Diamond League, Londra: Kendra Harrison nello stadio del record

Le conferenze stampa dei London Anniversary Games in programma allo Stadio Olimpico di Stratford, teatro dei prossimi Mondiali dal 4 al 13 agosto. Diretta su Fox Sports dalle 15.

Kendra Harrison

0 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Una delle stelle più attese del meeting londinese sarà Kendra Harrison, che lo scorso anno emozionò il pubblico londinese con l’incredibile primato del mondo sui 100 ostacoli di 12”20. Harrison arriva a Londra in ottime condizioni di forma dopo il 12”28 realizzato al Memorial Gyulai in Ungheria di martedì scorso.

L’ostacolista del Tennesse ha parlato del suo progetto futuro di dedicarsi ai 400 ostacoli nel 2018. Su questa distanza Harrison vanta un record personale di 54”09 stabilito nel 2015.

Io e il mio allenatore stiamo pensando a correre i 400 ostacoli l’anno prossimo. Non siamo sicuri di cosa ci aspetta nel 2018 ma è un progetto sul quale stiamo lavorando. Penso che sia importante vincere il titolo mondiale a Londra. Voglio davvero la medaglia d’oro. Mi sono allenata duramente e ho quello che serve per vincere questo titolo. Mi sono rotta la mano a Doha ma sono riuscita a tornare in tempo e a prepararmi per i Mondiali di Londra.

Kendra Harrison
Kendra Harrison

Kendra ha ricordato il momento nel quale entrò nella storia con il record del mondo di 12”20 che ha cancellato dopo 28 anni il 12”21 realizzato dalla bulgara Yordanka Donkova.

Quando tagliai il traguardo, vidi che il display mostrava 12”5 a causa di un malfunzionamento. Ero contenta semplicemente di aver vinto la gara. Pochi secondi dopo Nia Ali mi diede una pacca sulla spalla dicendomi che avevo fatto il record del mondo, provai una sensazione ancora più speciale. Pensavo di aver corso una gara perfetta ma il mio coach disse che non ero uscita bene dai blocchi e avevo ancora margini di miglioramento. Mentalmente penso di essere in una forma ancora migliore e Il 12”28 realizzato in Ungheria lo dimostra. Anche se ho avuto qualche problema, sono sulla strada giusta per ottenere un altro grande risultato,

Kerron Clement è fiducioso a poche ore dal duello con il leader mondiale stagionale dei 400 ostacoli Kyron McMaster nonostante un inizio non molto brillante della stagione nel quale non è andato oltre il settimo posto ai Campionati statunitensi di Sacramento.

Il mio obiettivo è vincere. È il momento di correre forte. Ai Mondiali mancano poche settimane e mi aspetto una buona gara domani. Non sono preoccupato dei tempi cronometrici. Una volta che eseguirò bene la gara, i tempi verranno di conseguenza. Quando arrivano le grandi gare, so come fare per arrivare in forma al momento giusto. Miglioro sempre man mano che la stagione entra nel momento cruciale. Sarò pronto per Londra.

Kerron Clement
Kerron Clement

Una delle atlete più attese dal pubblico dello Stadio Olimpico di Stratford sarà la velocista britannica Dina Asher Smith, che ha vissuto un inverno difficile a causa della rottura alla caviglia che ha ritardato la preparazione. La campionessa europea dei 200 metri ha appena completato gli studi in storia al prestigioso King’s College di Londra. Settimana scorsa ha debuttato con un sesto posto ai Campionati britannici di Birmingham dopo una lunga pausa.

Sto progredendo di giorno in giorno ma ho bisogno di gareggiare per trovare la forma migliore.

Il momento più atteso sarà la sfida tra Elaine Thompson e Dafne Schippers in un 100 metri femminili da favola che promette grandi prestazioni cronometriche su una pista considerata velocissima. È passato quasi un anno dalle Olimpiadi di Rio de Janeiro quando Thompson eguagliò la doppietta di Usain Bolt vincendo i titoli olimpici dei 100 e dei 200 metri:

