L'Olimpia Milano e il "Signing day": l'EA7 ufficializza 5 nuovi colpi

Bertans, Goudelock, M'Baye, Micov e Young: la società milanese cala il pokerissimo sul mercato, arricchendo sensibilmente il nuovo roster a disposizione di Pianigiani.

Giorgio Armani

315 condivisioni 1 commento 0 stelle

di

Share

Dalle voci confermate all'ufficialità, per tanti pezzi di un puzzle biancorosso verso il completamento totale al quale andranno aggiunti, nelle settimane successive, due importanti tasselli ancora da incastrare. In casa Olimpia Milano è partita la lunga serie di comunicati volti a confermare i tanti, nuovi acquisti dell'era Pianigiani al via dalla prossima stagione: un lunedì di fuoco, scandito da un susseguirsi di note ufficiali, con cui la società del presidente Livio Proli ha presentato i cinque colpi piazzati sinora sul mercato, per un elenco di innesti misto tra talento ed esperienza volti ad innalzare notevolmente la qualità della rosa di casa EA7.

Olimpia Milano, si parte con il cecchino Bertans

Ad aprire la lunga maratona di comunicati ufficiali per l'Olimpia Milano l'arrivo di Dairis Bertans, guardia classe '89 vista nell'ultima stagione con la maglia del Darussafaka Dogus Istanbul.

La Pallacanestro Olimpia EA7 Emporio Armani Milano comunica di aver raggiunto un accordo con il giocatore Dairis Bertans, proveniente dal Darussafaka Istanbul. Bertans è una guardia di 1.93, di nazionalità lettone.

Pronto per una nuova, importante esperienza in Eurolega, dopo l'annata spesa alla corte di coach David Blatt, Bertans porterà tanta pericolosità in più dal perimetro nelle corde dell'EA7: qualità da cecchino che hanno permesso al fratello maggiore di Davis, talento dei San Antonio Spurs, di concludere l'ultima stagione europea con il 50% netto nel tiro da 3, a quota 6.6 punti e con l'89,1% dalla lunetta. Un profilo da tiratore puro che all'Olimpia mancava da diverse stagioni, dopo i deludenti precedenti firmati Nicholas e Kleiza, destinato a rimpinguare un reparto "piccoli" già arricchito dal colpo sinora più importante della campagna acquisti milanese.

Il colpo "Mini-Mamba" Goudelock

Tweet premonitore, dopo i rumors emersi nella giornata di ieri: "Italy here we come!". E per uno come Andrew Goudelock, abituato a palcoscenici decisamente importanti anche in campo europeo, la nuova destinazione italiana non poteva che portare l'ex Lakers a vestire la maglia dell'Olimpia Milano: quarta esperienza europea, dopo Unics Kazan, Fenerbahçe e Maccabi Tel-Aviv, e colpo in grado di garantire leadership e capacità realizzative con pochi eguali anche nel vecchio continente.

La Pallacanestro Olimpia EA7 Emporio Armani Milano ha raggiunto un accordo con la guardia di 1.91 Andrew Goudelock, proveniente dal Maccabi Tel Aviv.

Un esempio porta direttamente al record, ancora detenuto, di triple segnate da un singolo giocatore in un match di Eurolega: ben 10 bombe realizzate all'Audi Dome contro il Bayern Monaco con la maglia del Fener, guidato al successo (86-93 finale), capaci di rappresentare solo in minima parte il grande potenziale offensivo a disposizione del prodotto di Charleston. "Mini-Mamba" che, sulla carta, è pronto a far divertire per davvero il pubblico milanese, al quale mise non poca paura nel match inaugurale dell'ultima edizione di Eurolega (27 punti con 33 di valutazione) in una rimonta finale svanita solamente sulla stoppata di McLean ai danni di Landesberg a tempo scaduto.

Dal Giappone a un super impatto in Italia: Amath M'Baye

Passare dall'NCAA, post esperienze tra Wyoming ed Oklahoma, al...Giappone. Decisione senz'altro particolare per una carriera che, dal basket universitario più formativo al mondo, sembrava poter presupporre ben altri scenari per Amath M'Baye: eppure, le tre stagioni spese ai Nagoya Diamond Dolphins (a più di 20 punti di media) hanno portato l'ala francese classe '89 ad acquisire quell'ulteriore fiducia capace di portarlo alla prima, vera esperienza europea, vissuta nella passata stagione con la maglia di Brindisi.

