Europei Under 21: la rosa dell'Italia campione del 2000

Gli azzurrini di Tardelli conquistano il quarto titolo di categoria grazie alla vittoria in finale contro la Repubblica Ceca: ecco i 20 giocatori della spedizione in Slovacchia.

L'Italia campione d'Europa nel 2000

3k condivisioni 0 commenti

di

Share

Classe, personalità e determinazione. Questi gli ingredienti che permisero all'Under 21 guidata da Marco Tardelli di vincere gli Europei Under 21 del 2000. L'Italia conquistò il suo quarto titolo di categoria dopo aver superato il girone con Slovacchia, Inghilterra e Turchia, e battendo in finale la Repubblica Ceca di Baros e Jankulovski.

Decisiva la doppietta di Andrea Pirlo che dopo aver aperto le marcature nel primo tempo su rigore, siglò il gol vittoria a meno di dieci minuti dalla fine. Inutile la rete di Dosek a inizio ripresa. Ad alzare il trofeo nella notte di Bratislava fu l'Italia Under 21.

La forza di quella squadra era il centrocampo, composto da Cristiano Zanetti, Baronio, Gattuso e con Pirlo nelle vecchie vesti di trequartista (capocannoniere di quell'edizione degli Europei Under 21 con 3 reti). Davanti ad Abbiati quattro difensori piuttosto ruvidi: Grandoni e Coco terzini, Zanchi-Cirillo centrali. Coppia d'attacco formata da Ventola e Comandini. Di seguito tutti gli eroi della spedizione slovacca.

Tardelli e l'Italia Under 21

Europei Under 21, la rosa dell'Italia campione del 2000

1 - Morgan De Sanctis

Morgan De Sanctis

Cresciuto nelle giovanili del Pescara, con cui fa il suo esordio nel calcio professionistico prima del passaggio alla Juventus. Si afferma con la maglia dell'Udinese, ma le parentesi più importanti della sua carriera sono a Napoli prima e Roma poi. Anche tre esperienze all'estero: Siviglia, Galatasaray e Monaco, dove ha vinto la Ligue 1 lo scorso anno.

2 - Alessandro Grandoni

Alessandro Grandoni

Conosce il grande calcio grazie ai tre anni alla Lazio: si tratta dell'inizio della sua carriera, che corrisponde anche al punto più alto. Poi la doppia esperienza alla Sampdoria, coincisa con i prestiti a Torino e Modena. Si è ritirato nel 2012.

3 - Luca Mezzano

Luca Mezzano Italia

Un inizio importante nelle giovanili del Torino, prima di passare all'Inter: nelle due stagioni in nerazzurro si toglie la soddisfazione di vincere la Coppa Uefa, unico trofeo della sua carriera. Poi tanti anni in provincia, tra Perugia, Verona e Treviso. Chiude la carriera all'Arezzo nel 2010.

4 - Marco Zanchi

Marco Zanchi

Un bergamasco trapiantato in Sicilia. Dopo l'avvio con l'Atalanta, il momento più importante della sua carriera arriva nella stagione 2000-2001, quando passa alla Juventus. Poi qualche anno in prestito prima di arrivare al Messina. Dove diventa un punto di riferimento per la piazza. Torna al nord per terminare al Vicenza nel 2012.

5 - Matteo Ferrari

Matteo Ferrari

Affacciatosi al grande calcio con la maglia dell'Inter, ha vissuto le stagioni migliori con le maglie di Parma e Roma. Nel mezzo anche l'esperienza in prestito all'Everton. Poi in Turchia al Besiktas e in Canada al Montreal Impact: tre anni fa il ritiro.

6 - Gennaro Gattuso

Gennaro Gattuso

Dall'Umbria alla Scozia, dal Perugia ai Rangers. Ma il Milan si accorge di lui nella stagione passata a Salerno. Nei 13 anni in rossonero vince tutto quello che un calciatore possa desiderare. Chiude la carriera al Sion, dove inizia anche quella da allenatore. Poi Palermo, Creta e Pisa. Il prossimo anno sarà alla guida della Primavera del Milan.

7 - Gianni Comandini

Gianni Comandini

Un talento che non è mai esploso del tutto. Le stagioni più importanti con Cesena e Vicenza, fino ad arrivare a vestire la maglia del Milan. Solo una stagione prima di passare all'Atalanta, poi Genoa e ancora Atalanta. Dice addio al calcio con la Ternana nel 2005.

8 - Roberto Baronio

Roberto Baronio

La Lazio come minimo comune denominatore della sua carriera. Un tira e molla durato 15 anni: nella stagione passata a Reggio Calabria sembrava destinato a diventare il regista della Nazionale maggiore. Ma non aveva fatto i conti con il suo compagno di squadra dell'epoca, un certo Andrea Pirlo.

