Cristiano Ronaldo: destinazioni (semi)serie se lasciasse il Real Madrid

Domanda da 400 milioni: dove potrebbe andare CR7 in caso di addio alla Casa Blanca? Noi abbiamo pensato a queste soluzioni. Alcune realistiche, altre... scopritelo voi!

Cristiano Ronaldo avrebbe pensato all'addio al Real Madrid

1k condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

La faccenda è così eclatante che è meglio scherzarci su. No, al Real Madrid di farsi due risate non ne hanno proprio voglia: separarsi da Cristiano Ronaldo spazzerebbe via anche l'euforia per la Duodecima. Eppure il rischio sembra esserci eccome, colpa dell'accusa del fisco ai danni del portoghese e del trattamento che CR7 si sarebbe aspettato da Florentino Perez. 

Impossibile is nothing, diceva qualcuno. E così la possibilità che il Pallone d'Oro saluti la Casa Blanca diventa di colpo un'ipotesi da non scartare. Sì va bene, ma chi può permettersi realmente mister clausola da 1 miliardo di euro.

Tranquille, care pretendenti: per tentare il colpo dei colpi "basterebbero" anche 400 milioni. "Ah ok, allora!". Voi dite che Manchester United e PSG non ce lo farebbero un pensierino? E perché, in Cina no? In effetti, le destinazioni verosimili sono ridotte all'osso. Noi allora vi avvisiamo: di seguito ne troverete anche qualcuna decisamente più "visionaria". Ma non farete fatica a distinguerle...

Dove potrebbe andare Cristiano Ronaldo in caso di addio al Real Madrid?

Prima risposta, quella più valida che potrete trovare in questo articolo: nessuno può sapere se questa separazione alla fine avverrà per davvero. A Bola però lo scoop l'ha lanciato, in Spagna l'hanno confermato e arricchito di dettagli: l'impensabile è diventato di colpo possibile. Largo alla fantasia allora, tra destinazioni verosimili (poche eh, davvero poche) e soluzioni che, loro sì, sono totalmente impossibili. Da quale partiamo? Dalla più romantica.

1 - Il figliol prodigo torna al Manchester United

Badate bene, i tifosi dei Red Devils mica ci credono troppo al possibile ritorno del loro portoghese preferito (Mou, almeno in questo sei il Two). A parte quella vagonata di tweet con Cristiano in maglia rossa e l'hashtag #backhome, ovviamente. Non gliela dovevano far arrivare questa notizia, là dalle parti di Old Trafford: non ce n'è uno che ora non sogni di riabbracciare dopo otto anni il loro ultimo numero 7 da leggenda.

A conti fatti, lo United è una delle poche opzioni con una parvenza di concretezza. Il club dei Glazer ha la disponibilità economica e il ritorno in Champions League ha stimolato ancora di più la voglia di acquisti stratosferici: Ronaldo sarebbe l'apoteosi del progetto della nuova grandeur dei Diavoli Rossi. Come dite? Il rapporto con Mourinho non è che sia dei migliori? Vero, verissimo ed è un aspetto tutt'altro che trascurabile. "Crede di sapere tutto", disse una volta lo Special One. Già, ai tempi del Real Madrid, tra i due non fu per nulla rosa e fiori.

Vabbè José, stavolta le cose tra voi potrebbero andare alla grande... non credi?

Di certo Mou non potrà vietarci di rivivere la goduria dei dribbling, dei doppi passi e di tutti i trick che il fenomeno di Funchal ha regalato nei suoi anni inglesi. Certo che, rispetto al cannoniere cinico e implacabile degli ultimi tempi, sembra quasi un altro giocatore. 

2 - Il ritorno dei ritorni: 'sto Sporting aspetta a te!

Che avevamo detto? Che l'idea del Manchester United sarebbe stata la più romantica? Allora questa è proprio da fiumi di caramello colati su una montagna di zucchero filato. Aveva 18 anni, il piccolo CR28 (quello passava il convento): nella stanza sua c'è ancora il letto come l'ha lasciato lui. Pure allo Sporting non ci sperano per niente che un giorno il "bravo figliolo" possa tornare: hanno accolto lo scoop di A Bola con totale indifferenza. Ah, questo è l'account ufficiale del club portoghese:

3 - Paris Saint-Germain: quelli ricchi sfondati

Loro sì, che potrebbero davvero fare follie per Cristiano Ronaldo. Roba che Ibra passerebbe dallo status di "leggenda" a "uno di passaggio". E poi si narra che Gustave Eiffel, a fine Ottocento, abbia realizzato la sua famosa torre ispirandosi alla famosa posa del portoghese con le gambe divaricate. Ok, questa è una rivisitazione storica un po' sommaria. I parigini però la storia vogliono riscriverla eccome, magari iniziando a vincere qualcosa anche in Europa. E un tentativo per il cinque volte Pallone d'Oro in pectore, alla fine, potrebbero farlo. Una chance così, quando ricapita.

Cristiano Ronaldo, il PSG tra le soluzioni possibili
Dai, non vi ricorda la posa su punizione di Cristiano Ronaldo?

4 - Qualcuno ha detto Cina?

Impossibile non considerare i nuovi Paperoni del calcio mondiale. Però c'è un "ma" grosso come i bicipiti di Hulk (quello che gioca a Shanghai): la federazione cinese ha appena stabilito che, sopra ai 6 milioni di euro, qualsiasi cifra spesa per un giocatore all'estero prevederà una sovrattassa della stessa entità. In pratica, un trasferimento da 50 milioni è come se ne costasse 100. Quanto avevamo detto che servirebbe per strappare Cristiano al Real? 400 milioni no? Ecco, fate il calcolo: viene pressappoco...

