Atletico Madrid, arresto-beffa per Hernandez: fermato in aeroporto

Lucas Hernandez, centrale dell'Atletico Madrid, è stato nuovamente arrestato: violata l'ordinanza nei confronti dell'ex fidanzata, nel frattempo tornata con lui.

Lucas Hernandez, difensore dell'Atletico Madrid

900 condivisioni 0 commenti

di

Share

Galeotta fu l'ordinanza restrittiva. Quella che stiamo per raccontarvi è una storia ai limiti del grottesco. Ci troviamo all'aeroporto di Madrid: Lucas Hernandez, difensore dell'Atletico Madrid - nonché fratello dell'esterno dell'Alaves Theo - si trova in aeroporto con la fidanzata. Sì, proprio quella fidanzata aggredita dopo una notte brava passata in preda ai fumi dell'alcool. I due erano appena tornati da una vacanza alle Bahamas, vissuta a suggello della ritrovata armonia di coppia. Peccato però che al rientro all'aeroporto Adolfo Suárez (Madrid-Barajas) i due siano stati fermati dalle autorità portuali, prima di finire in consegna alla polizia spagnola. Il motivo? Il centrale transalpino non ha rispettato l'ordinanza che gli impediva di avvicinarsi a meno di 500 metri dalla donna, ormai tornata stabilmente sua compagna di vita.

Arrestati entrambi, con la donna però subito rilasciata. Notte trascorsa in commissariato per Lucas Hernandez, che si è anche presentato di fronte ad un giudice penale di Madrid nella giornata di ieri. Fondamentalmente sembrerebbe trattarsi di un puro e semplice malinteso: il difensore dell'Atletico Madrid ha chiarito infatti come i rapporti tra lui e la De La Ossa siano tornati idilliaci, con i due che sarebbero dunque nuovamente impegnati in una relazione. Corretta comunque l'interpretazione dell'autorità, essendo l'ordinanza ancora pienamente valida, visti i 7 mesi messi a verbale nel febbraio del 2017. Più leggera invece la coppia, la quale avrebbe potuto avviare le pratiche per l'annullamento della stessa istanza, vista l'ormai palese riconciliazione.

Nessuna presa di posizione da parte dei Colchoneros, che non si sono finora esposti pubblicamente sulla vicenda. Resta l'episodio ai limiti del tragicomico per il nazionale under-21 transalpino, la cui disavventura avrà sicuramente modo di insegnargli qualcosa. E restano le tante reazioni manifestate dal popolo dei social, che non ha certo perso tempo nel prendersi gioco della vicenda con vari meme e frasi a effetto rivolti al giocatore e alla compagna.

Atletico Madrid: Theo e Lucas Hernandez come i fratelli Boateng?

Al di là dello spiacevole equivoco, la Spagna continua a interrogarsi anche su un altro quesito legato a Lucas Hernandez. Come detto, il centrale dell'Atletico Madrid è il fratello maggiore di Theo, esterno dell'Alaves - ma di proprietà Colchoneros - e pronto a trasferirsi al Real. E fin qui nulla di strano, se non per il patto di non belligeranza tra i due club cittadini frantumato, direte. E invece no. Avete presente il caso dei fratelli Boateng? I due, pur avendo origini ghanesi, sono infatti stati trapiantati fin da piccoli in Germania, più precisamente a Berlino.

Le due strade calcistiche dei fratellastri hanno sin da subito preso due direzioni completamente opposte, anche e soprattutto in termini di nazionale. Se da un lato Jerome scelse di vestire i colori della Germania, Kevin decise invece di seguire le sue radici, indossando la casacca del Ghana. Ecco, questo raro dualismo potrebbe ripetersi anche in casa Hernandez: se infatti Lucas ha già preso la sua decisione, sposando la causa della Francia, Theo sarebbe ancora indeciso.

Pur vestendo attualmente la maglia della Bleu under-20 infatti, il ragazzo vorrebbe "tradire" i colori della sua patria per militare nella Spagna, con la quale potrebbe anche raggiungere ben presto una convocazione in nazionale maggiore.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.