9 - Nicola Ventola

Nicola Ventola

Le quattro stagioni al Bari convincono l'Inter a puntare su di lui accanto a Ronaldo e Zamorano. Poi i tanti prestiti: da Bologna a Siena, passando per Bergamo. Termina la sua carriera in Piemonte, prima Torino poi Novara. Appende gli scarpini al chiodo nel 2011. 

10 - Andrea Pirlo

Andrea Pirlo

Un calciatore che non ha bisogno di presentazioni. Cresciuto nel Brescia e passato per l'Inter, ha fatto la fortuna di Milan e Juventus. Alla soglia dei 36 anni si trasferisce a New York per giocare le sue ultime stagioni da professionista. Anche se di ritiro non se ne parla.

11 - Simone Perrotta

Simone Perrotta

Facendo il suo nome si pensa immediatamente al Chievo dei miracoli di Luigi Del Neri. Ma diventa grande con la maglia della Roma, tra i campioni del mondo nella notte di Berlino del 2006. Ha giocato anche con le maglie di Reggina, Bari e Juventus.

12 - Christian Abbiati

Christian Abbiati

Quando difende i pali agli Europei Under 21 del 2000 può vantare già la vittoria di uno scudetto con la maglia del Milan. Niente male per un portiere di nemmeno 23 anni. Nella sua lunga carriera in rossonero è stato girato in prestito a Genoa, Juventus, Torino e Atletico Madrid. Da poco più di un anno ha messo i guanti nel cassetto.

13 - Francesco Coco

Francesco Coco

Quanti giocatori possono vantare un curriculum con su scritti i nomi di Milan, Inter e Barcellona? Francesco Coco è uno di questi, anche se la sua carriera è stata caratterizzata da molti infortuni. Dopo l'ultima stagione in prestito al Torino nel 2007, ha deciso di ritirarsi.

14 - Claudio Rivalta

Una lunga carriera sempre in altalena, tra la Serie A e la B. Tutta in provincia, ma piazze di tutto rispetto. A cominciare dal Cesena, poi Perugia e Vicenza. La permanenza più lunga è a Bergamo: cinque stagioni con la maglia dell'Atalanta. Infine Torino e Spezia. Addio al calcio nel 2012.

15 - Bruno Cirillo

Bruno Cirillo

Campano di nascita, calabrese di adozione. Tanti anni passati a Reggio Calabria, dove ha chiuso la carriera nel 2015. Ma in mezzo ci sono state tante esperienze, soprattutto all'estero: dalla Spagna alla Grecia, dalla Francia all'India. Senza dimenticare la stagione all'Inter conclusasi con il famigerato 5 maggio.

16 - Ighli Vannucchi

A Empoli basta fare il suo nome per far aprire tutte le porte. Nato a Prato e cresciuto nella Lucchese. Arrivato in Serie A grazie alle Salernitana prima e il Venezia poi. Da lì il ritorno in toscana, con la maglia azzurra numero 10. Lo specialista delle punizione, uno degli ultimi trequartisti puri.

17 - Cristiano Zanetti

Cristiano Zanetti

Non si chiamerà Javier, ma anche la carriera dello Zanetti italiano non è affatto male. Inter, Roma, Juventus e Fiorentina. Più di qualcuno ci metterebbe la firma senza pensarci su due volte. Decide di chiudere la carriera a Brescia nel 2012.

18 - Fabio Firmani

Fabio Firmani

Romano e laziale. Nonostante la sua fede, deve aspettare 27 anni per vestire la maglia biancoceleste. Merito delle ottime stagioni con il Chievo prima e il Catania poi. Chiude la sua carriera da calciatore in Cina nel 2012, indossando la maglia del Guizhou Renhe.

19 - Marco Rossi

Una carriera lunga 10 anni prima di trovare il suo vero amore: da Lucca a Como, passando per Salerno e Firenze. Ma l'appuntamento con il destino è a Genova. Otto stagioni con la maglia del Grifone (che diventano 9 se si considera il prestito del 2003). La maggior parte con la fascia di capitano al braccio.

20 - Gionatha Spinesi

Gionatha Spinesi

Un eroe per tutti i nostalgici nati negli anni '80. Una macchina da gol che si accende col Bari, esplode con l'Arezzo e si consacra a Catania. L'attaccante vecchio stampo, il 'Gabbiano' (questo il suo soprannome) che segna in tutti i modi. Prima di iniziare l'ultima avventura della sua carriera con il Pescina nel 2009, annuncia il suo ritiro dal calcio professionistico.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.