Svolta UEFA: possibile introduzione del Salary Cap

La proposta arriva dal presidente Ceferin: un limite massimo agli stipendi dei giocatori, così da evitare che il gap tra grandi e piccole società continui ad aumentare.

Aleksander Ceferin, presidente della UEFA

1k condivisioni 2 commenti 5 stelle

di

Share

L'organo che controlla il calcio europeo sembra essersi finalmente deciso. Negli ultimi giorni, quasi a sorpresa, il presidente della UEFA Aleksander Ceferin ha rivelato di voler introdurre il salary cap, così da eliminare - o quantomeno contrastare - l'enorme divario che separa i top club europei da tutte le altre realtà "minori". 

Il dominio incontrastato del Real Madrid in Europa, le spese folli dei club inglesi e le ricche proprietà come quelle di Barcellona, PSG o Bayern Monaco hanno segnato indelebilmente il calcio degli ultimi anni. La possibilità di poter strapagare un giocatore e di riempirlo d'oro con stipendi da capogiro ha di fatto tagliato fuori qualsiasi altra concorrente, magari di appeal minore, ma che fino a qualche anno fa poteva almeno sperare di ambire a determinati calciatori. 

Al momento è impensabile che una squadra di media o bassa classifica in Spagna possa anche solo avviare un'asta di mercato con il Real Madrid, il Barcellona o lo stesso Atletico Madrid, visto che rischierebbe di essere tagliata fuori già al primo rilancio. La differente disponibilità economica tra i club è aumentata a dismisura negli ultimi anni, creando discrepanze sempre maggiori anche all'interno degli stessi campionati e non solo nelle competizioni europee.

Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Manchester United la scorsa stagione

La UEFA pensa al Salary Cap

La proposta volta a rivoluzionare questo inarrestabile cambiamento arriva direttamente da Aleksander Ceferin, da qualche mese presidente della UEFA. La sua idea è quella di introdurre il cosiddetto "salary cap", ovvero un limite massimo di soldi che ogni club può destinare agli stipendi dei giocatori. 

Chi ha i soldi ha il potere e continuerà a vincere sempre, eliminando mano a mano tutta la concorrenza. Vogliamo contrastare questo fenomeno. Se lo faremo, sarà una rivoluzione storica per tutto il calcio europeo.

Aleksander Čeferin insieme a Tavecchio

Insomma, le idee sembrano chiare. Un po' come quando si gioca a calcio con gli amici e una delle due squadre formatasi è nettamente più forte dell'altra. Cosa si fa? Si mescolano le squadre o le si rifà completamente, in modo da permettere lo svolgimento di una partita molto più equilibrata. La UEFA e il suo presidente vogliono fare più o meno questo: diminuire il divario esistente tra top club e 'piccoli club', così da impedire che solo pochi fortunati possano dominare la scena del calcio mondiale ed europeo. 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.