Giornata mondiale del bacio: i più famosi nel mondo dello sport

Non ci sono solo Belen e Iannone. Il mondo dello sport festeggia la ricorrenza mondiale con numerosi baci storici, da Blanc e Barthez a Maradona e Caniggia.

Belen e Iannone

257 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Oggi è World Kiss Day, la giornata mondiale del bacio. Toccasana e antistress naturale, il bacio è una delle dimostrazioni di affetto più immediate che ci siano. Ma anche il bacio ha i suoi codici: c'è quello alla russa, con le guance che si toccano tre volte, c'è - sempre meno, per la verità - il baciamano, oppure il french kiss - serve descrizione? - con tutte le sue varianti.

Baciare fa bene, lo dicono gli psicologi ma anche gli immunologhi. Fa bene al nostro cervello, all'umore, è un carico di adrenalina positiva, migliora l'autostima, pare che riduca i livelli di cortisolo, considerato come l'ormone dello stress. Ma non è tutto: baciare mantiene in allenamento i muscoli facciali e riduce le rughe e in più - lo dice uno studio olandese - migliora il nostro sistema immunitario.

Non per niente, da sempre il bacio è celebrato da tutte le arti. Nella pittura famosissime sono le raffigurazioni che ne hanno dato artisti come Klimt o Hayez, nella poesia e nella letteratura - da Catullo a Neruda - nella fotografia - come non ricordare Doisneau - nel cinema - da "Straziami ma di baci saziami" a "French Kiss" - nella musica con i ventiquattromila baci di Celentano o col primo sulla luna a cui pensava Cesare Cremonini fino all'ultimo, quello di Carmen Consoli.

Giornata mondiale del bacio: i più famosi nel mondo dello sport

Nella giornata mondiale del bacio va detto che anche lo sport è terreno fertile per i baciatori. Anche qui con i suoi codici. C'è chi bacia la maglia per dimostrare l'attaccamento alla squadra - salvo andarsene al primo calciomercato utile -, chi bacia il compagno che ha appena segnato o il portiere che ha parato un rigore, chi salta sugli spalti a baciare la moglie, la compagna o magari la nonna e chi manda baci al pubblico o stampa un kiss sulla telecamera. E poi ci sono i più invidiati: quelli che baciano soubrette e veline.

Ibrahimovic bacia la maglia
Quante maglie avrà baciato Ibrahimovic?

Iannone-Belen: è ultimo bacio?

Fra questi ultimi c'è sicuramente Andrea Iannone, la cui storia d'amore con Belen Rodriguez da tempo spopola sui social. Purtroppo però pare che la coppia stia attraversando un momento difficile, tanto che riviste e siti di gossip danno per certo che il languido bacio fra i due, di sera su una panchina, assomigli molto a quello del film di Muccino e della canzone di Carmen: l'ultimo.

Bacio fra Iannone e Belen
Ultimo bacio fra Iannone e Belen?

I french kiss in campo

Celeberrimi, invece, rimangono tanti baci sui campi di calcio. Il portiere del Velez, Chilavert, si disse schifato per il piquito che Caniggia stampò sulla bocca di Maradona, allora compagno nel Boca Juniors, dopo un gol. Roba da latini focosi? Nemmeno per sogno: nella gelida Albione tutti ricordano la stessa scena interpretata da Gary Neville e Paul Scholes, bocca a bocca con la maglia del Manchester United. Per un french kiss, nel 2014 a Torino, Ivan Rakitic e Daniel Carriço interruppero addirittura il giro di campo con cui festeggiavano la conquista dell'Europa League col Siviglia.

Bacio fra Caniggia e Maradona
Il famoso bacio fra Caniggia e Maradona

Casillas, ma che fai?

Più casto e cameratesco il gesto spontaneo di Laurent Blanc che, dopo la vittoria sul Brasile che regalò alla Francia il Mondiale 1998, stampò le proprie labbra sulla pelata di Fabien Barthez. Poi ci sono i baci a mogli e familiari, da Antonio Conte e signora a Euro 2016, a quello di Josefa Idem a marito e prole, fino a quello che commosse la Spagna intera, e non solo, di Iker Casillas alla moglie, in quel momento intervistatrice, Sara Carbonero in diretta televisiva dopo la vittoria del Mondiale sudafricano:

Parliamo un po’ dell’incontro. -No. -No? -Voglio darti un bacio e andarmene.

Casillas e Sara
Casillas bacia Sara Carbonero in diretta tv

Florenzi e nonna Aurora

Dai focosi abbracci - è cronaca di questi giorni - fra Allegri e Ambra, ai baci della coppia Pellegrini-Magnini a quello fra due donne, la calciatrice Abby Wambach e sua moglie Sarah Huffman sugli spalti, è davvero impossibile citare tutti i baci nello sport. Però non si può non ricordare, last but not least, il gesto di Alessandro Florenzi che tre anni fa, dopo aver segnato un gol al Cagliari, saltò in tribuna per correre a dare un bacio a nonna Aurora. Risultato: stadio in lacrime e cartellino giallo per il giocatore. A volte i baci si pagano...

Florenzi e la nonna
Florenzi in tribuna per il bacio a nonna Aurora

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.