UFC 214 - Jones vs Cormier 2: l'evento dell'anno è alle porte

Finalmente ci siamo: è tempo di UFC 214. Siete pronti ad assistere alla migliore card di MMA dell'anno? L'Honda Center di Las Vegas sarà teatro dell'evento.

Poster ufficiale UFC 214

42 condivisioni 3 commenti 5 stelle

di

Share

Ci siamo. Solo brividi osservando i match che compongono la main card di UFC 214. Sono praticamente tutti un main event di qualsiasi altra card.

Si parte da un incontro che vede protagonisti Jimi Manuwa (17-2) e Volkan Oezdemir (14-1), un'ideale title eliminator.

Nel secondo match si affronteranno i veterani Robbie Lawler (27-11, 1 NC) e Donald Cerrone (32-8, 1 NC) nella categoria delle 170 libbre. I due anticiperanno ben tre incontri titolati.

UFC, Jones vs Cormier 2
Poster ufficiale di Jones vs Cormier 2

UFC 214 alle porte, ogni match è un main event

Ad aprire la main card, un match nella categoria dei massimi-leggeri che deciderà, con tutta probabilità, il prossimo sfidante al titolo. I due artisti del KO Jimi Manuwa e Volkan Oezdemir si affronteranno sui tre round. L'inglese di origini nigeriane Manuwa, ex campione UCMMA, chiede ormai da tempo la chance titolata ed è reduce da due vittorie consecutive arrivate tramite sensazionali KO.

A farne le spese, l'ex sfidante al titolo Ovince St. Preux e l'ottimo grappler Corey Anderson. Il pugilato composto e potente di Manuwa, accompagnato dalla grande capacità di accorciare le distanze e da dei calci davvero potenti, fanno dell'inglese un vero e proprio fenomeno della kickboxing applicata alle MMA. I soli a fermarlo fino ad oggi, i due ex sfidanti al titolo Alexander Gustafsson e Anthony Johnson. Lo svizzero Volkan Oezdemir ha accettato il primo match in UFC con un preavviso di un paio di giorni ed è riuscito a sconfiggere anch'egli St. Preux, ma ai punti.

La vera sorpresa è arrivata nel match successivo, in cui ha fulminato dopo appena 28 secondi dall'inizio del match, il forte Misha Cirkunov. Il lettone provò a caricare Oezdemir che, con uno splendido movimento laterale e un gancio dietro l'orecchio, mise la parola fine al match. Uno scontro fra colossi che è l'ideale apertura di un evento di tale portata.

UFC, manuwa vs Oezdemir
Poster ufficiale del match fra Jimi Manuwa e Volkan Oezdemir

A seguire, si scende al limite delle 170 libbre, pesi welter. Due guerrieri formidabili si daranno battaglia per rimanere nella parte alta dei ranking in un match originariamente programmato per UFC 213, poi spostato al mese successivo. Robbie Lawler, fuori dalle scene da più di un anno a seguito della sconfitta per mano di Tyron Woodley che gli costò il titolo, torna in scena contro Donald Cerrone. Il Cowboy, anch'egli reduce da una sconfitta per TKO per mano del forte Jorge Masvidal, vuole tornare alla vittoria dopo la brusca interruzione che fermò una striscia positiva di 4 vittorie consecutive ottenute da quando è salito nella categoria dei welter.

Un match che significa redenzione e possibilità di pensare ancora a una chance titolata, dunque. Robbie Lawler, rinato dopo il suo passaggio ai welter e capace di conquistare addirittura la cintura, è un vero artista del KO. Atleta dalle mani molto pesanti, paga un po' la scarsa mobilità sulle gambe, ma è capace di offrire vere e proprie guerre, indimenticabile il secondo match contro Rory MacDonald. Cerrone aveva tentato l'assalto alla cintura dei pesi leggeri, venendo letteralmente demolito da Rafael dos Anjos.

Rinascita anche per lui nei welter, categoria in cui finalizzò Alex Oliveira, Patrick Coté, Rick Story e Matt Brown, prima di cedere momentaneamente il passo. I suoi calci sono un marchio di fabbrica, è capace di fulminare qualunque avversario grazie alla velocità e alla precisione. In difficoltà quando trova avversari dal ritmo molto alto, soffre anche i colpi al corpo, ma è capace di comeback spettacolari e da un atleta del suo calibro ci si può aspettare di tutto. 

