Formula 1, Senna e la pole storica nel GP di Monaco

Era il 1988, il brasiliano su McLaren finì primo nelle qualifiche rifilando più di un secondo e mezzo al compagno Prost: "Ero in un'altra dimensione, oltre i limiti".

Formula 1, Senna e quel giro record a Monaco

79 condivisioni 1 commento

di

Share

Al nome di Ayrton Senna qualcuno ancora si commuove. Se lo si urla a gran voce prima del GP di Monaco di Formula 1, c’è il rischio di piangere a dirotto. Il brasiliano adorava le strade del Principato, con quella pista aveva un rapporto intimo che nessun altro ha mai più avuto. Si faceva abbracciare da quei guard-rail stretti, da quelle curve infami e a volte ingiuste, ma soprattutto dalla gente. Undici partecipazioni, 6 vittorie (nessuno come lui) di cui 5 consecutive, un podio di rimonta nel 1984 sulla Toleman in mezzo al diluvio e 5 pole position. Una è rimasta nella storia, quella del GP del 1988.

Monte Carlo è così: o sai guidare e vinci, oppure rimani dietro a osservare le bellezze di questa località unica. Senna faceva parte del primo gruppo, si calava dentro la monoposto e andava forte in un tracciato che ha più pericoli che curve. Era un pilota che ad ogni giro cercava di superare i propri limiti.
Sono passati 29 anni da quel giro di qualifica incredibile. E nei giorni che anticipano il GP di Monaco di Formula 1 2017, è impossibile non ricordarlo. Senna, a 23 anni dalla sua scomparsa, ha un grande potere: quello di far emozionare ancora.
Formula 1, Senna a Montecarlo nel 1988
Formula 1, Senna e quel giro rimasto nella storia nelle qualifiche del GP di Monaco

Formula 1, Senna e quella qualifica a Monaco

Il tunnel, il tornantino, la curva del Tabaccaio, la chicane delle Piscine. Le strade di Monte Carlo sono inimitabili e rese uniche da grandi piloti. Schumacher, Graham Hill, Prost, Gilles Villeneuve, Fangio e Brabham i più grandi protagonisti del GP reale. E poi c’è Ayrton Senna, quello che più di tutti ha emozionato la Formula 1. Perché guidava con classe usando l’istinto, proprietà innata che non tutti hanno. E quale miglior circuito per mostrare le sue qualità, se non quello del Principato?
Siamo nel 1988. Il brasiliano conquista la pole position con la McLaren MP4-4 con un giro pazzesco: 1’23’’998, quasi un secondo e mezzo meglio del suo compagno di squadra Alain Prost, oltre due secondi da Berger e Alboreto, entrambi su Ferrari. C’è un video, creato per il ventennale della morte di Ayrton dalla scuderia McLaren, che fa capire meglio quanto siano stati pazzeschi quei chilometri. I migliori, per gli appassionati di Formula 1, mai visti nella storia.
Avevo già la pole, ma continuavo a girare. Andavo, andavo, e improvvisamente ero circa 2 secondi più veloce di chiunque altro. Era come se stessi guidando solo d’istinto. Ero in un’altra dimensione, in una sorta di tunnel, ben oltre la mia comprensione e coscienza.
Difficile immaginarlo anche ora, Senna che guida per decine di minuti sempre alla ricerca del massimo oltre il limite umano. Facendo il paragone con la Formula 1 di oggi, con l’elettronica, 3 giri o poco più di qualificazione, le gomme, sembra quasi un altro sport.
E pensare che quel GP Ayrton non lo concluderà mai: finirà dritto sulle barriere regalando la vittoria a Prost. Un incidente che non gli impedì di vincere il Mondiale.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.