Luke Rockhold choc: "Visto l'andazzo attuale potrei lasciare UFC"

Luke Rockhold, ex campione pesi medi UFC, critica aspramente il recente modus operandi della promotion, minacciando addirittura l'addio.

Luke Rockhold, former UFC middleweight champion

59 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

Un'intera divisione sul piede di guerra. È un po' questa la situazione che si sta vivendo all'interno della categoria pesi medi UFC vista la stipula di Bisping vs GSP, che ha lasciato al palo un'enorme schiera di top contenders decisamente più meritevoli del canadese, il quale affronterà il campione britannico alla prima esperienza importante nelle 185 libbre. Il tutto è stato orchestrato non curandosi di fighter quali Yoel Romero, Gegard Mousasi, Robert Whittaker e Luke Rockhold, ciascuno dei quali avrebbe certamente meritato una chance titolata decisamente più di Georges-St Pierre.

Se da casa Yoel Romero - con quest'ultimo che sarà il prossimo title contender - si è registrata una reazione sdegnata, ma comunque pacata e aperta al dialogo, lo stesso non si può dire per i vari Mousasi o Rockhold. Proprio quest'ultimo è stato forse quello che più di tutti ha manifestato il suo sdegno nei confronti di Bisping vs GSP, accusando UFC di aver perso quella genuinità nel match-making che sempre era stata marchio della migliore promotion al mondo. Enorme lo sdegno da parte del californiano, che si è detto addirittura pronto a muoversi verso altri lidi, ipotesi questa al quanto fantasiosa vista la presenza di un contratto vincolante con l'azienda presieduta da Dana White e di proprietà di WME-IMG.

Ciò nonostante, Rockhold ha comunque voluto lanciare la sua provocazione nei confronti di UFC, invitandola a ritornare sui suoi passi e ad abbandonare la recente politica intrapresa in termini di money-match. L'appello in questione è stato lanciato attraverso i microfoni di MMA Hour:

La divisione pesi medi è piena di possibili match-up interessanti, ma non si capisce perché stiano tenendo il campione in ferie. Mi sembra tutto ridicolo: hanno davvero intenzione di aspettare GSP fino ad ottobre? La promotion sta perdendo molti colpi ultimamente. Non capisco cosa sia accaduto a quella UFC che faceva sì che i migliori al mondo si confrontassero tra loro. Adesso ci troviamo di fronte soltanto ad una accozzaglia di freak show. Istituissero almeno un titolo ad interim! Fino a che punto si vogliono spingere?! Non credo abbia più senso rimanere in questa divisione, né in questa azienda. Ca**o, sono qui per combattere contro i migliori e vincere dei titoli, se non volete che lo faccia liberatemi dal mio contratto, in modo tale che io possa trovare grandi match e grosse somme di denaro altrove!

UFC: quale futuro per la divisione pesi medi?

Con l'annuncio diramato da GSP, il quale si è detto pronto a combattere soltanto dopo ottobre, UFC si ritrova tra le mani una patata bollente. I mugugni dei top contender al limite delle 185 libbre cominciano a farsi insistenti, e solo e soltanto un titolo ad interim potrebbe essere utile ad attenuare almeno parzialmente la situazione. Non resta che attendere l'evolversi della vicenda legata alla divisione pesi medi, onde evitare ulteriori malcontenti che potrebbero aizzare ancor di più i componenti della top 10 di categoria.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.