La carriera divina di Federica Pellegrini: 7 medaglie nei Mondiali

Federica Pellegrini vince i 200 metri stile libero ai Mondiali di nuoto di Budapest 2017. È il quinto oro conquistato dalla stella azzurra, che non ha ancora intenzione di ritirarsi...

Federica Pellegrini mondiali di nuoto Budapest 2017 medaglia d'oro

174 condivisioni 4 commenti 5 stelle

di

Share

Federica Pellegrini medaglia d’oro a Budapest nei 200 stile libero. La fuoriclasse del nuoto azzurro si regala l'ennesimo successo alla soglia dei 29 anni, un'altra impresa da consegnare alla storia. La Pellegrini si è imposta in finale con il tempo di 1’54”73 davanti alla statunitense Ledecky, la favorita assoluta, e all'australiana McKeon, argento ex aequo con il tempo di 1’55”18.

La nuotatrice italiana scattava dalla corsia numero 6 dopo gli ottimi tempi in batteria e semifinale: prima frazione in 27”22 (quinta), passaggio a metà gara in 56”41 (29”19 in frazione), virata dei 150 in 1’25”91 (29”50 e quarta), gli ultimi 50 metri in pieno controllo in 28”82 con una rimonta che nessuno sa fare come lei.

Nell'ultima vasca mette dietro Ledecky, vincitrice di tre ori in Ungheria, Mckeon, 23 anni, la stessa che in Brasile le soffiò il bronzo e dietro ancora la russa Veronika Popova.

Federica Pellegrini sempre a podio nei Mondiali

La medaglia d'oro nei 200 stile libero di Budapest è la numero sette conquistata da Federica Pellegrini in una competizione iridata. Un traguardo che permette alla Pellegrini di entrare nell'olimpo del nuoto staccando lo statunitense Ryan Lochte, che condivideva il record con 6 podi mondiali nei 200 misti.

Una lunga storia di medaglie mondiali che è cominciata a Montreal 2005, dove fu argento un anno dopo il secondo posto alle Olimpiadi di Atene (all'epoca Federica doveva ancora compiere 17 anni). In seguito è arrivato il bronzo di Melbourne 2007, quando a trionfare fu la sua storica rivale, la francese Laure Manaudou.

I record del mondo della Pellegrini

Nel 2008 si è aperto il quadriennio d'oro di Federica Pellegrini. La consacrazione a cinque cerchi di Pechino 2008, ritoccando in finale il record del mondo dei 200 stile libero in 1'54"82 e regalando all'Italia il primo oro femminile olimpico del nuoto. L'anno dopo a Roma 2009 conquista l'impresa con la doppietta 200–400 m stile libero, in entrambe le vasche abbassa i record del mondo: 1'52"98 nei 200 m, 3'59"15 nei 400.

Dopo il Mondiale scompare Alberto Castagnetti, storico allenatore di Federica e commissario tecnico della nazionale italiana di nuoto. Nel 2010 passa sotto la guida di Stefano Morini, ma il rapporto professionale tra i due s'interrompe a fine anno. Federica Pellegrini sceglie come nuova guida il francese Philippe Lucas, in passato coach di Laure Manaoudu. Si presenta al mondiale di Shanghai 2011 da campionessa del mondo nei 200 m e nei 400 m e riesce a confermare entrambi i titoli.

Federica Pellegrini
Federica Pellegrini a Shanghai vince la finale dei 200 metri stile libero

Delusioni alle Olimpiadi

Nelle rassegne a cinque cerchi di Londra e Rio manca l'appuntamento con la medaglia collezionando due quinti posti nel 2012 e un quarto nel 2016. Diverso il ruolino di marcia durante i Mondiali di nuoto. A Barcellona 2013 ritorna in vasca dopo un anno sabbatico in cui si era dedicata principalmente al dorso e sale sul secondo gradino del podio nei 200 stile libero dietro alla statunitense Melissa Franklin. A Kazan 2015 è ancora argento questa volta alle spalle di Katie Ledecky.  

Ultima vasca nei 200 stile libero

La delusione dopo Rio aveva fatto presagire l'annuncio del suo ritiro dalle attività agonistiche, ma in seguito Federica ha annunciato la propria determinazione nel voler dedicarsi al nuoto fino ai Giochi di Tokyo 2020, la quinta Olimpiade della sua carriera. L'ennesima conferma è arrivata a Budapest dopo l'ennesima vittoria di questa carriera divina: 

Non gareggerò più a livello internazionale nei 200 stile. È giusto chiuderli qui. Chiudo a casa mia, i 200 sl, da padrona di casa. Non mi ritiro perché ho ancora voglia di gareggiare ma sposto l’asticella verso il basso facendo altre gare d'ora in poi.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.