Giro d'Italia, sull'Etna vince Polanc: Nibali e Quintana immobili

Lo sloveno vince a sorpresa dopo una tappa in fuga, Nibali ci prova senza convinzione. I big arrivano in cima tutti insieme. E Bob Jungles è la nuova maglia rosa.

Giro d'Italia, vince Polanc sull'Etna: big immobili

95 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

La fuga è andata in porto. Sull’Etna vince Jan Polanc, lo sloveno della UAE Abu Dhabi. Al traguardo della quarta tappa del Giro d’Italia passa lui per primo, un po’ a sorpresa ma meritatamente.
È il suo secondo successo nella corsa rosa: un’impresa come si faceva ai vecchi tempi, perché i big dietro fanno poco o nulla. Nibali ci prova timidamente, Quintana osserva e fa lavorare gli altri. Così gli uomini di classifica arrivano tutti insieme al rifugio Sapienza. Sfida rimandata. Sul traguardo: Zakarin secondo, Thomas terzo. 
Cambia la classifica generale del Giro d’Italia: la nuova maglia rosa è Bob Jungels, il lussemburghese della Quick-Step Floors è il leader in attesa delle grandi montagne.

Giro d’Italia, l’Etna aspetta

Dal mare alla montagna: il primo arrivo in salita del Giro d'Italia emoziona già solo per lo spettacolo paesaggistico. Subito una fuga a 4: nessun corridore di classifica, nessun nome importante. Vantaggio massimo di 8’, poi il gruppo inizia a tirare. Dopo la discesa del primo GP di montagna, alla ‘Femmina Morta’, i battistrada hanno poco più di 5’ di vantaggio. Mancano 75 chilometri all’arrivo, la battaglia vera è ai piedi dell’Etna.

Gli ultimi chilometri

Quando si inizia a salire, Gaviria, il proprietario della maglia rosa, si stacca subito. Un velocista pensa ad altro, il colombiano se la ride e va su con il suo passo. Davanti rimane solo Polanc, uno dei protagonisti della fuga. Il gruppo si sgretola, prova ad uscire Paolo Tiralongo. Era l’uomo di fiducia di Scarponi: da siciliano e con il suo compagno nel cuore, va all’attacco. Tutto inutile, il cuore c’è, la gamba no. Poco dopo viene ripreso dal gruppo, poi si stacca.
Ma i big? Quando mancano 8,4 chilometri partono Pellizzotti e Anacona, uomini di Nibali e Quintana. La mossa è chiara: preparare il terreno di battaglia. Lo Squalo si gira, studia gli avversari. Il colombiano invece, impassibile, pedala agile e non si fa intimorire da nulla. Polanc intanto davanti va: pedala male ma ancora in maniera efficace. A meno 3 chilometri ecco il morso di Nibali: accelerazione improvvisa, Amador della Movistar riporta sotto il gruppo, azione annullata. Non succede più niente, tranne Zakarin che ci prova e si prende la seconda piazza. Lo spettacolo promesso sull'Etna non c'è stato: ora le altre cime del Giro d'Italia aspettano.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.