L'Hertha Berlino rifà lo stadio. Bolt: "Rovinano la pista d'atletica"

Il giamaicano in quello stadio ha fatto registrare il record mondiale sia sui 100 che sui 200 metri: "Sarebbe uno scandalo se rovinassero la pista d'atletica".

Usain Bolt è contrario all'iniziativa dell'Hertha Berlino che vuole ristrutturare lo stadio

215 condivisioni 0 commenti

di

Share

Discussione Olimpica. O poco ci manca. L’Hertha Berlino ha intenzione di ristrutturare lo stadio, quello nel quale l’Italia nel 2006 divenne campione del mondo con il gol di Materazzi nei 90’ e quelli di Pirlo, Materazzi, De Rossi, Del Piero e Grosso dagli undici metri. L’impianto però non è proprietà del club, che ha quindi chiesto il permesso al comune.

E in città se ne discute. Come sempre c’è chi è a favore di un ritocchino e chi è del tutto contrario. Quello stadio è storico e l’Hertha Berlino non ha il diritto di ristrutturarlo. Ne è convinto anche Usain Bolt, da anni l’uomo più veloce della terra. Lui lì ha fatto registrare ben due record mondiali ancora oggi attivi.

L’idea dell’Hertha Berlino è infatti quella di avvicinare le tribune al terreno di gioco. All’Olympiastadion manca il calore, si dice. Eliminando la pista d’atletica che circonda il campo da calcio i tifosi potrebbero sentirsi finalmente più coinvolti. Ma proprio questo ha scatenato l’ira di Bolt, che non accetta che venga distrutta quella pista.

Fabio Grosso
Il gol di Fabio Grosso

Bolt contro l’Hertha Berlino: non vuole si ritocchi l’Olympiastadion

Il contratto d’affitto dell’Hertha Berlino relativo all’Olympiastadion sta per scadere e la società sta valutando le varie opzioni per il futuro. Si potrebbe costruire un nuovo impianto, oppure riadattare quello attualmente in uso. Secondo Bolt però l’Olympiastadion non deve diventare esclusivamente uno stadio calcistico. Lui lì nel 2009 ha fatto registrare due record del mondo ancora oggi imbattuti (sui 100 e sui 200 metri, rispettivamente 9,58 e 19,19 secondi).

Quello stadio è uno dei migliori al mondo, sarebbe uno scandalo se togliessero la pista d'atletica.

Usain Bolt
Usain Bolt a Berlino

E non c’è solo il giamaicano a essere del tutto contrario. Anche il giavellottista norvegese Andreas Thorkildsen è stato piuttosto netto:

Il design e la storia sono unici. Credo sia folle voler trasformare l'impianto in uno stadio esclusivamente calcistico.

Anche in città al momento sembrano essere più i contrari dei favorevoli. Ma se inizialmente sembrava dovesse essere una questione fra il Comune e l’Hertha Berlino, di ora in ora è sempre più chiaro che la discussione è diventata Olimpica. D’altronde, per quello stadio…

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.