Changchun Yatai-Shanghai SIPG 4-2: fallisce il sorpasso al Guangzhou

Pratica archiviata nel primo tempo, con il Changchun avanti 3-0 dopo i gol di Huszti, Zhe e Long. Nella ripresa l'autogol di Xiaofei e gli acuti di Ighalo e Shenglong: finisce 4-2.

162 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

Quella che doveva rappresentare la gara del sorpasso, per lo Shanghai SIPG, termina con un inatteso ko. Le Metal Eagles escono dal Development Area Stadium sconfitte per 4-2 da un bel Changchun Yatai, al quinto risultato utile consecutivo.

Primo tempo

Per la seconda settimana consecutiva lo Shanghai deve fare i conti con le assenze: squalificati Hulk, Oscar e Wu Lei, sono Elkeson, Akhmedov e Ricardo Carvalho gli stranieri messi in campo da Villas-Boas, anche lui squalificato e sostituito in panchina dal vice Daniel Sousa. Nel Changchun, il tecnico Chen Jingang conferma il capitano Szabolcs Huszti dietro all'ex attaccante di Udinese e Cesena, Odion Ighalo.

Meglio i padroni di casa nei primi minuti, molto più aggressivi rispetto ai loro avversari. Il Changchun va vicino al vantaggio al 5' con il tentativo di Tan Long. Lo Shanghai è assente ingiustificato e i giallorossi ne approfittano al 21', quando Ighalo si lascia cadere in area toccato da Akhmedov: l'arbitro Wang Zhe decreta il calcio di rigore e Huszti non sbaglia, battendo Junling alla sua sinistra e realizzando il quarto gol in campionato.

Lo svantaggio non smuove le Aquile, che incassano pure il 2-0 al 26': cross di Zhang Li, sponda di Ziheng e inserimento vincente di Jiang Zhe, al primo gol stagionale.

Il primo tempo choc dell'SIPG culmina con il 3-0 del Changchun (29'), firmato da Tan Long sul cross di Xiaofei sporcato dal tocco di Dadi.

Gli ospiti si fanno vedere per la prima volta al 35', con la serpentina di Wei Shihao, murato da Ismailov al momento della conclusione. Lo stesso Ismailov ha l'occasione per il poker tre minuti dopo, ma il suo tiro termina a lato. Non è l'ultimo brivido per lo Shanghai, che rischia tanto sul tentativo a botta sicura di Long – deviato da Zhang Wei – e sulla punizione di Huszti, sulla quale è attento Junling.

AkhmedovCopyright GettyImages
Odil Akhmedov, autore del fallo da rigore dell'1-0

Secondo tempo

In maniera del tutto casuale, lo Shanghai accorcia le distanze al 53': cross di Shenchao, Yake non trattiene e fa carambolare il pallone sulla schiena di Xiaofei, che suo malgrado realizza una sfortunata autorete.

A ristabilire i gol di scarto, al 58', è Ighalo, che sul bel passaggio filtrante di Huszti sfugge ai centrali avversari, salta Junling in uscita e segna a porta vuota la quarta rete stagionale.

Lo Shanghai risponde con la conclusione di Elkeson (parata), poi con il tap in di Shenglong, bravo ad approfittare di un errore di Yake sul tiro deviato di Wenjun e a siglare il suo primo gol in Chinese Super League.

L'ultima occasione arriva al 69': colpo di testa di Long e bella risposta a mano aperta di Junling, che nega all'attaccante la gioia della doppietta.

IghaloCopyright GettyImages
Odion Ighalo, attaccante del Changchun Yatai

Chinese Super League, 16° giornata

Seconda vittoria consecutiva per il Changchun, che vendica il 5-1 subìto nel girone d'andata. Lo Shanghai getta al vento la possibilità del sorpasso ai danni del Guangzhou perdendo la seconda partita della stagione, dopo sette vittorie nelle ultime otto partite.

Solo sconfitte per le prime tre della classifica, dunque, considerati anche i ko di Evergrande ed Hebei nella giornata di ieri. Un turno sorprendente, il primo del girone di ritorno, che si concluderà con il posticipo tra Tianjin Teda e Shandong Luneng (fischio d'inizio ore 13.35).

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.