Laporta: "L'Inter offrì 150 mln per Messi, così alzammo la clausola"

Era il 2006 e i nerazzurri si dichiararono pronti a pagare l'intera clausola rescissoria dell'argentino: così i catalani decisero di alzarla ancora.

3k condivisioni 0 commenti

di

Share

Nel giorno della clamorosa rivelazione di A Bola riguardo il futuro di Cristiano Ronaldo, ecco che dall'Inghilterra arriva la notizia di un'altra potenziale operazione di calciomercato da record. È quella che nel 2006 avrebbe potuto portare Leo Messi, l'altro fenomeno che sta segnando questa epoca del calcio mondiale, lontano dal suo Barcellona.

Stiamo parlando di più di 10 anni fa, è vero. Ma anche se Leo non aveva vinto nemmeno uno dei suoi 5 Palloni d'Oro, si parlava già di uno dei più forti calciatori in circolazione. Lo era così tanto da spingere i club più forti di tutta Europa a chiedere informazioni su di lui e presentare delle offerte ufficiali in sede di calciomercato.

È il caso dell'Inter e questa non è certo una novità. Era già stato raccontato in passato di avances importanti da parte dei nerazzurri nei confronti di Leo Messi, in particolare proprio nel 2006, quando il presidente del Barcellona era Joan Laporta. Proprio lui aveva rivelato di manifestazioni di interesse da parte dell'Inter e sempre l'ex numero del club catalano, in un'intervista rilasciata al Mirror, ha parlato dell'entità di quell'offerta.

Barcellona, Laporta ha rifiutato l'offerta dell'Inter per Messi
Joan Laporta insieme a Leo Messi al Barcellona

Calciomercato Barcellona, l'offerta dell'Inter per Messi

Joan Laporta è tornato con la mente a quell'estate del 2006 e alla "tentazione" di calciomercato arrivata direttamente da Milano, sponda Inter. E l'ex presidente del Barcellona, ha raccontato così quell'episodio:

Nel 2006 l'Inter presentò un'offerta per Messi. Erano pronti a pagare l'intera clausola rescissoria di 150 milioni di euro ed è per questo che dopo la alzammo a 250. Nonostante questo, sono sempre rimasto tranquillo per via del mio rapporto con suo padre, Jorge.

Ed ecco cosa disse successivamente al padre di Messi:

Gli dissi che non lo avrei venduto, che Leo sarebbe stato felice a Barcellona, avrebbe ottenuto la gloria. Lì all'Inter avrebbe vinto in quel momento solo a livello economico, ma suo figlio era destinato a essere il più grande della storia e con noi avrebbe avuto una squadra in grado di permetterglielo.

In fin dei conti, non è che sia andato poi così tanto lontano dalla verità...

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.