Formula 1, addio a Silverstone: dal 2019 è fuori dal Mondiale

La società proprietaria del circuito ha esercitato la clausola per uscire dal Circus: "Troppe perdite, basta". E Liberty Media apre a nuovi scenari: "Idee su altri circuiti".

Formula 1, troppe spese: addio a Silvertsone

588 condivisioni 1 commento 5 stelle

di

Share

Troppi costi, addio alla Formula 1. I proprietari di Silverstone salutano le monoposto più veloci al mondo a causa dei costi troppo eccessivi che provocano perdite milionarie. Una clausola esercitata e puff, addio ad uno dei Gran Premi storici del Circus.

La British Racing Drivers Club, società che gestisce le curve inglesi, non ha dubbi: nel 2019 l'ultimo GP. Una decisione che arriva proprio alla vigilia del weekend di racing inglese più importante. Domenica sarà sfida vera, una delle ultime.

Adesso la situazione bollente passa tra le mani di Liberty Media, società a capo della Formula 1. Perdere Silverstone, oppure trattate di nuovo un contratto che accontenti tutti?

Formula 1, il circuito di Silversone
Formula 1, addio a Silversone dal 2019

Formula 1, l’addio a Silverstone dal 2019

La BRDC, nel 2009, strinse un nuovo accordo con Ecclestone. Contratto di 17 anni a 12 milioni di sterline all’anno per vedere ancora sfrecciare le auto di Formula 1 in Gran Bretagna. Ma c’è un clausola, da attivare entro il GP del 2017. Ed eccola qui: addio al Circus dopo il 2019. Troppe spese. Il presidente John Grant spiega in maniera chiara ai media inglesi:

Le perdite sono consistenti, si è raggiunto il limite. Basta, impossibile pensare ancora che la nostra passione per lo sport prevalga sulla ragione. Ci sono perdite per 2,8 milioni di sterline nel 2015, 4,8 nel 2016. E quest’anno ci aspettiamo un passivo molto simile.

Formula 1, Silvertone pieno di tifosi
Formula 1, la passione dei tifosi a Silvertsone: tutti per Hamilton

Il circuito di Silvertone di Formula 1 è uno dei pochi che non riceve finanziamenti da parte del Governo. Ripensamenti per un futuro ancora pieno di sorpassi? Forse. Chase Carey, patron della Liberty, nei giorni scorsi non sembrava tanto deluso:

Vediamo, altre location hanno manifestato il loro interesse ad ospitare il GP di Gran Bretagna.

Da anni si vocifera addirittura di un Gran Premio cittadino a Londra. Affascinante sfrecciare lungo il Tamigi, per carità. Ma Silverstone è la storia della Formula 1. Qui nel 1950 ci fu la prima gara, quando ancora c’erano i rettilinei che percorrevano gli aerei della RAF in fase di decollo. Negli anni il circuito è mutato lasciando intatto quel fascino incredibile. E ora per questione di soldi potrebbe saltare tutto. Serve trovare una soluzione.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.