Calciomercato, Morata al Chelsea è il panchinaro più costoso di sempre

L'ormai ex Real Madrid è ottavo tra i trasferimenti più cari e primo tra gli spagnoli. Ma c'è un altro record: mai una "riserva" era stata pagata così tanto.

Alvaro Morata, dal Real Madrid al Chelsea per 80 milioni

1k condivisioni 9 commenti 5 stelle

di

Share

Cosa?! Il Chelsea ha pagato una seconda linea, una riserva, un panchinaro 80 milioni di euro?! Sì, messa così suonerebbe folle per chiunque: ok che il calciomercato attuale non conosce limiti, ma ora stiamo davvero esagerando. Il "rincalzo" in questione però si chiama Alvaro Morata, uno dei top player nel panorama internazionale degli attaccanti, campione d'Europa e del mondo con il Real Madrid e centravanti della Nazionale spagnola.

Magicamente, la super spesa dei Blues inizia a essere più razionale e comprensibile. Soprattutto perché i blancos non avevano alcuna intenzione e, ancora di più, alcuna necessità di abbassare il prezzo del canterano "recomprato" la scorsa estate dopo i due anni alla Juventus.

Resta il fatto che il colpo del Chelsea ha tutto, ma proprio tutto per essere a suo modo storico: è l'ottavo trasferimento più costoso nella storia del calciomercato, nonché l'affare record per un giocatore spagnolo: spazzato via il primato di Fernando Torres (58,5 milioni dal Liverpool al Chelsea nel 2010). È suo però anche un altro scettro: quello della "riserva" più cara di sempre. In questa classifica, l'ormai ex "vice Benzema" non ha praticamente concorrenza. 

Calciomercato, Morata la "riserva" più costosa di sempre

Prendiamo i primi 10 posti nella graduatoria dei colpi più salati da quando l'uomo inventò il gioco del calcio: tutti titolarissimi, destinati al massimo a qualche panchina saltuaria in nome del turnover. Sul podio ci sono sempre loro: Pogba, Bale e Cristiano Ronaldo. Tra Juve, Tottenham e Manchester United, ognuno dei tre era il campione da copertina della propria squadra di provenienza. Lo stesso vale per Higuain, Neymar e la new entry Lukaku, che seguono il terzetto di testa, ma anche per Luis Suarez: ci sono voluti quasi 82 milioni al Barcellona per strappare il Pistolero al Liverpool.

Calciomercato, Alvaro Morata lo spagnolo più costoso di sempre
Alvaro Morata è lo spagnolo più costoso nella storia del calciomercato: superato Fernando Torres

In ottava piazza ecco sistemarsi Morata: la base fissa dell'operazione tra Chelsea e Real viaggia sui 65 milioni, ma i bonus portano virtualmente la cifra - come anticipato - a 80 milioni tondi tondi. Declassando così James Rodriguez e Angel Di Maria in fondo alla Top 10. Per il colombiano il riferimento è ai 75 milioni che i blancos garantirono al Monaco dopo il Mondiale 2014. Stessa cifra che le stesse merengues incassarono per lasciar partire il Fideo in direzione Manchester United. Il trequartista argentino occupa anche la 16ª posizione, stavolta grazie ai 63 milioni che i Red Devils hanno ricevuto a loro volta dal PSG. Ecco, Di Maria è il primo campione, in questa classifica, a presentare un minimo punto in comune con il neo bomber dei Blues.

Negli ultimi due mesi della sua esperienza in Premier League, il nazionale albiceleste si ritrovò a partire molto più spesso dalla panchina che dal primo minuto. Un po' come avvenuto con David Luiz prima e Oscar poi: quando i due brasiliani sono stati ceduti proprio dai londinesi (al PSG per 49,5 milioni e in Cina per 60), entrambi avevano via via perso i gradi da titolare. A differenza loro, però, Morata non è mai stato una prima scelta nel Real Madrid di Zidane. Come non lo era Juan Mata nel suo ultimo (mezzo) anno allo Stamford Bridge: poi sono arrivati i 44,73 milioni (fonte Transfermarkt) per permettergli di ritrovare spazio al Manchester United. Anche lo spagnolo, tuttavia, aveva ricoperto il ruolo di titolare nelle sue precedenti stagioni a Londra.

Numeri spaventosi, altro che rincalzo

Insomma, navigando tra i meandri della Top 50 degli acquisti più costosi del calciomercato (ma volendo, anche oltre), è impossibile imbattersi in una situazione paragonabile a quella dell'ex attaccante della Juventus. Non solo per le cifre in ballo, ma anche per il reale status di rincalzo di lusso nelle gerarchie di Zidane: il tecnico francese gli ha sempre preferito Benzema. Ecco allora che Alvaro è partito dal primo minuto in Liga solamente 14 volte su 26 presenze totali, addirittura in una sola occasione in Champions League. Per lui parlano però le reti segnate: 20 i centri stagionali, realizzati in appena 1.904 minuti. Per una media gol spaventosa: uno ogni 95,2 minuti. Rendimento da top player, numeri da bomber di razza che può fare le fortune di qualsiasi club in Europa. Il "panchinaro" più costoso di sempre è pronto ora a diventare indispensabile.

Vota anche tu!

Da Diego Costa a Morata: un salto di qualità per il Chelsea?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.