Italvolley, Zaytsev e il caso scarpe: "Troviamo una soluzione"

Intervistato da Sky Sport 24, lo schiacciatore ha chiesto di trovare una soluzione dopo l'allontanamento dalla Nazionale di Blengini.

Ivan Zaytsev vuole ricomporre lo strappo con la nazionale italiana di volley dopo il caso-scarpe

614 condivisioni 8 commenti 0 stelle

di

Share

Sembra quasi esserci un sottile filo rosso a unire le vicende sportive di Antonio Cassano e quelle di Ivan Zaytsev. Una settimana fa il Pibe di Bari Vecchia aveva annunciato e poi ritrattato il suo addio al calcio, a poche ore dall'allontanamento dello schiacciatore della Sir Safety Umbria Volley dal ritiro della Nazionale maschile a Cavalese, in provincia di Trento, dove l'Italia sta preparando gli Europei in programma fra un mese in Polonia. Sette giorni dopo Cassano è tornato sui suoi passi, salutando definitivamente il calcio giocato, mentre Zaytsev sta cercando di ritrattare la propria posizione e risolvere il caso-scarpe creatosi con Coni e Federvolley.

Intervistato da Sky Sport 24, uno dei pilastri del gruppo allenato dal ct Gianlorenzo Blengini ha fatto chiarezza sul vincolo contrattuale che lo lega all'Adidas, sponsor personale, e ha chiarito la sua posizione in merito alla tipologia di calzature indossate in azzurro, con la Mizuno che oggi è sponsor tecnico della Nazionale italiana. Un vincolo per tutti gli atleti, nessuno escluso: così è nata la pietra dello scandalo, che una settimana fa aveva portato alla revoca della convocazione di Zaytsev su comunicazione del presidente del CONI Giovanni Malagò.

Dalla data del 3 luglio, quando Zaytsev era tornato a disposizione di Blengini, gli interrogativi sul tipo di scarpe utilizzate dal pallavolista russo naturalizzato italiano avevano superato di gran lunga quelli di natura tecnica e atletica. Una pressione insostenibile per Federvolley e Coni, che prima avevano cercato una mediazione durante un incontro al Foro Italico di Roma, poi avevano maturato la decisione di escludere Zaytsev dai convocati. Una scelta alla quale l'atleta ha replicato con amarezza:

Si tratta di una storia strana, che mi lascia l’amaro in bocca. Sono deluso per come è finita: sono stato dipinto come un mercenario, una persona legata a un brand sportivo. Cosa che è vera, perché io sono un atleta sponsorizzato con l’Adidas, ho un contratto con questa ditta. Ma il vincolo con Adidas non riguarda la Nazionale.

Volley, Ivan Zaytsev con la divisa dell'Italia: una scena che si rivedrà presto?
Volley, Ivan Zaytsev con la divisa dell'Italia: una scena che si rivedrà presto?

Caos scarpe, Zaytsev cerca la mediazione con l'Italia

Le radici del problema erano state sollevate dallo staff di Zaytsev, che ha sottolineato la necessità di avere a disposizione un paio di scarpe da basket, ottenendo dopo diverse riunioni l'ok a utilizzare altre calzature nell'attesa che la Mizuno accogliesse la richiesta.

Purtroppo devo essere sincero: le nuove calzature proposte erano più consone a me, ma mi avevano provocato diversi acciacchi alle caviglie documentati dallo stesso staff medico della Nazionale. Così ho chiesto di modificarle o cercare un’altra soluzione.

Neanche l’arrivo di due paia di scarpe da basket griffate Mizuno aveva risolto il problema: durante gli allenamenti, Zaytsev aveva lamentato difficoltà con l'intersuola e aveva anche rifiutato l'utilizzo di un supporto plantare. Dettagli che hanno rappresentato la goccia che ha fatto traboccare il vaso nei rapporti con federazione e CONI. Durante l’intervista, però, la difesa di Zaytsev batte su un punto ben chiaro:

Il mio contratto con Adidas non vincola l’utilizzo delle scarpe in nazionale: c’è una clausola nel mio accordo con l’azienda che dice chiaramente che io sono libero di usare qualsiasi marca di scarpe venga fornita dalla nazionale. Perché è venuta fuori questa notizia? Forse perché la Mizuno mi aveva già cercato per mettermi sotto contratto dopo le Olimpiadi. La trattativa non si è conclusa perché dopo aver provato le loro scarpe, onestamente avevo detto loro che non mi trovavo con il loro prodotto.

Chi ci raggiunge??? #Schiaccia7

A post shared by Ivan Zaytsev (@zaytsev_official) on

Il relax vissuto sulla spiaggia di Sperlonga, documentato sui social, ha evidentemente portato consiglio a Zaytsev, che ha fissato senza mezzi termini tra i suoi obiettivi il ritorno in Nazionale:

Il mio unico pensiero è andare a fare gli Europei con una scarpa idonea, non farmi male e dare una mano alla squadra. Io ancora ci spero, la soluzione non è così complicata, io darei anche una gamba per la Nazionale. La soluzione è semplice: trovare una scarpa adatta per me del marchio che sponsorizza la federazione.

Volley, Ivan Zaytsev festeggiato dai compagni dell'Italia
Volley, Ivan Zaytsev lavora per il ritorno in Nazionale

Parole che vanno in un'unica direzione: ricucire lo strappo con il presidente della federazione Bruno Cattaneo e farsi trovare pronto ai nastri di partenza per  l’appuntamento con gli Europei in Polonia, fissato per il 25 agosto a Stettino. Zaytsev ha le idee chiare: la palla passa ora a Federvolley e CONI.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.