La Pallacanestro Olimpia EA7 Emporio Armani Milano comunica di aver raggiunto un accordo con il giocatore Amath M’Baye, proveniente dalla New Basket Brindisi. M’Baye è un’ala di 2.06 per 102 chili di peso, francese.

Avvio in sordina, poi l'esplosione: e vedendone le giocate sul parquet, il perchè risulta tutt'altro che complicato da spiegare. 206 cm per 107 kg ed una fluidità di movimento notevole, evidenziata nel mettere palla per terra con grande facilità e di sfruttare mani più che educate per tirare da qualsiasi distanza. 17.8 punti di media, con il 38% da 3 punti, che porteranno il nativo di Bordeaux a sostituire Milan Macvan nello scacchiere milanese, dando un pizzico di atletismo e fisicità in più all'interno del pitturato biancorosso.

Cantù prima, Milano poi: il ritorno in Italia di Micov

Storia di antiche rivalità: da Cantù a Milano, il passo è tanto breve quanto intenso. Ma anche Vladimir Micov, visto in Italia con la squadra brianzola per tre stagioni (dal 2009 al 2012), diventerà uno dei tanti doppi ex della storica rivalità tra i due club lombardi: l'Olimpia Milano ha deciso di riportarlo in Italia dopo il biennio speso al CSKA ed il triennio al Galatasaray, in un'ultima stagione che ha visto l'ala serba tra le note più liete (11.2 punti a partita e 43.6 % nel tiro da 3) della difficile annata vissuta dal club turco.

La Pallacanestro Olimpia EA7 Emporio Armani Milano comunica di aver raggiunto un accordo con il giocatore Vladimir Micov, ala di 2.01, 101 kg di peso, proveniente dal Galatasaray Istanbul.

Proprio contro l'Olimpia, un po' come accaduto per Goudelock, Micov ha fatto registrare la miglior prova stagionale a livello balistico: 23 punti nella sfida vinta dal Gala, contro l'EA7, il 12 dicembre scorso , con 5/8 da 3 punti e 6/6 ai liberi. Un innesto di sicura esperienza che aprirà ancor più il campo di una squadra destinata, inevitabilmente, ad avere nelle proprie corde una particolare predisposizione nel tiro dalla lunga distanza, lasciando spazio in area alla straripante fisicità dell'ultimo annuncio milanese di giornata.

Young, per dimenticare la delusione Raduljica

Patrick Young, chiamato a sostituire il già salutato Raduljica (risoluzione contrattuale per il serbo), sarà una delle chiavi della nuova EA7 di Simone Pianigiani. Un ruolo particolarmente delicato cui l'Olimpia, pronta a confermare Kaleb Tarczewski come backup, aggiungerà tanto peso ed atletismo, tentando di ritrovare il miglior "Pat" dopo il brutto infortunio ai legamenti subìto due anni fa con la maglia dell'Olympiacos.

La Pallacanestro Olimpia EA7 Emporio Armani Milano comunica di aver raggiunto un accordo con il giocatore Patric Young, proveniente dall’Olympiacos Pireo. Young è un centro di 2.09 per 109 chili di peso.

Giocatore rivelatosi devastante pre infortunio, al di là di inequivocabili dati fisici, sia con il Galatasaray che con l'Oly, cui la società milanese ha deciso di dare fiducia, pronto a ricominciare con grande entusiasmo la nuova stagione dopo l'intervento di routine a ginocchio e caviglia ampiamente previsto nel lungo decorso post operazione.

Sono esaltato per questo nuovo capitolo ed inizio, di cui avevo davvero bisogno. Tormentato dal mio infortunio al legamento crociato, subìto due anni fa, non ho mai avuto la chance di tornare me stesso e girare quell'angolo. Non ho mai smesso di credere in me stesso perchè voglio essere grande e superare le avversità che comportano l'essere leggenda. Spero di poter essere un'ispirazione per chi non molla mai. 

Young diventa, così, il quinto elemento annunciato in un "Signing day" più che ricco, in casa Olimpia Milano. In attesa degli ultimi colpi utili a chiudere il cerchio attorno al nuovo ciclo Pianigiani.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.