Il Barcellona è eco: la maglia 2017/18 è realizzata riciclando plastica

Presentata la nuova prima maglia per la prossima stagione: è sviluppata con poliestere ottenuto da bottiglie di plastica fuse con il minor impatto ambientale.

494 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il Barcellona presenta ufficialmente la nuova maglia home per la stagione 2017/2018 e conferma le anticipazioni circolate negli ultimi mesi. Le immagini pubblicate sui propri canali social, infatti, mostrano una divisa prevalentemente azzurra, con delle strisce verticali rosse che partono più piccole e crescono fino ad arrivare a quella leggermente più spessa centrale.

Il cambio principale riguarda però ovviamente lo sponsor, visto che dopo 5 stagioni di partnership con Qatar Airways, il Barcellona passa ufficialmente al colosso giapponese del commercio elettronico: Rakuten.

Altri dettagli che si notano sulla nuova maglia del Barcellona sono certamente la striscia della bandiera catalana che gira intorno al colletto e le parole "Força" e "Barça", posizionate nella parte interna delle maniche. Infine, all'interno di un modello geometrico già di per sé iper-adattabile, è presente una striscia rossa all'altezza del costato che si espande con i movimenti dei giocatori massimizzandone la ventilazione.

La maglia del Barcellona 2017/2018

Tra le curiosità di questa nuova maglia del Barcellona c'è poi quella data dalla svolta recente della Nike, che ha ormai scelto di utilizzare materiali e tecniche a bassissimo impatto ambientale. Le divise saranno infatti in poliestere riciclato, ottenuto dalla fusione (anche questa a minore influenza possibile sull'ambiente) di bottiglie di plastica. Per la precisione, 16 per ogni modello.

Il primo calciatore a parlare di questa maglia è Neymar, che ha espresso subito commenti positivi:

Quando ti mostrano il nuovo equipaggiamento del Barcellona per la prima volta, senti un misto tra orgoglio e ottimismo per la prossima stagione. Il suo aspetto è quello di un abbigliamento sportivo di ultima generazione.

E, dettaglio da non sottovalutare, anche a basso impatto ambientale.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.