Giro d'Italia, ecco le Dolomiti: tutti all'attacco di Dumoulin

Mortirolo, Stelvio (Cima Coppi) e Giogo Santa Maria: tre salite micidiali. Quintana ci prova, ultima chiamata per Nibali: un anno fa ribaltò la corsa insieme a Scarponi.

Giro d'Italia, la strada si impenna: si va sulle Dolomiti

72 condivisioni 0 commenti

di

Share

Eccola la terza settimana del Giro d’Italia. Quella più temuta, perché la strada si impenna sul serio. Dopo il giorno di riposo bisogna arrampicarsi fin sulle Dolomiti. Mortirolo, Stelvio e Giogo di Santa Maria, tre salite tutte d’un fiato dislocate per 222 chilometri. In pratica, Tom Dumoulin va in trincea. L’olandese vuole mantenere la maglia rosa e provare a vincere.

Finalmente, sussurra qualcuno, arriva il terreno per attaccare il leader protagonista un po' a sorpresa: corsa in mano a Quintana, secondo nella generale a 2’41’’, a Pinot e anche a Nibali. Lo Squalo è quarto a 3’40’’. Pesante il distacco, ma da uno come lui ci si aspetta sempre tanto.
Che la tappa numero 16 sia decisiva per le sorti del Giro d’Italia? Forse no. Ma sicuramente si capirà quanto il corridore della Sunweb sia attaccabile in salita: terreno per fare il vuoto ce n’è. Testa bassa e pedalare, si va in paradiso.
Giro d'Italia, Dumoulin è maglia rosa
Giro d'Italia, Dumoulin l'uomo da battere

Giro d’Italia, battaglia vera con la tappa Rovetta-Bormio

Metri di dislivello? 5400. Bastano per mettere ko Dumoulin? Si inizia con il Mortirolo dal versante più facile (12 km al 7,6% di media, massima al 16%), poi Stelvio, la Cima Coppi del Giro d’Italia con 2758 metri di altitudine (22 chilometri al 7,1% di media, max al 12%) e infine il Giogo in Svizzera (13,5 km all’8,4%, max 12%). Tutti trampolini di lancio per attaccare la maglia rosa, prima di buttarsi in discesa per 20 chilometri che portano al traguardo.
Giro d'Italia, ecco la tappa numero 16
Giro d'Italia, tappa Rovetta-Bormio: l'altimetria

I favoriti

Quintana dovrà fare qualcosa per mettere in difficoltà il leader del Giro. Anche perché poi a Milano l’olandese è di nuovo il favorito per la cronometro dell'ultimo giorno. In pratica Naironman dovrà ricucire il ritardo per poi aumentarlo nelle prossime tappe da qui alla fine. Non è facile: la maglia rosa tiene anche in salita. Il banco di prova ci sarà anche per lui, con tre salitone messe lì da scalare forse da solo, con la squadra purtroppo non all’altezza. Occhio anche a Pinot, terzo nella generale, e a Pozzovivo.
Giro d'Italia, Quintana della Movistar
Giro d'Italia, Quintana all'attacco: proverà a riaprire la corsa rosa

Nibali, ultima chiamata

Il vincitore del Giro d’Italia 2016 dovrà attaccare: il coraggio non gli manca, le gambe forse un po’ sì. Lui di solito va forte nella terza settimana: l’anno scorso la prova inconfutabile. In due giorni ha ribaltato la corsa recuperando 4’43’’ a Kruijswijk e a quel fringuello alpino di Chaves. Era quarto in classifica proprio come nel 2016. Con orgoglio (dopo tante voci su un possibile ritiro, problemi di salute e di condizione), lo Squalo si è preso il giro sul Colle dell’Agnello (con un grande aiuto del rimpianto Scarponi). Guarda il destino, era la Cima Coppi della passata annata, così come lo Stelvio, montagna di mezzo della tappa più dura del 2017.
Giro d'Italia, Nibali e Scarponi nel 2016
Giro d'Italia, Nibali scortato da Scarponi sul Colle dell'Agnello nel 2016
Tutti in attesa di pedalate con il rapportone che sanno tanto di risposte. Gli avversari sono forti e convinti, sarà dura ma non impossibile. E poi tutto lo Stivale aspetta a gran voce una vittoria di un italiano. Che sia la volta buona.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.