Chelsea, Kenedy insulta il popolo cinese: la società si scusa

Il centrocampista brasiliano ha ripetutamente insultato la Cina e i cinesi con dei video, poi rimossi, sul suo profilo Instagram. Il club si scusa con un comunicato.

Le Instagram Stories offensive di Kenedy nei confronti del popolo cinese

433 condivisioni 3 commenti 4 stelle

di

Share

Una tourneé estiva che rischia di aver definitivamente compromesso il suo futuro con la maglia del Chelsea. Il protagonista di questa storia è Kenedy, centrocampista brasiliano dei Blues, macchiatosi di un episodio a sfondo razzista e condannato pesantemente dai suoi stessi tifosi e dalla società londinese. 

In alcune Instagram stories pubblicate sul suo profilo ufficiale, il 21enne ha ripetutamente insultato e preso in giro la Cina e il suo popolo, additando come "idiota" un addetto alla sicurezza che sbadatamente si era addormentato sul posto di lavoro e trattando con disprezzo un altro dipendente dell'hotel nel quale il Chelsea sta soggiornando, commentando poi con la frase "fo***ta Cina". 

Due post che non sono ovviamente passati inosservati, scatenando nell'immediato la reazione di molti cinesi, colpiti dalla cattiveria e dalla superficialità con la quale il giocatore si era permesso di offenderli, ma anche quella dei tifosi del Chelsea che hanno da subito consigliato a Kenedy di cancellare i video e le foto.

Kenny nel corso dell'ultima partita del Chelsea nel campionato 2016/2017

Kenedy, il Chelsea: "Non è nel nostro stile"

Dura e immediata anche la risposta del Chelsea, che tramite un lungo comunicato ha risposto a tutte le lamentele giunte via social dopo la pubblicazione del video e della foto in questione. Nella nota la società ha voluto prendere le distanze dal gesto di Kenedy:

Vi chiediamo solennemente e sinceramente scusa per il comportamento tenuto da Kenedy sui social network. Per quanto il giocatore abbia velocemente eliminato i post incriminati, ci rendiamo conto che il danno sia oramai stato fatto. Il Chelsea ama i suoi tifosi cinesi e rispetta e ammira tutto il popolo cinese, indistintamente dalla sua fede calcistica. 

Queste le parole del club, che poi attacca direttamente il brasiliano e si scusa ulteriormente con i supporters cinesi del Chelsea:

Al giocatore verrà data una punizione esemplare. Il suo pensiero non rappresenta il pensiero di tutta la squadra e non è in linea con il comportamento e le aspettative che la società ha nei confronti dei suoi giocatori più giovani. Vi chiediamo ulteriormente e umilmente scusa per quanto successo, ringraziandovi per la vostra superlativa ospitalità. 

Un episodio destinato a finire nel dimenticatoio ma che rischia di compromettere definitivamente il percorso e la carriera dello stesso Kenedy con la maglia del Chelsea. Viste le sue comunque basse possibilità di trovare spazio nella squadra titolare attuale, non è escluso che il club decida in estate di cederlo in prestito per almeno una stagione. 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.