Genoa: con chi sta trattando Preziosi la cessione del club?

Pare che il presidente stia trattando la vendita del club rossoblù a un gruppo straniero attraverso la mediazione di Giulio Gallazzi, manager di Carige.

Preziosi

156 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Si va ingarbugliando la vicenda della cessione del Genoa da parte dell'attuale presidente e proprietario Enrico Preziosi che nella serata di ieri pareva non avere dubbi:

Ci sono trattative avanzate per la cessione del Genoa, conto di arrivare alle firme entro questa settimana, al massimo all’inizio della prossima. 

Più caute le sue dichiarazioni nelle ore successive:

Al Genoa, se questa cessione ci sarà, auguro tutto il bene possibile. Dico se ci sarà perché è come quanto tratti un calciatore, sino a quando non ci sono le firme non si è mai sicuri.

Appunto, le firme per ora non ci sono e il presidente, che è uomo navigato, sa bene che prima di parlare occorre mettere tutto nero su bianco. Perché allora si è lasciato andare a dichiarazioni che, non sia mai, potrebbero risultare premature?

Le ipotesi potrebbero essere due. Preziosi, che è il più longevo presidente del più antico club calcistico d'Italia, è stato spesso, soprattutto negli ultimi tempi, nel mirino dei tifosi: potrebbe essere stanco, magari sfiduciato e il suo potrebbe essere stato uno sfogo in prossimità del traguardo. Oppure la sua potrebbe essere stata una mossa più calcolata, per accelerare una trattativa che magari rischiava di andare per le lunghe.

Genoa: con chi sta trattando Preziosi la cessione del club?

A questo punto è solo questione di tempo, forse di giorni a sentire le parole di Preziosi. Ma chi è il misterioso interlocutore interessato all'acquisto del Genoa? Secondo quanto afferma il Secolo XIX, il patron avrebbe firmato un'esclusiva con Sri Group di Giulio Gallazzi, consigliere d’amministrazione Carige e generalmente considerato negli ambienti finanziari l’uomo dei fondi.

Enrico Preziosi
Preziosi e il Genoa ai saluti?

Gallazzi sarebbe, insomma, una sorta di mediatore che farebbe da tramite con un gruppo straniero, investitori che si ipotizza possano essere di provenienza statunitense e cinese, anche se la pista Red Bull rimane sempre sullo sfondo. Non è escluso che lo stesso Gallazzi possa assumere, almeno temporaneamente, la carica di presidente, anche se, sempre secondo il quotidiano genovese, si fa strada l’idea di coinvolgere nella dirigenza un ex giocatore del Genoa come Stefano Eranio. L'operazione sarebbe da circa 100 milioni di sterline complessivamente.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.