Cerrone vs Lawler, UFC 213
Poster originale del match fra Cerrone e Lawler, inizialmente programmato per UFC 213

Il terzo match della main card vedrà il primo titolo in palio. Al limite delle 145 libbre, si contenderanno il titolo vacante lasciato da Germaine de Randamie, Cris "Cyborg" Justino (17-1, 1 NC) e Tonya Evinger (19-5, 1 NC), entrambe ex campionesse Invicta FC. La Santos non perde dal suo match d'esordio, ha collezionato adesso 7 vittorie di fila dopo un'interruzione dovuta a un NC in Strikeforce ed è considerata la donna più forte del pianeta. Tutte coloro che hanno provato a sfidarla sono state ridimensionate. Solo Vanessa Porto e Yoko Takahashi sono arrivate ai punti con lei. Il suo striking furioso è rinomato, la brasiliana possiede una muay thai davvero spaventosa.

Pugilato molto potente, fisicità impressionante; battere Cris Cyborg è diventato l'obiettivo di ogni donna facente parte della categoria. Tonya Evinger, a seguito di ben 9 vittorie consecutive, fu protagonista di una storia alquanto strana. Stava difendendo il proprio titolo Invicta FC contro la russa Yana Kunitskaya e fu sottomessa con una armbar. Il risultato però fu cambiato in NC poiché l'arbitro ordinò alla Evinger di abbandonare una posizione legale e offrire praticamente la sottomissione all'avversaria. La Evinger vinse l'appello e anche il rematch contro la sua avversaria, mantenendo il titolo Invicta FC. Il suo obiettivo adesso è superare la donna più forte in circolazione.

UFC 214, poster ufficiale del match valevole per il titolo dei pesi piuma
Poster ufficiale del match fra Cris Cyborg e Tonya Evinger

Il co-main event sarà nella categoria dei pesi welter e varrà il titolo. Protagonisti due atleti che non hanno bisogno di presentazioni: il campione Tyron "The Chosen One" Woodley (17-3-1) e lo sfidante, il re del jiu-jitsu applicato alle MMA, Demian Maia (25-6). Dopo i due match contro Stephen Thompson, finiti prima in pareggio e poi con una vittoria ai punti per Woodley, il campione chiese un match contro Georges St-Pierre. Il percorso nei welter di Maia però lo rendeva sfidante al titolo di diritto, avendo collezionato ben sette vittorie consecutive, l'ultima delle quali contro Jorge Masvidal.

Woodley è un power-wrestler con una grandissima difesa dei takedown, ha una grandissima potenza da KO, caratteristica che lo rende uno dei più temibili power-puncher dell'intero roster UFC. Maia è un submission fighter che ha migliorato di molto il proprio wrestling. Utilizza lo striking molto ortodosso solo per arrivare ad atterrare i propri avversari e dominarli nel ground game fino a finalizzarli. Riuscirà il brasiliano, all'alba dei 40 anni, ad aggiungere questo importantissimo titolo alla bacheca dei suoi trofei o il campione terrà il titolo dimostrandosi ancora una volta il miglior welter di categoria?

UFC 214, poster del match fra Maia e Woodley
Poster ufficiale del match fra Tyron Woodley e Demian Maia

E finalmente arriviamo al main event. Al match più atteso dell'anno, alla risoluzione di una faida che ha infiammato il mondo delle MMA. Il titolo in palio nella categoria dei massimi-leggeri fra l'attuale campione Daniel Cormier (19-1) e lo sfidante Jon Jones (22-1). I due si sfidarono per la prima volta a UFC 182 e ottenne la vittoria Jones ai punti, vincendo di misura 4 round su 5 e riuscendo a mantenere saldo alla vita il proprio titolo. A seguito di problemi personali al di fuori dell'ottagono, UFC privò Jones del suo titolo assoluto prima e ad interim poi, vinto contro Ovince St. Preux. Dopo varie vicissitudini e un match saltato per l'ennesima volta a UFC 200, i due sono finalmente pronti a darsi battaglia per la seconda volta.

Cormier, campione e wrestler eccezionale, non riuscì nel primo match a dominare Jones sul suo terreno, conta di poterlo fare questa volta. Jones, dal canto suo, considerato uno dei migliori fighter di ogni epoca, sa essere pericoloso in ogni aspetto del combattimento: striking fenomenale, wrestling elitario, ground game degno dei migliori. Il tempo è passato, e questo gioca a sfavore del campione, ormai trentottenne. Nell'ultima uscita però Jones è sembrato meno mobile, anche se più potente. Riuscirà "Bones" a riprendersi ciò che è stato suo o è tempo per il campione di dimostrare di avere la cintura alla vita per un motivo? Non ci resta che aspettare sabato notte per scoprirlo.

UFC, Cormier con un takedown su Jones
UFC 182, Cormier solleva Jones e affonda il takedown. Jones vincerà ai punti.

L'appuntamento è per la notte fra il 29 e il 30 luglio alle ore 4.00. Come al solito su FOX Sports, canale 204 di Sky.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.