Fu una sorpresa per me perché non mi aspettavo di vincere. Mi infortunai alla coscia ai Trials e non gareggiai dopo i campionati nazionali. Non sapevo in quale stato di forma fossi prima delle Olimpiadi. Non riesco ancora a trovare le parole per descrivere tutto quello che ho fatto. Ora sono concentrata solo sui 100 metri e non vedo l’ora dei Mondiali. Ho deciso di non doppiare a Londra perché l’anno scorso il doppio impegno fu molto pesante. Correre solo i 100 metri mi dà un incentivo perché è uno stimolo per capire quanto posso correre velocemente concentrandomi solo sui 100 metri. Non vedo l’ora delle Olimpiadi di Tokyo 2020 dove forse potrei doppiare ancora. L’obiettivo per domani è eseguire bene la gara nei primi 30 metri e la fase lanciata. È la prima volta che correrò le batterie in un meeting della Diamond League e sarà un buon allenamento in vista dei Mondiali di Londra.

Elaine Thompson
Elaine Thompson

Elaine si sta allenando attualmente allo Stadio Teghil di Lignano Sabbiadoro, l’affascinante località balneare che ospita da 12 anni il team giamaicano di Coach Steven Francis. Mercoledì 12 luglio la fuoriclasse giamaicana sarà la testimonial del tradizionale meeting internazionale Sport e Solidarietà di Lignano e correrà insieme ai ragazzi disabili nelle gare riservate agli Special Olympics per promuovere l’integrazione attraverso lo sport.

Correre al fianco dei ragazzi con disabilità è un ottimo approccio per crescere e avere una marcia in più. Lignano è un luogo speciale e la gente ci ha accolto calorosamente. Quest’anno non sarà presente Shelly Ann Fraser Pryce, da anni testimonial del meeting friulano e ora in dolce attesa. Shelly Ann è una mia carissima amica. È stato il mio punto di riferimento. Ci siamo allenate insieme e presto ci ritroveremo insieme quando tornerà dopo la nascita di suo figlio. La aspetto di nuovo in pista l’anno prossimo. Da piccola ero molto impegnata su altri fronti, cantavo anche il Gospel in Chiesa. Poi ho iniziato ad allenarmi duramente e a credere in me. Ho trovato altre persone che hanno creduto in me, soprattutto Paul Francis, il fratello di Steven.

Dafne Schippers ha ammesso di non sentirsi nervosa quando affronta le gare più importanti nonostante le enormi aspettative dei suoi connazionali.

Per me è importante eseguire bene la fase di riscaldamento. Ho più pressione rispetto ad altri atleti ma in Olanda vincere una medaglia d’oro a livello mondiale è sempre un momento speciale e questo mi dà grandi motivazioni.

La storia di Aries Merritt ha commosso il mondo due anni fa quando l’ostacolista statunitense ricevette un rene nuovo dalla sorella LaToya pochi giorni dopo aver vinto la medaglia di bronzo ai Mondiali di Pechino.

Il rene nuovo sta funzionando bene. Questo significa che posso allenarmi bene senza problemi. Credo di poter tornare nella forma che mi permise di battere il record del mondo a Bruxelles nel 2012. Ho dovuto superare un’operazione molto delicata e sto facendo del mio meglio per tornare a grandi livelli. Ho ancora alcuni meeting di disputare. Mi allenerò per una settimana a Birmingham prima dei Mondiali. Ogni volta che ho corso, sono andato sempre meglio. Sono riuscito a migliorarmi di gara in gara ed è solo una questione di tempo prima di riuscire a tornare nella forma che avevo raggiunto nel 2012. Il mio allenatore mi sta preparando per arrivare al top della forma per i Mondiali.

Aries Merritt
Aries Merritt

Ivana Spanovic ha debuttato nella stagione all’aperto vincendo a Losanna con 6.79m nella prima gara dopo

il trionfo agli Europei Indoor di Belgrado.

È stato difficile riprendere gli allenamenti dopo aver vinto il titolo europeo davanti al mio pubblico a Belgrado. Avevo molte aspettative e sapevo che dovevo fare qualcosa di speciale e che non sarebbe bastatovincere. Dovevo realizzare una grande misura e ci sono riuscita. La gente mi ha dato energia positiva. Gli Europei di Belgrado sono stati un’ottima preparazione in vista della stagione all’aperto. Dopo Belgrado ero sempre stanca. Avevo l’influenza e mi sentivo sempre vuota emotivamente e ho deciso di prendermi una pausa. Due settimane prima di Eugene mi sono infortunata e mi sono dovuta fermare per dieci giorni.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.