Real Madrid, sei maledizioni tra te e la Champions League

Dal bis di vittorie in due stagioni, mai riuscito a nessuno, alla divisa da indossare: Marca elenca le potenziali trappole nella finale contro la Juventus.

897 condivisioni 1 commento

di

Share

Può una società che ha vinto 33 volte il campionato, 19 Coppe del Re, 10 Supercoppe di Spagna, 11 tra Champions League e Coppe dei Campioni, due Coppe Uefa (o Europa League), 3 Supercoppe Uefa, 3 Coppe Intercontinentali e 2 Coppe del Mondo per club avere paura delle maledizioni? Forse no, ma di certo le tiene d’occhio con estrema attenzione. Chiedete conferma in casa Real Madrid, quando pochissimo tempo separa Zinedine Zidane e i suoi dalla finale di Champions in programma a Cardiff sabato 3 giugno contro la Juventus.

A rivelare le trappole sulla strada verso la ‘Duodecima’ è l’edizione online di Marca, che elenca le sei maledizioni che il Real Madrid dovrà schivare in occasione dell'ultimo atto della competizione europea più ambita per club. Dalle coincidenze temporali alle curiosità sulla divisa da indossare, per i blancos non mancano gli aneddoti ai quali dare almeno una lettura.

Il primo potenziale ostacolo sa di storia: vincendo in Galles, il Real diventerebbe la prima squadra nella storia del calcio europeo a vincere la Champione League, da quando la nuova formula ha rilevato la Coppa dei Campioni. A fallire nell’impresa sono stati tre club, di cui due squadre italiane: il Milan, superato dall’Ajax per 1-0 nel 1994/1995 dopo aver superato per 4-0 il Barcellona nella finale della precedente edizione, e la stessa Juventus, vittoriosa nel 1995/1996 ai rigori sull’Ajax e sconfitta nella stagione successiva in finale dal Borussia Dortmund. A completare il tris è il Manchester United, che prevalse ai rigori sul Chelsea nel 2007/08 per cedere 2-0 nell’ultimo atto di Roma contro il Barcellona nell’annata successiva. Così, vincere a Cardiff per Cristiano Ronaldo e compagni significherebbe un altro, l’ennesimo record.

Real Madrid, le trappole di Cardiff: occhio agli ex e alla maglietta da indossare

Se Zidane è stato da calciatore uno dei maggiori talenti che hanno vestito la maglietta della Juventus, su sponda bianconera non mancano due ex eccellenti con trascorsi nella Capitale spagnola: Gonzalo Higuain e Sami Khedira. Il Pipita, autore di due centri decisivi per la Juventus nella semifinale di andata contro il Monaco, ha vestito la maglia della casa blanca dal 2007 al 2013, mentre il centrocampista tedesco arrivò in Spagna nell'estate 2010 dallo Stoccarda, prima di partire alla volta dell'Italia nel giugno 2015. Al Bernabeu temono l'effetto Morata: l'attaccante ora tornato a Madrid realizzò una rete pesantissima nella semifinale di ritorno della Champions League 2014/2015, terminata 1-1, regalando la finale di Berlino alla formazione allenata da Massimiliano Allegri. Scavando nell'album dei ricordi, in tanti nella Capitale spagnola ricordano la rete realizzata da Fernando Morientes nel 2003/04, quando con la maglia del Monaco eliminò la sua vecchia squadra.

Gonzalo Higuain, attaccante della Juventus con un passato nel Real Madrid
Gonzalo Higuain, attaccante della Juventus: a Madrid, sponda Real, temono l'ex

Altre tre curiosità riguardano la sfera dei numeri: il Real Madrid ha conquistato infatti cinque Champions League, da sommare a sei Coppe dei Campioni. Tutte le volte che i blancos hanno sollevato la coppa con le orecchie, però, è accaduto in annate pari. Una striscia avviata nel 1998 proprio contro la Juventus e proseguita nel 2000 contro il Valencia e nel 2002 contro il Bayer Leverkusen, fino alla ‘Decima’ festeggiata contro l’Atletico Madrid nel 2014. Ancora, derby, ancora vittoria nel 2016. Vincere in un anno dispari sarebbe un inedito, così come l'accoppiata Mondiale per Club e Champions League, mai verificatasi nella stessa annata da quando la competizione che incrocia le squadre vincitrici dei tornei continentali organizzati dalle sei confederazioni appartenenti alla FIFA.  Altro numero da tener d’occhio è il 7: da quando esiste la Champions League, la tradizione ha visto infatti vincere una squadra italiana ogni sette anni. La Juventus ha conquistato il trofeo nel 1996, il Milan nel 2003 e l’Inter nel 2010. Proprio sette anni fa.

Zinedine Zidane e Cristiano Ronaldo festeggiano una vittoria del Real Madrid
Zinedine Zidane e Cristiano Ronaldo festeggiano una vittoria del Real Madrid

L'ultima delle sei potenziali trappole citate da Marca è di carattere cromatico: il sorteggio ha infatti decretato che sia la Juventus la formazione di casa in quel di Cardiff. Il Real Madrid indosserò così la seconda maglia, di colore viola, che la formazione madrilena ha indossato in due delle cinque sconfitte stagionali. Laddove il sesto scudetto di fila e la terza Coppa Italia consecutive conquistate dai bianconeri in stagione non fanno paura pur incutendo enorme rispetto, arriva la cabala.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.