Tratta di baby calciatori africani: possibili indagini su club di A

Documenti falsi, tratta di giovani calciatori dall'Africa e partite falsate: arresti e perquisizioni a Prato. Possibili coinvolgimenti di club di Serie A.

Prato, tratta di calciatori

194 condivisioni 7 commenti 0 stelle

di

Share

Serve una speranza concreta, il coraggio di migliorare le cose. Perché quello dell'immigrazione, in Italia, è ormai da tempo un tema troppo delicato. Materiale sensibile, sul quale spesso si emettono sentenze affrettate: unilaterali. Leggere di questi problemi connessi con la sfera del calcio, però, suona alquanto strano. Diverso. Ed è il caso dell'inchiesta che parte dal Prato Calcio, coinvolgendo addirittura il controllo di atti societari di squadre come Inter, Fiorentina e Cittadella.

Ma ecco il fatto. Perché dei giovani talenti africani - arrivati in Italia con tanto di certificati e visti di ingresso - venivano presentati come promesse del pallone. Non solo, in alcuni casi erano oggetto di trasferimenti a società di categorie superiori. C'è un però: perché queste documentazioni adesso si sospettano false. 

In particolare, da giovedì mattina, la polizia di Prato sta effettuando quattro misure di custodia cautelare e una serie di perquisizioni nei confronti del Prato e di altre società. Oltre a questo, poi, sono in corso ulteriori accertamenti su partite truccate e scommesse.

Tratte di baby calciatori dall'Africa

Nomi giovani, sì, ma di valore. Come Christian Kouamé, venduto dal Praco al Cittadella per 400 mila euro. E poi altri ragazzi, i quali avrebbero fatto ingresso in Italia con documentazioni fittizie per ottenere. E secondo l'ipotesi accusatoria, le società che ne detenevano i cartellini (il Prato e la Sestese) avrebbero poi raccolto profitti sulla vendita dei giocatori di cui detenevano il cartellino.

Documentazione falsa che attestava inesistenti condizioni personali, quali la maternità biologica o la filiazione naturale rispetto ai minori, in modo da richiedere ed ottenere il rilascio dei visti di ingresso per ricongiungimento familiare, e il successivo permesso di soggiorno per motivi familiari

Anche a Fiorentina e Inter è arrivata una richiesta di accesso agli atti societari da parte dei magistrati. Quest'ultime, però, avrebbero compiuto i trasferimenti nella piena sicurezza che tutto fosse regolare.

Partite alterate

Immigrazione, documenti falsi e partite alterate. Quest'ultimo ormai un problema ricorrente in Italia, soprattutto nelle serie minori: undici le gare sospettate in lega Pro ed Eccellenza. Per un totale di dodici perquisizioni, a carico di arbitri di calcio, presidenti, segretari e direttori sportivi di altre società di calcio. Violando le norme FIFA che regolano i trasferimenti dei giovani giocatori extracomunitari.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.