Wolfsburg salvo, ma è calcio? Cabina sorvegliata per evitare vendette

Il Wolfsburg vince lo spareggio col Braunschweig e si salva: prima della gara lo spogliatoio è stato sorvegliato per evitare attacchi dopo la polemica dell'andata.

568 condivisioni 0 commenti

di

Share

Salvi. Dalla retrocessione e anche dagli attacchi e sabotaggi altrui. Il Wolfsburg ha vinto lo spareggio contro l’Eintracht Braunschweig e resterà quindi in Bundesliga. Ora bisognerà rifondare, perché il campionato era cominciato con ben altri obiettivi (si puntava all’Europa) e anche l’anno prossimo le ambizioni saranno le stesse.

Lo spareggio con il Braunschweig è stato molto sofferto. Già nella partita d’andata: il gol (unico dell’incontro) di Mario Gomez è nato da un rigore inesistente. L’attaccante del Wolfsburg aveva toccato la palla con la mano, a differenza del difensore avversario che teneva il braccio attaccato al corpo.

A fine partita le polemiche non si sono limitate a quello. Perché Boland, leader del Braunschweig, ha accusato il Wolfsburg di aver sabotato gli scarpini degli avversari, aprendo di proposito le docce e facendo sì che si bagnassero.

Era tutto bagnato, non è stato per nulla piacevole. Abbiamo provato, le docce vanno azionate premendo un pulsante, è stato fatto di proposito. Qualcuno si è preso la libertà di farci questo scherzetto, ma c’è un Dio del calcio e queste cose vengono punite.

Vota anche tu!

Wolfsburg salvo, l'anno prossimo tornerà a competere per l'Europa League?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Wolfsburg salvo e a "difesa" dello spogliatoio 

Il Wolfsburg si era difeso parlando di un episodio fortuito e sfortunato. Heribert Rüttger, responsabile dei magazzinieri dei lupi, aveva spiegato che per motivi igienici le docce, una volta al giorno, si azionano automaticamente per pulire l’area. Sarà, ma fra i tesserati del Braunschweig in pochi hanno creduto alla giustificazione.

Giocatori Wolfsburg
I giocatori del Wolfsburg esultano dopo un gol

Proprio per questo ieri, prima della partita, i magazzinieri del Wolfsburg hanno pensato bene di non correre rischi. Arrivati allo stadio del Braunschweig hanno preparato maglie e scarpini, ma non hanno mai lasciato incustodito lo spogliatoio. C’era infatti il timore che ci potesse essere un sabotaggio da parte di qualche tesserato del Braunschweig. C’era paura ci potesse essere una vendetta. Alla fine però non c’è stato nessun episodio inusuale. E il Wolfsburg si è salvato. Dalla retrocessione, e anche dagli attacchi e sabotaggi altrui.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.