Premier League, Watford: italiano anche il successore di Mazzarri?

La famiglia Pozzo starebbe pensando a Claudio Ranieri come sostituto di Walter Mazzarri per la prossima stagione. Tra i candidati anche Marcos Silva.

La panchina del Vicarage Road di Watford

120 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il Made in Italy, in Premier League, non sempre fa rima con eccellenza. Se è vero che grazie alla vittoria del Chelsea di Antonio Conte, il campionato inglese è stato vinto per il secondo anno di fila da un allenatore italiano, è altrettanto vero che tutti gli altri manager impegnati sui campi d'oltremanica, sono stati con il tempo allontanati.

Il primo in ordine di tempo è stato Di Matteo, incapace di guidare l'Aston Villa verso una pronta risalita in Premier League, poi è stato il turno di Walter Zenga che a Wolverhampton aveva trascinato la squadra verso la zona retrocessione. Poco prima di natale era stato il turno di Francesco Guidolin, che con lo Swansea non era riuscito a ripetere quanto di buono fatto la stagione precedente. 

Qualche mese più tardi è stato il turno di Ranieri, che dopo aver conquistato il titolo con il Leicester City, ha vissuto una stagione di transizione, dove il peso di essere campioni in carica e qualche incomprensione con qualche figura importante all'interno dello spogliatoio, aveva prospettato l'incubo della retrocessione. Per ultimo, anche se ancora in carica fino al prossimo weekend, Walter Mazzarri che ha dovuto dire addio alla panchina del Watford perché incapace di imparare l'inglese

L'espressione perplessa di Mazzarri durante Chelsea v Watford

Il Watford parlerà ancora italiano?

La famiglia Pozzo, conscia delle difficoltà di Mazzarri nell'apprendere la lingua inglese e le conseguenti difficoltà di comunicazione, non solo con la stampa ma anche e soprattutto con i giocatori, ha scelto di cambiare, per l'ennesima volta, la guida tecnica della squadra. Il sostituto del tecnico toscano sarà il 9° negli ultimi 5 anni: un record negativo che sembra non piacere poi così tanto ai tifosi. 

All'interno dell'ambiente si è creata una sorta di squilibrio dato dalla mancanza di continuità, non solo dei risultati, e che rischia a lungo termine di causare danni ben più maggiori, come una possibile retrocessione. Per questo motivo, i Pozzo starebbero pensando a una figura professionale di maggior livello ma sempre di nazionalità italiana: Claudio Ranieri

Claudio Ranieri nel corso del suo ultimo match di FA Cup da allenatore del Leicester contro il Millwall

L'ex allenatore del Leicester è oramai ai box da qualche mese e sembra essere pronto a rimettersi in gioco e i buoni rapporti con il Watford e la sua proprietà potrebbero essere un vantaggioso surplus. Ovviamente non è tutto così scontato: anche Marcos Silva, attuale allenatore dell'Hull City, ha dimostrato negli ultimi mesi di essere una giovane promessa del settore e il suo possibile addio a fine stagione lo libererebbe da qualsiasi obbligo contrattuale con i Tigers. In lontananza e in maniera discreta, osserva la situazione anche Alan Pardew, fermo ai box come Ranieri da pochi mesi e volenteroso di ritornare in panchina per concludere in maniera dignitosa la sua carriera da allenatore. 

Per ora nessuna certezza, se non quella di vedere Mazzarri sulla panchina del Watford per l'ultima partita della stagione: a Vicarage Road, nel weekend, arriva il Manchester City di Pep Guardiola. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.