Rüdiger e quella frase che non piace al Chelsea: "Arsenal nel cuore"

Rispunta un'intervista in cui il tedesco dichiarava di avere sempre fatto il tifo per i Gunners: "Ammiravo Henry e Bergkamp e spesso indosso la maglia di Sanchez".

Rüdiger

1k condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Antonio, abbiamo un problema. Il web ha memoria di elefante, infatti i tifosi del Chelsea non hanno accolto con particolare gioia l'annuncio dell'arrivo di Antonio Rüdiger dalla Roma. Dopo i primi commenti dei tifosi sui social, fra l'acido e lo stupito - "E chi diavolo è?" - è spuntato dell'altro.

Il possente difensore berlinese classe 1993 è cresciuto nelle giovanili dell'Hertha Zehlendorf per passare, quindicenne, a quelle del Borussia Dortmund. In giallonero Antonio rimane due anni, fino a che un osservatore dello Stoccarda non rimane impressionato da quello spilungone che in area le prende tutte e se lo porta via.

Un anno nelle giovanili, poi a 19 anni l'esordio in Bundesliga. La stagione successiva è titolare fisso, gendarme dell'area di rigore dello Stoccarda, esordisce in Europa League e, dopo la trafila delle varie Under, a 21 anni arriva a indossare anche la maglia della Nazionale tedesca. L'anno dopo l'occhio lungo di Sabatini lo fa diventare un giocatore della Roma: 4 milioni di euro con diritto di riscatto a 9.

Antonio Rüdiger
Per Rüdiger due stagioni alla Roma

Rüdiger e quella frase che non piace al Chelsea: "Arsenal nel cuore"

Ma nell'ultima stagione allo Stoccarda, a Rüdiger capita di confessarsi in un'intervista:

Ho sempre seguito l'Arsenal fin dai tempi di Henry e Bergkamp. Guardo sempre i video dei Gunners e spesso indosso la maglia di Sanchez di quest'anno: il mio cuore batte per l'Arsenal.

Rüdiger con la Confederations Cup
Rüdiger ha appena vinto la Confederations Cup con la Germania

Ora che Rüdiger è passato al Chelsea per 38 milioni, Football London ha scovato l'intervista che, pur datata, sta ovviamente provocando un bello scompiglio fra i tifosi dei Blues che l'Arsenal lo vedono come il fumo negli occhi. Urge smentita, ma Antonio, che dopo aver vinto la Confederations Cup è in vacanza, al momento non ci sente:

Adesso ho bisogno di rilassarmi e di godere di questo momento. Al resto penserò nelle prossime settimane.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.