Mourinho: "Messi, Neymar e Ronaldo unici. Proviamo a ridurre il gap"

Il tecnico del Manchester United ha commentato l'amichevole persa contro il Barcellona, valevole per l'International Champions Cup: "Contro certi giocatori non si può competere".

651 condivisioni 3 commenti 0 stelle

di

Share

Tra dubbi e certezze, il Manchester United prepara la prossima stagione. Lo sta facendo negli Stati Uniti, nell'International Champions Cup: dopo la vittoria nel derby contro il Manchester City e quella ai rigori con il Real Madrid, la squadra di Mourinho si è dovuta arrendere al Barcellona. A decidere la gara il gol nel primo tempo di Neymar.

Al termine dell'amichevole, lo Special One è intervenuto in conferenza stampa per rispondere alle domande dei giornalisti. Mourinho ha analizzato la partita contro i blaugrana e ha fatto un primo bilancio della preparazione del Manchester United in vista dell'inizio della Premier League:

L'atmosfera è buona. Credo che questo sia molto importante nel pre-campionato. La gente vuole vedere i migliori giocatori in azione. La partita è finita 1-0 per loro, ma poteva finire in qualsiasi modo, ci sono state tantissime occasioni. Entrambe le squadre hanno cercato di vincere. Non sono contento di come abbiamo difeso. Il risultato non è importante in questo momento, è stato un incontro positivo.

Manchester United, il lavoro di Mourinho

Una sconfitta che aiuta a crescere. Mourinho vede il bicchiere mezzo pieno dopo la prestigiosa sfida con il Barcellona. La differenza tra i blaugrana e il suo Manchester United, al momento, è tutta nelle individualità:

Di Messi e Neymar ci sono solo loro, non hanno doppioni. Suarez, Iniesta, Pique, Ronaldo, Bale, Kroos... sono unici. Non possiamo averli, perché appartengono ad altri club. L'unica cosa che possiamo fare è lavorare duro per migliorare, ma contro squadre con giocatori di questo livello, c'è poco da fare.

Le parole di José Mourinho dopo il Barcellona

L'arrivo di Lukaku e Lindelöf non sposta gli equilibri del Manchester United, soprattutto se hai davanti un tridente come quello del Barcellona. Ma la filosofia di Mourinho è chiara:

Lavorare tatticamente per cercare di ridurre il gap. In questo modo nel calcio si può vincere, è un sport che rende questo possibile, ma quando loro hanno la palla tra i piedi è qualcosa di incredibile. Per quanto puoi lavorare tatticamente, la cosa più importante è il rapporto con il pallone. E devo dire che Pogba ha dimostrato di essere a quel livello.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.