UFC Fight Night 113 - Ponzinibbio shocka il mondo, KO su Nelson

Santiago Ponzinibbio scala la classifica dei pesi welter annientando Gunnar Nelson.

UFC, Santiago Ponzinibbio

108 condivisioni 1 commento 5 stelle

di

Share

Notte di finalizzazioni, quella di ieri in Scozia. UFC FN 113 ha visto darsi battaglia nel suo main event il rappresentante sella SBG Ireland Gunnar Nelson (16-3-1) e l'argentino in forza all'American Top Team Santiago Ponzinibbio (25-3).

La main card è stata pregna di finalizzazioni e match entusiasmanti, uno dei quali ha visto il ritorno dell'Irish Dragon Paul Felder (14-3), opposto al beniamino di casa Steven Ray (21-7)

Andiamo a rivedere cos'è successo nella card di Glasgow.

UFC, Rountree
Khalil Rountree, protagonista del match d'apertura

UFC FN 113, card dalle numerose finalizzazioni

Il primo match della main card ha luogo nella categoria delle 205 libbre, massimi-leggeri, e ha visto Khalil Rountree (6-2) imporsi in un match a senso unico su Paul Craig (9-2). Craig ha provato a prendere le misure al suo avversario che però ha dimostrato solidità e velocità. Con un ottimo footwork a supporto, Rountree ha scatenato il suo ottimo pugilato su Craig che si è limitato a rispondere timidamente, in maniera poco convinta. Mentre Rountree girava e colpiva, Craig cercava di trovare le contromisure all'ottimo lavoro di striking che il rappresentante della Syndicate MMA stava portando a termine. A seguito di un ottimo lavoro coi ganci, Rountree ha colpito il suo avversario con un ottimo headkick, parato parzialmente, a seguito del quale però Craig non riesce ad evitare un cortissimo montante sinistro che impatta sulla sua mandibola. Rountree ha poi terminato il lavoro in ground and pound con dei colpi a martello, portando il match a casa alla prima ripresa per TKO. 

UFC, Rountree mette KO Craig
Khalil Rountree finalizza Paul Craig

Il secondo match della serata si è svolto nella categoria delle 185 libbre, pesi medi. Il gallese Jack Marshman (22-6) è riuscito a portare a casa la vittoria a seguito di un match durissimo contro Ryan Janes (9-3). Dotato di un fisico imponente, Janes ha tentato di affondare Marshman girando all'esterno e tentando di utilizzare il vantaggio nell'allungo, invano. Il gallese, molto più esperto, ha centrato più e più volte il canadese alla mandibola, ma quest'ultimo ha dimostrato grande durezza psicofisica. Ha aperto più volte le sue azioni con ottimi low kick, ma è stato spesso intercettato dal fluido pugilato di Marshman, che ha provato ad utilizzare il counterstriking contro il canadese, riscontrando un buon successo. Durante il secondo round, un leggero calo del gallese ha permesso a Janes di tornare alla ribalta, ma solo momentaneamente. Il lavoro del gallese è stato blando ma continuo ed ha avuto successo nella terza ripresa: nonostante Janes venisse avanti coi middle kick, il gallese è riuscito a centrarlo più e più volte alla mandibola, stordendolo ma non riuscendo a metterlo KO. Alla fine i giudici consegnano in maniera unanime la vittoria nelle mani di Jack Marshman.

UFC, Marshman vs Janes
Jack Marshman colpisce Ryan Janes

Il terzo match si è svolto nella categoria dei pesi leggeri ed ha visto il ritorno in pompa magna del Drago Irlandese Paul Felder. Il suo avversario, il beniamino di casa, Steven Ray. Ray è partito in quarta, attaccando alle gambe Felder, che invece ha da subito mirato al corpo. Lo striking di Felder è pericoloso, Ray ha preferito entrare in clinch. Dopo un'iniziale fase di scambi dove Ray sembrava avere la meglio, al secondo clinch, Felder ha connesso una splendida ginocchiata che ha stordito mandando knockdown lo scozzese. Felder ha subito seguito il suo avversario a terra, connettendo delle gomitate chirurgiche alla mandibola, mettendo fine a un match breve, ma intenso.

UFC, Ray e Felder allo staredown
Staredown fra Paul Felder e Steven Ray

Il co-main event della serata ha visto la categoria dei pesi paglia femminili protagonista. Joanne Calderwood (11-3) ha cercato invano di fermare l'ascesa di Cynthia Calvillo (6-0). La Calvillo è un'ottima jutsuka, ma il match si è svolto quasi interamente in piedi e da qui, la protegé del Team Alpha Male ha dimostrato di trovarsi a suo agio. Nonostante lo svantaggio nelle dimensioni, la Calvillo ha provato a gestire la sua avversaria dall'esterno, colpendo le gambe e cercando raramente il corpo della scozzese. Al termine della ripresa la Calvillo tenta il takedown, difeso dalla Calderwood che però espone la schiena, prontamente presa dalla sua avversaria. Calderwood resiste fino alla fine del round. Durante il secondo round è l'atleta scozzese a colpire più volte e a tentare colpi non ortodossi, la Calvillo però è guardinga. Le due incrociano anche colpi in girata come una splendida doppia gomitata nella quale è la scozzese ad avere la meglio. Durante il terzo round, Calvillo ritenta il takedown, ancora stoppato dalla sua avversaria. L'americana è attenta e aspetta il momento buono per colpire o tentare l'atterramento. Con mezzo minuto sul cronometro, Calvillo afferra una gamba della sua avversaria, la porta a terra e tenta ancora la sottomissione. La rear-naked choke è chiusa quando suona la sirena. È proprio la Calvillo a portare il match a casa per decisione unanime.

UFC, Calvillo
Cynthia Calvillo concentrata prima dell'avvio del round

È il main event ad aver rappresentato la vera sorpresa della serata. UFC regala un grande match nella categoria dei welter. Gunnar Nelson, compagno d'allenamento di Conor McGregor e rappresentante della SBG Ireland, era partito benissimo contro Santiago Ponzinibbio, ma è stato punito a causa forse dell'eccessiva fiducia. Durante le prime battute, Nelson è riuscito a sorprendere Ponzinibbio grazie alla sua guardia non ortodossa e al suo footwork anomalo, affondando più volte degli uno-due e ferendo l'argentino all'arcata sopraccigliare. Ponzinibbio però è un ottimo striker, incassa e torna in partita. Dopo aver preso bene le misure, l'argentino colpisce l'islandese con un diretto precisissimo che lo stordisce. In men che non si dica Santiago è già su Nelson, pronto a continuare un'ottima offensiva. Nelson, spalle a parete, riesce ad evitare e mandare a vuoto i primi colpi del suo avversario, non vede però un diretto sinistro che lo centra perfettamente sulla mandibola, facendogli perdere i sensi per un attimo. A seguito di un breve ground and pound, l'arbitro Leon Roberts ferma l'incontro in maniera perfetta, evitando che l'islandese subisca troppi danni. Il numero 14 di categoria dunque batte per TKO al primo round il numero 8 e la classifica viene sconvolta. Quale sarà il prossimo passo del forte argentino? Contro chi andrà invece Gunnar Nelson?

UFC, Ponzinibbio con un gancio su Nelson
Santiago Ponzinibbio colpisce Gunnar Nelson

Il prossimo appuntamento è per UFC on FOX 25 - Weidman vs Gastelum, nella notte del 22 luglio. Come al solito, su FOX Sports, canale 204 di Sky.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.