Real Madrid, un punto a Malaga e domenica notte partirà la festa

Basta un punto per festeggiare la Liga: è corsa al biglietto (in un modo o nell'altro), ma i festeggiamenti si svolgeranno la notte stessa, come sempre a Madrid.

Il Real Madrid prepara la festa per la vittoria della Liga

949 condivisioni 0 commenti

di

Share

Basta un punto a Malaga, nell'ultima giornata di campionato, e il Real Madrid conquisterà la Liga. I tre punti di vantaggio sul Barcellona (avanti negli scontri diretti), lasciano alle Merengues la possibilità di gestire la trasferta a La Rosaleda e preparare in anticipo la festa scudetto.

Difficile pensare a un colpo di scena che avrebbe davvero del clamoroso: negli ultimi 18 incroci tra queste due squadre, a Malaga, i padroni di casa sono riusciti a vincere solo una volta, il 22 dicembre 2012. Per il resto, 12 sconfitte e 5 pareggi.

I precedenti, insomma, dicono che il Real Madrid uscirà campione dall'Andalusia. E i festeggiamenti si terranno la stessa notte, ma non certo nello stadio La Rosaleda. Lì ci saranno dei tifosi al seguito, ma la tradizione va rispettata: subito dopo la partita i giocatori rientreranno nella Capitale per celebrare la vittoria del titolo insieme a tutto il popolo madridista nella Plaza de Cibeles.

Liga, il Real Madrid prepara la festa

Ciò non significa che i tifosi del Real Madrid non stiano facendo di tutto per essere presenti a La Rosaleda e partecipare attivamente alla conquista dello scudetto. Nonostante i biglietti siano esauriti da tre settimane, restano infatti vari modi per poter trovare un posto allo stadio: la capienza ufficiale è di 30.044 spettatori, di cui 23mila abbonati.

Aggiungendo gli altri più di 6000 che hanno già acquistato il biglietto (a cifre dai 90 ai 160 euro), la sottrazione è semplice: per i tifosi delle Merengues sono stati messi a disposizione 560 posti.

Di questi, 160 il Real Madrid se li è riservati per "impegni inderogabili", i 400 restanti li ha messi in vendita, concedendo un canale privilegiato ai membri delle "peñas madridistas", cioè i club organizzati, presenti in Andalusia. Ecco perché gli altri tifosi delle Merengues si stanno organizzando per trovare "vie alternative".

Le "vie alternative" per un biglietto

Una di queste è la classica (e costosissima) rivendita online, generata da coloro che hanno deciso di comprare il biglietto per poi rivenderselo. Il problema è che in questi casi ci sono delle richieste che vanno dai 500 fino (addirittura) ai 1500 euro.

L'alternativa è trovare un abbonato del Malaga che abbia già deciso di non andare e sia disposto a cedere il suo posto. Anche in questo caso, però, c'è sempre dietro una maggiorazione del tagliando.

Il problema è che entrambe queste soluzioni sono vietate. Ecco perché è molto facile infatti trovare annunci su internet di questo tipo: "Vendesi penna bic e in regalo un biglietto per la partita". Il Malaga ha già avvertito i suoi abbonati del divieto di rivendere il proprio biglietto, pena l'espulsione dalla stadio. Un rischio che in passato hanno già corso molti tifosi del Real Madrid. E probabilmente, con una Liga in palio, lo faranno anche questa volta.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.