Calciomercato Milan: Cairo blinda Belotti, Kalinic si avvicina

Il presidente del Torino: "Se Andrea rimanesse a Torino sarebbe buono per lui e per noi. Prima di cederlo ci penserò 100 volte". E i rossoneri virano sul croato.

Calciomercato Milan, Cairo blinda Belotti

490 condivisioni 23 commenti 5 stelle

di

Share

La cerchia di candidati per il ruolo di nuovo centravanti del Milan si stringe sempre di più. Negli ultimi giorni i rossoneri hanno visto sfumare due obiettivi di calciomercato: la dirigenza del Borussia Dortmund ha chiarito che Aubameyang non è in vendita e Alvaro Morata ha deciso di accettare l'offerta del Chelsea e di approdare a Londra.

I due nomi rimasti come possibili rinforzi del reparto offensivo sono quelli di Andrea Belotti e Nikola Kalinic. Per il croato c'è ormai da tempo l'accordo fra le parti e il giocatore sta solamente aspettando la chiamata del Milan dopo aver lasciato nuovamente il ritiro della Fiorentina, mentre la trattativa per numero 9 del Torino e della Nazionale italiana è molto più complicata.

Le richieste di Urbano Cairo per il suo centravanti sono molto alte e proprio ieri il presidente del Torino ha parlato della possibilità di tenere Belotti in granata ancora per una stagione, sottolineando come non siano ancora arrivate offerte congrue al valore del giocatore.

Calciomercato, Cairo: "Belotti farebbe bene a rimanere al Torino"

Belotti in Nazionale
Belotti potrebbe rimanere al Torino

Nonostante la faraonica campagna acquisti, la dirigenza del Milan crede che per completare la rosa a disposizione di Vincenzo Montella manchi ancora un tassello importante, quello del centravanti titolare. Belotti è il sogno di calciomercato di Fassone e Mirabelli, che vorrebbero portare a Milanello l'attaccante che ha dichiarato più volte di essere tifoso rossonero sin da piccolo.

Ma ieri il presidente del Torino Cairo ha parlato ai microfoni di Sky Sport, dichiarando di non aver ricevuto offerte da parte del Milan per il suo gioiello e di non avere l'obbligo di venderlo.

Non ho sentito il Milan. Se arrivassero 100 milioni da un club estero e Andrea fosse d’accordo, potrebbe andare via visto che c'è la clausola. Ma penso che se Belotti restasse un altro anno con il Torino, sarebbe una cosa buona per lui e per noi.

Se arrivasse una società estera disposta a pagare la sua clausola rescissoria, Cairo lascerebbe quindi andare il giocatore. Ma il presidente granata ha chiarito come anche per le squadre italiane, la valutazione di Belotti rimanga comunque molto alta.

La clausola vale solo per l'estero ma se arrivasse un'offerta del genere dall'Italia lui potrebbe andare. Ma non mi tremano i polsi, il Torino non ha bisogno di venderlo. È l'anno del Mondiale e se Andrea rimanesse a giocare qui farebbe bene, prima di cederlo ci penserò 100 volte.

Il numero 1 del Torino ha voluto sottolineare come in un'eventuale trattativa non conterebbe solo il volere del giocatore ma anche quello della società, con cui Belotti ha firmato un contratto fino al 2020.

È importante la volontà del giocatore ma anche quella della società. Non dobbiamo soltanto accettare quello che vuole lui ma tenere conto dell’impegno reciproco che abbiamo preso. È qui da due anni e vorremmo continuasse ancora un po' con noi.

Sempre ai microfoni di Sky ha parlato il direttore sportivo granata Petrachi, che ha confermato le parole del suo presidente sul futuro di Belotti.

Molti non hanno capito quanto vale Belotti. È arrivata qualche offerta dall’estero che non ha mai entusiasmato le nostre aspettative. Un giocatore del ’93, vice capocannoniere, vale molto di più di altri giocatori che sono venuti alla ribalta. 

La linea della società è stata ribadita allo stesso giocatore in un incontro fra le parti all'Hotel Palace, che ospita il ritiro estivo del Torino, in cui la dirigenza ha espresso a Belotti il desiderio di tenerlo in squadra anche per l'anno prossimo, a meno di proposte di pagamento della clausola rescissoria.

Il Milan vira con decisione su Kalinic

Kalinic alla Fiorentina
Kalinic si avvicina al Milan

Viste le difficoltà ad arrivare a Belotti, il Milan dovrebbe virare con decisione su Kalinic, che da tempo si è promesso ai rossoneri. L'attaccante croato è ufficialmente sul calciomercato, ha lasciato nuovamente il ritiro della Fiorentina per problemi familiari e aspetta soltanto una chiamata per potersi mettere a disposizione di Vincenzo Montella.

Dopo le parole di Cairo, Fassone e Mirabelli potrebbero decidere di accelerare definitivamente per Kalinic, che secondo Gianluca Di Marzio potrebbe unirsi alla squadra al ritorno dalla tournée in Cina.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.