Barcellona, Henry: "Messi? È inimitabile, proprio come la Gioconda"

A margine di un evento promozionale l'ex attaccante francese ha paragonato l'argentino a un'opera d'arte insostituibile così come quella di Leonardo al Louvre.

Messi ed Henry, ex compagni di squadra nel Barcellona

826 condivisioni 0 commenti 3 stelle

di

Share

Si può davvero paragonare un calciatore a un'opera d'arte del passato? Bisognerebbe chiedere a Mino Raiola cosa ne pensi, lui è uno dei più grandi esperti di paragoni di questo tipo. D'altronde in passato aveva già parlato di Paul Pogba come se fosse la Gioconda, così come per lui Gianluigi Donnarumma poteva essere avvicinato a un Modigliani.

Ha provato a seguirne le orme anche Di Campli, l'agente di Verratti, che aveva associato il nome del suo assistito a un'opera di Picasso.

Probabilmente, così come aveva fatto in precedenza Raiola, anche questa similitudine era frutto più che altro in relazione al valore economico che per le opere dell'artista (anche se in quel caso il procuratore puntò l'accento sulla loro comune imprevedibilità). Molto prima di loro, ci aveva pensato invece Gianni Agnelli, ex presidente della Juventus, a ribattezzare in "Pinturicchio" Alessandro Del Piero.

Henry, Messi e la Gioconda

Henry: "Messi insostituibile nel Barcellona come lo è la Gioconda al Louvre"
La Gioconda, per Henry insostituibile al Louvre così come Messi al Barcellona

Tanti paragoni, insomma. E nella lista degli esperti critici d'arte, ora si inserisce anche un nuovo contendente, uno che secondo questo filo logico meriterebbe già di per sé un'associazione di questo tipo, magari un Matisse vista la sua provenienza geografica.

Ma non è questo il punto, stiamo andando fuori strada. Perché Thierry Henry si è espresso su un altro giocatore, il suo ex compagno di squadra al Barcellona Leo Messi.

Insieme hanno giocato per tre stagioni, vincendo tra le altre cose due volte la Liga e una la Champions League. Henry lo conosce molto bene e quindi non ha avuto dubbi quando - a margine di un intervento promozionale su una bevanda energetica - gli è stato domandato se secondo lui Messi potesse essere rimpiazzato in qualche modo dal Barcellona:

Voi pensate che la Gioconda possa essere mai sostituita al Louvre? No, è insostituibile.

Alla sua domanda sarebbe corretto rispondere che i francesi dovrebbero trovare comunque una soluzione per sostituirla e riportarla in Italia, ma si sfocerebbe in discorsi campanilistici che non c'entrano niente con questo articolo e rischieremmo di andare di nuovo fuori strada. Meglio tornare sulle parole di Henry. E considerando che nel suo caso non ci sono assolutamente interessi o secondi fini di portata economica, probabilmente questo su Messi è il più sentito e appassionato paragone tra tutti quelli che abbiamo elencato fino a questo momento.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.