Championship: trionfa il Newcastle di Benitez, Fulham ai playoff

I Magpies vincono il campionato al fotofinish grazie al contemporaneo pareggio del Brighton sul campo dell'Aston Villa. Stam guida il Reading ai playoff.

La festa del Newcastle per la promozione in Premier League

464 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

Si preannunciava un campionato ricco di emozioni e sfide d'altissimo livello e così è stato. Anche grazie alla presenza di grandi decadute che negli hanno passati hanno scritto la storia del calcio britannico dominando campionati nazionali e coppe europee, la Championship inglese è da qualche anno uno dei tornei più seguiti e competitivi d'Europa. 

Aston Villa, Newcastle, Nottingham Forest, Derby County, Leeds United: sono queste alcune delle protagoniste che si sono date battaglia a suon di gol, rimonte e vittorie all'ultimo secondo.

Nel weekend appena trascorso, non senza pochi colpi di scena, si è giocata la 46esima e ultima giornata e con essa sono arrivati tutti i verdetti ufficiali: promozioni, playoff e retrocessioni. 

La gioia di Benitez per la vittoria del campionato

Championship, le promosse

Vince, non senza fatica, il Newcastle di Rafa Benitez. Dopo essersi ritrovato a -4 punti dalla vetta a due giornate dal termine, i Magpies sono riusciti ad agguantare la vetta all'ultimo minuto grazie al pareggio dell'Aston Villa al minuto 89 contro il Brighton, che ha permesso ai bianconeri di superare i rivali in classifica e chiudere in testa a quota 94. La retrocessione subita nel maggio del 2016 non ha gettato nello sconforto la straordinaria tifoseria del Tyne-Wear, che in questa stagione ha risposto alla grande trascinando la squadra verso la vittoria finale: più di 51 mila tifosi di media a St. James' Park, che ha una capienza di poco più di 52 mila spettatori. Dopo un difficoltoso avvio e una lenta ma costante ripresa, Rafa Benitez ha conquistato l'ennesimo trofeo della sua carriera. 

La gioia dei tifosi del Newcastle per la vittoria del campionato

Grandissima annata anche per il Brighton che dopo anni di tentativi falliti riesce finalmente a centrare la promozione in Premier League. Nonostante il titolo fallito negli ultimi minuti, i Seagulls possono comunque andare orgogliosi per quanto mostrato durante gli ultimi 9 mesi: Chris Hughton è riuscito a ricreare la giusta atmosfera all'interno dell'ambiente, formando un gruppo di giocatori non troppo giovani ma di grande esperienza, tra i quali si ricordano Antony Knockaert e Glenn Murray. 

L'esultanza dei tifosi del Brighton

I playoff

Stagione d'esordio fenomenale per Jaap Stam, arrivato in estate al Reading e riuscito nell'impresa di guidare i suoi ragazzi fino al terzo posto, conquistando così i meritatissimi playoff. Sebbene la squadra abbia subito qualche debacle nel corso della stagione, il manager olandese è stato bravo a tenere alta la concentrazione, dare buona continuità ai risultati e centrare l'obiettivo. 

Insieme al Reading, qualificato ai playoff anche lo Sheffield Wednesday (già finalista lo scorso anno) grazie a uno strepitoso rush finale che gli ha permesso di chiudere il torneo in 4^ posizione. Parliamo di un altro storico club del calcio inglese, tra le cui fila ha militato in passato anche Paolo Di Canio. Per loro è in programma il complicato derby contro la vera sorpresa stagionale, ovvero l'Huddersfield Town di David Wagner. Il tecnico tedesco, definito dai tifosi il nuovo Jurgen Klopp, ha restituito fiducia a una squadra che lo scorso anno si era salvata a fatica, concludendo il campionato in 5^ posizione. 

L'ultimo posto valido per i playoff promozione è occupato dal Fulham, che ha chiuso il campionato con il miglior attacco e ha dato dimostrazione di poter ancora dire la sua in questo finale. L'esperienza passata e una squadra ricchissima di talenti possono essere gli elementi decisivi per la promozione dei Cottagers.

L'esultanza dei tifosi dello Sheffield Wednesday dopo la vittoria sul QPR a Loftus Road

Retrocessione

Riscrive la storia, come lo ha fatto in passato, il Blackburn: è la prima squadra in assoluto a retrocedere in League One dopo aver conquistato la Premier League. Era il 1994/1995 quando grazie alle reti e alle prodezze di Alan Shearer i Rovers festeggiavano la vittoria della massima divisione inglese. Nonostante la vittoria per 1-3 sul campo del Brentford nell'ultimo atto, è arrivata la conferma della retrocessione: fatale la differenza reti a favore del Nottingham Forest, salvatosi anch'esso all'ultima giornata grazie al 3-0 sull'Ipswich Town. 

Scendono in League One anche Wigan e Rotherham, quest'ultima in piena crisi societaria e capace di conquistare appena 23 punti in 46 partite disputate, frutto di 5 vittorie, 8 pareggi e ben 33 sconfitte. 

La disperazione dei tifosi del Blackburn dopo la partita con il Brentford

Delusione per il Leeds di Cellino e Radrizzani, che dopo un campionato passato a cavallo tra la terza e la sesta posizione, e quindi in piena zona playoff, paga un finale di stagione disastroso che lo ha visto vincere solo 1 delle ultime 8 partite. Gli uomini di Gary Monk partiranno comunque tra i favoriti il prossimo anno. 

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.