Calendario Serie A 2017/2018: come cambia il campionato

Nel prossimo campionato si giocherà anche nelle vacanze di Natale e Capodanno: ecco cosa può succedere alla prima giornata.

Il pallone che sarà utilizzato nel prossimo campionato di Serie A

1k condivisioni 39 commenti 5 stelle

di

Share

Con la comunicazione della scorsa settimana da parte della Lega Calcio, sono state ufficializzate tutte le date della nuova stagione calcistica italiana, che partirà con il primo turno eliminatorio della Coppa Italia del 30 luglio 2017 e si concluderà il 20 maggio 2018, con l'ultima giornata di campionato.

Tempi più ristretti rispetto al passato, per permettere al commissario tecnico degli azzurri Giampiero Ventura di avere qualche giorno in più di preparazione in vista dei Mondiali in programma la prossima estate in Russia.

Questo è stato possibile grazie alle novità introdotte nel calendario Serie A, che vede la sua prima partita in programma il 20 agosto. Previsti tre turni infrasettimanali (mercoledì 20 settembre, mercoledì 25 ottobre e mercoledì 18 aprile) e, soprattutto, partite in programma nelle vacanze natalizie, visto che si giocherà pure il 23 e il 30 dicembre. Cinque invece le soste: 3 settembre, 8 ottobre, 12 novembre, 14 gennaio e 25 marzo.

Calendario Serie A, i nuovi orari

A partire da questa stagione sono poi introdotti i differenti orari della partite del calendario Serie A. La Lega Calcio si è riservata infatti il diritto di stabilire gare (oltre alle ore già note del sabato alle 18 e alle 20.45, più quelle domenica alle 12.30, 15 e 20.45) anche il sabato alla 15, la domenica alle 18 e il lunedì alle 20.30.

Per quanto riguarda i tre turni infrasettimanali, poi, previsti due slot alle 19 e otto gare alle 21, suddivise tra le sei del mercoledì, una il martedì e una il giovedì.

Il 20 agosto inizia il calendario Serie A: è caccia alla Juventus
Calendario Serie A, il 20 agosto parte la caccia alla Juventus

La guida al sorteggio

Il sorteggio del calendario Serie A è fissato al 26 luglio (il luogo non è ancora stato ufficializzato) ancora una volta attraverso il computer, seguendo un algoritmo vincolato ad alcune regole ben precise.

Ad esempio non potranno esserci derby alla prima giornata e, come sempre, le squadre della stessa città dovranno alternarsi tra casa e trasferta.

Esclusa la possibilità che possano incontrarsi alla prima giornata le squadre che già si sono sfidate al debutto in campionato nelle due stagioni precedenti, così come non potranno affrontarsi Napoli e Milan (le due squadre impegnate nei preliminari europei, rispettivamente in Champions League ed Europa League). Analizzando le varie ipotesi, in teoria sarebbe possibile qualche big match come Juventus-Roma, Inter-Juventus o Napoli-Juventus, già alla prima giornata di Serie A.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.