezione in arrivo dalla Spagna, infatti, trapela da fonti molto vicine alla dirigenza del Barcellona e sembra proprio che la società catalana sia pronta a denunciare il Paris Saint-Germain, nel caso in cui i francesi dovessero realmente pagare i 222 milioni di clausola rescissoria di Neymar.

Il motivo è prettamente regolamentare e riguarda nello specifico il Fair Play Finanziario. Spendendo quella cifra monstre - in sintesi, il pensiero del Barcellona - il Psg non rispetterebbero i parametri del FPF stabiliti dall'UEFA.

Il club catalano, con il supporto della federcalcio spagnola, fa presente che i conti e bilanci di qualsiasi grande club europeo sono pubblici e che nessuno può avere in cassa una tale quantità di denaro da permettersi un'operazione del genere. Di conseguenza, la supposizione dei dirigenti del Barça è che i soldi che saranno versati per pagare la clausola di Neymar non arriveranno direttamente dal Paris Saint-Germain, ma da un altro finanziatore: se così fosse, questo diventerebbe in automatico oggetto di indagine da parte dell'UEFA.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.