China Station: cadono le prime della classe, Capello beffato al 94'

Roger Schmidt batte Scolari, ma lo Shanghai fallisce il sorpasso in testa alla classifica. Vittorie importanti per Cannavaro e Pellè. Lo Shenhua raggiunge Capello nei minuti di recupero.

Fabio Capello, allenatore del Jiangsu

312 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

Comincia male il girone di ritorno delle prime tre in classifica. La corsa di Guangzhou Evergrande, Shanghai SIPG ed Hebei Fortune viene rallentata rispettivamente da Beijing Guoan, Changchun Yatai ed Henan Jianye, avversarie facili sulla carta, ma che sul campo si sono rivelate più ostiche del previsto.

Ad approfittare dei ko sono il Tianjin Quanjian di Cannavaro e lo Shandong Luneng di Pellè, adesso a un punto dal terzo posto occupato dalla squadra di Manuel Pellegrini. Per gli italiani in Cina poteva essere una giornata di festa, tuttavia il Jiangsu di Capello è stato fermato al 94' dallo Shanghai Shenhua.

Nella parte medio bassa della classifica sottolineiamo il poker del Chongqing Lifan in casa dello Yanbian Fude e l'importante successo del Guizhou nella sfida salvezza contro il Liaoning. Ma adesso è il momento di riavvolgere il nastro e analizzare più a fondo quanto successo nella 16° giornata della Chinese Super League.

Guangzhou e Shanghai, indietro a braccetto

PaulinhoCopyright GettyImages
Paulinho, centrocampista del Guangzhou vicinissimo al trasferimento al Barcellona

Ha sorpreso di più la sconfitta del Guangzhou o quella dello Shanghai? Risposta difficile. L'Evergrande non perdeva due gare di fila in campionato addirittura dal 2009 e dopo il ko contro il Tianjin Quanjian di una settimana fa, il Beijing Guoan sembrava tutto fuorché un avversario imbattibile, specie dopo aver conquistato un solo punto nelle ultime due partite. E invece le Guardie Imperiali, per la prima volta guidate dalla panchina dall'ex Bayer Leverkusen Roger Schmidt, hanno condotto un incontro gagliardo, portando a casa un meritatissimo successo con la doppietta di Jonathan Soriano, già pupillo di Schmidt ai tempi del Salisburgo. Gli uomini di Scolari sono rimasti impotenti di fronte all'aggressività delle maglie verdi, neanche Paulinho è riuscito a trovare la giocata in grado di cambiare la partita. A proposito del centrocampista brasiliano, sembra tutto fatto per il suo trasferimento al Barcellona: per il Guangzhou sarebbe una gravissima perdita.

Neanche ventiquattr'ore dopo lo Shanghai ha gettato l'occasione del sorpasso perdendo 4-2 sul campo del Changchun Yatai. Ancora senza gli squalificati Oscar, Hulk e Wu Lei (e Villas-Boas), l'SIPG è crollato sotto i colpi di Huszti, Zhe, Long e Ighalo. Male le due stelle Elkeson e Ricardo Carvalho, i migliori in campo contro il Jiangsu; gli acuti delle Metal Eagles portano la firma di Xiaofei (sfortunata autorete) e Shenglong.

Non è andata meglio all'Hebei, sorpreso dalla foga iniziale dell'Henan. Pellegrini ci ha messo del suo, lasciando Gervinho in panchina nonostante l'assenza di Stephane M'Bia, uno dei migliori nelle ultime gare. Senza il camerunese la retroguardia dell'Hebei ha sbandato subendo due gol tra l'11' e il 15' (autorete di Jinbao e gol di Bassogog) e un terzo al 58' (ancora Bassogog). La reazione, tardiva, dei padroni di casa è arrivata con la doppietta di Lavezzi (un assist per Gervinho), che ha reso soltanto meno amaro il punteggio finale.

Tris sfiorato per l'Italia: Capello beffato all'ultimo

PellèCopyright GettyImages
Graziano Pellè, attaccante dello Shandong Luneng

Avanti sul 2-0 fino all'82' con i gol di Wu Xi e Alex Teixeira, il Jiangsu di Capello è stato bloccato sul 2-2 dallo Shanghai Shenhua di un super Gio Moreno, autore di due reti nei dodici minuti finali. Gara di cuore da parte degli ospiti di Gus Poyet, privi di Tevez, Martins e anche di Guarin, infortunatosi al 38' del primo tempo. 'Don' Fabio rimane ultimo in classifica, il punto conquistato serve solo ad affiancare lo Yanbian Fude.

Sorridono invece gli altri due italiani: il Tianjin Quanjian ha battuto 2-1 il Guangzhou R&F nell'anticipo del venerdì: anche senza lo squalificato Pato, Cannavaro ha trovato la vittoria grazie alla rete di Witsel (92'), che ha reso inutile il provvisorio pareggio del solito Zahavi, sempre più capocannoniere del torneo con 14 gol. Lo Shandong di Pellè ha infine superato per due reti a zero il Tianjin Teda di Brown Ideye e Obi Mikel (entrambi out per infortunio): decisive le realizzazioni di Jingdao Jin e Diego Tardelli, quest'ultimo a quota 10 nella classifica dei marcatori (il brasiliano è salito al terzo posto, a -1 da Goulart).

La classifica della Chinese Super League

Questa la classifica al termine della prima giornata del girone di ritorno: Guangzhou Evergrande 37, Shanghai SIPG 36, Hebei 29, Tianjin Quanjian e Shandong* 28, Guangzhou R&F 24, Beijing Guoan 22, Chongqing 21, Shanghai Shenhua* 20, Changchun 19, Guizhou 18, Henan 15, Tianjin Teda 14, Liaoning 13, Jiangsu e Yanbian 10. (*: una gara in meno).

Gli appuntamenti in tv

Anche nella prossima giornata saranno due le gare che Fox Sports trasmetterà in esclusiva per l'Italia. Sabato sarà il turno di Guangzhou Evergrande-Shandong Luneng (ore 13.35 su Fox Sports Plus, canale 205), domenica quello di Tianjin Quanjian-Shanghai Shenhua (ore 13.35 sul canale 204).

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.