5 - Dalla Casa Blanca alla Casa Bianca

Prima del campionato cinese, ad attirare i campioni in cerca a suon di dollari c'era soprattutto quello americano. Ora si dà il caso che Ronaldo, a 32 anni e mezzo, sia ancora il primo giocatore al mondo (insieme a Messi, Dio ce ne scampi dal solito dualismo). Troppo presto per tentare la via sia dell'Estremo Oriente che della MLS. A meno che non lo attiri un'altra prospettiva: prendere confidenza con il mondo fatato di Hollywood. Come ce lo vedete un kolossal sulla carriera di Cristiano, interpretato dallo stesso Cristiano? In ogni caso, per convincere il lusitano a lasciare il calcio che conta (leggasi quello europeo) ci vorrebbero ancora più soldi di quanti lui non ne abbia mai guadagnati in carriera.

In tutto questo, che ne pensi tu, Donald?

6 - Alla corte di Re Carlo

Ecco, il Bayer Monaco sì che avrebbe il profilo adatto come nuova squadra di Ronaldo: dominatrice in patria, una voglia pazzesca di tornare a vincere in Europa. E poi c'è lui, uno degli allenatori più benvoluti dal numero 7. "Mi manca, un giorno vorrei tornare a lavorare con lui", confidò il portoghese un annetto e mezzo fa. I bavaresi però, di vere e proprie follie sul mercato difficilmente ne compiono: troppo oculata la gestione della prima squadra di Germania per lasciarsi andare a questa pazzia. Certo, se per Tolisso hanno spesso oltre 40 milioni di euro, per il bi-campione d'Europa potrebbero anche pensare uno "sforzo" in più. Di sicuro, l'idea di poter riallenare Cristiano solleverebbe a Carletto anche il sopracciglio destro.

Caro Ancelotti, ma per lui saresti disposto a rinunciare al tuo amato prosciutto di Parma?

7 - Manchester, ma gli altri

Se una spesa del genere sarebbe in grado di coprirla il Manchester United, volete che non ci riesca anche il City? A livello di potenziale economico, la soluzione Guardiola non possiamo scartarla. Ma se ci leggono i tifosi dei Red Devils, potrebbero farsi andare questo ragionamento di traverso. Meglio non rischiare.

8 - Ancora in Spagna

No, questa proprio no. Dai, lo sapete bene chi è l'unica altra squadra della Liga che potrebbe permetterselo. E niente, fa già ridere così.

9 - Senti Cri, ma la Serie A non ti piace proprio?

Pensateci un attimo: Cristiano Ronaldo in Italia. Dove? Vediamo un attimo...

  • Juventus: per il costante processo di crescita dei bianconeri, sarebbe l'apoteosi (e non farebbe la panchina). Forse, ma solo forse, con lui riuscirebbe a finire anche la maledizione Champions. Ma un colpo del genere è al momento troppo anche per Agnelli e Marotta.
  • Milan: sì, probabilmente con un acquisto del genere i tifosi rossoneri inizierebbero di colpo a domandarsi: "Donnarumma chi??". Ronaldo come piccola consolazione, insomma. E poi dai, Jorge Mendes è così in buoni rapporti con la dirigenza del Diavolo: non volete forse che il giovane André Silva si ambienti rapidamente?
  • Inter: "Suning potrebbe acquistarlo, ma c'è il Fair Play Finanziario", ha mugugnato poche settimane fa un Piero Ausilio decisamente amareggiato. E no, il FFP non si può cedere, né girare in prestito a nessuno. Sta lì e sogghigna soddisfatto mentre infrange i tuoi sogni.
  • Roma: dite che Cristiano si prenderebbe lo stesso il numero 7? "Ho saputo che si è liberata la 10...".
  • Napoli: con tutta la buona volontà e con tutta la stima per chi ha vinto 4 Champions, un Europeo e 4 Palloni d'Oro (e mezzo)... ma voi avete davvero il coraggio di mettere mano al tridente Callejon-Mertens-Insigne?
  • Lazio: Lotito dovrebbe prima verificare la sua uniformità ai famosi tre parametri. Certo che la tentazione di rispondere a Keita: "Vai pure, al posto tuo ne abbiamo preso un altro, sembra bravino".
  • Atalanta: se dovesse andare via il Papu... come si balla la Cristiano Dance?
  • Spal o Benevento: noi la buttiamo là, senza pretese.

10 - Una squadra da 2: lui + Ibra

Loro due insieme si fonderebbero in un super-giocatore capace di sfidare da solo anche i campioni in carica della Via Lattea.

11 - Torna insieme a Irina

Ma dai, non c'entra niente con la sua nuova squadra! E poi la Shayk ha appena dato alla luce una meravigliosa creatura, nata dall'amore con Bradley Cooper. Ecco, avete presente quant'era grosso Bradley Cooper in American Sniper?! Cristiano, te lo sconsigliamo vivamente. E poi con Georgina ci stai pure bene, chi te lo fa fare.

12 - Di sicuro, non giocherà nel Bolton

Per i tifosi dei Trotters deve essere stata dura da mandare giù, ma i Wanderers non porteranno Ronaldo in League One. L'hanno anche confermato con un tweet. Se non vi basta questo...

13 - Rimane al Real Madrid

Alla fine, sarebbe la soluzione che ristabilirebbe lo status quo più naturale del mondo e che, fino a due giorni fa, sembrava davvero intoccabile. "Continuarono a vivere felici e contenti" non è poi così male, no?

La prima pagina di Marca
Marca chiede a Ronaldo: "Sei sicuro, Cristiano?"

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.