Tottenham, nel nuovo stadio già pronte le safe standing?

In una foto trapelata sul web, nel nuovo stadio degli Spurs si vedono dei seggiolini già installati molto simili a quelli delle safe standing.

Il lavori per il nuovo stadio del Tottenham

1k condivisioni 9 commenti 0 stelle

di

Share

Anche se la stagione alle porte è quella del biennio 2017/2018, il Tottenham Hotspur guarda già con fiducia a quello che accadrà più o meno tra 13 mesi, quando i lavori per la costruzione del nuovo stadio saranno completati e la squadra sarà pronta ad inaugurarlo. In questo anno di transizione, dal momento che erigere il nuovo impianto significava demolire il vecchio White Hart Lane, gli Spurs giocheranno le partite casalinghe sia di Champions League che di tutte le altre competizioni nazionali, a Wembley.

Oltre alla frenesia di dirigenti, giocatori e addetti ai lavori che non vedono l'ora di poter ammirare lo stadio nella sua interezza, c'è anche un pizzico di curiosità. Si è parlato di terreno retrattile, si è parlato di un impianto costruito appositamente per mettere in risalto il suono prodotto dai cori dei tifosi e migliorare così l'atmosfera. Si è parlato addirittura di una birreria artigianale pronta a rifornire centinaia di migliaia di tifosi. 

Insomma, del nuovo stadio del Tottenham se n'è parlato talmente tanto che adesso gli stessi tifosi (o semplici appassionati) fremono dalla voglia di capire se tutte queste novità renderanno effettivamente ancora più bella e significativa la loro esperienza al seguito della loro squadra del cuore. 

Tottenham, spuntano i rail seating: novità in arrivo?

In una foto fatta trapelare da un profilo Twitter legato al Tottenham, si notano un paio di seggiolini molto simili ai cosiddetti rail seating (o safe standing area, per chiarire il concetto). L'immagine non desterebbe nessun clamore se non fosse per il fatto che proprio per quei "posti a sedere" i Supporters Club di tutta la nazione stanno combattendo con incontri, manifestazioni e campagne di sensibilizzazione oramai da qualche anno.

Si lavora nel nuovo stadio del Tottenham

L'obiettivo dei tifosi è quello di far emanare una legge che permetta l'installazione delle safe standing area, ovvero settori dello stadio fatti appositamente per permettere ai tifosi di seguire la partita, qualora lo desiderino, in piedi.

Il lento e costante cambiamento del tifo inglese dai mesi successivi alla tragedia di Hillsborough è arrivato a un bivio: spesso gli stadi, soprattutto quelli delle grandi squadre, vengono invasi da turisti e curiosi più preoccupati a far foto che a tifare. Questo ha portato a un peggioramento dell'atmosfera generale all'interno dei vari impianti e al malumore diffuso tra i tifosi. 

Questo decadimento non è passato inosservato e ha di fatto risvegliato l'animo dei veri tifosi, che vedono lo stadio come un luogo di festa, aggregazione e, ovviamente, di sport. Secondo la loro opinione, i rail seating sarebbero il primo passo verso il miglioramento, tanto da essere consapevoli che anche alle istituzioni, sotto sotto, non conviene affatto permettere al calcio inglese di inabissarsi fino a un punto di non ritorno: troppo grande e ricco il giro d'affari che Oltremanica ruota attorno a questo sport. 

La safe standing del Celtic Park

Al momento il Tottenham non ha rilasciato nessuna dichiarazione ufficiale a riguardo, sebbene un portavoce del club ha fatto sapere che la presenza di quei seggiolini è dovuta al fatto che il club è conscio di un possibile cambio della legislazione corrente e, in caso di obbligo di installamento delle safe standing, parte del lavoro sarebbe già fatto. In attese delle conferme ufficiali, anche i tifosi del Tottenham possono iniziare a sperare in un cambiamento. 

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.