Koeman confessa: "Sogno il Barcellona! Messi il migliore di sempre"

Il tecnico dell'Everton, uno dei candidati per il dopo Luis Enrique, rivela di voler allenare un giorno la sua ex squadra. Poi parla di Messi e del Real Madrid.

Ronald Koeman, il tecnico dell'Everton sogna il Barcellona

532 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Un giorno, non ancora. Certo, se il Barcellona chiamasse subito, sarebbe davvero difficile resistere. Quest'ultima frase, Ronald Koeman non la pronuncia, ma la lascia intendere. Di sicuro, l'attuale manager dell'Everton è uno dei candidati per succedere a Luis Enrique. Insieme a lui, oltre a Unzué (attuale vice dell'asturiano) tanti altri ex giocatori blaugrana: da Ernesto Valverde e Laurent Blanc a Eusebio Sacristan, Oscar Garcia e Juan Antonio Pizzi.

Una rosa ampia, da cui potrebbe essere pescato il prossimo allenatore del Barça. Sarà l'olandese a spuntarla? Lui, l'Eroe di Wembley che, con una delle sue punizioni nella finale contro la Sampdoria, regalò la prima Coppa dei Campioni della storia culé? In cuor suo ci spera, ma ci tiene a sottolinearlo: "Un giorno, magari".

È la confessione che concede ai catalani di Sport, in un'intervista faccia a faccia in cui parla del Barcellona, di Leo Messi, del suo Everton e del Real Madrid. Salutato il Camp Nou nel 2000, dopo una stagione come vice di Van Gaal e un'altra come tecnico della squadra B, Koeman non si nasconde di fronte alla possibilità, anzi al desiderio di rimettere piede in quella che considera la sua seconda casa.

Koeman: "Sogno di allenare il Barcellona"

Occhi che brillano e tutta la diplomazia del mondo. Di fronte alla domanda delle domande, il tecnico dei Toffees non può che tenere separati cuore e ragione. Anche di fronte alle innumerevoli indiscrezioni che lo considerano uno dei papabili per la panchina del Barcellona:

Mi sento lusingato da questo, mi fa piacere che pensino a me.

Ma qual è la posizione di Koeman, di fronte a questo gradimento da parte dei vertici blaugrana? Un lungo silenzio, per raccogliere e pesare ogni parola, poi si parte:

Vediamo, tutto il mondo sa che sono tifoso del Barça, tutti conoscono il mio amore per il club dove sono cresciuto come giocatore e come persona. Nella mia vita da allenatore, mi rimangono due sogni da realizzare. Uno, guidare la Nazionale del mio Paese, l'Olanda. È avrei anche potuto farlo, ma i miei obblighi con l'Everton me l'hanno impedito. L'altro mio sogno è allenare un giorno il Barcellona. Questa è la verità.


Koeman se un domani dovesse essere scelto come allenatore del Barça

Quando arriva il momento di dire "un giorno", il tono di Ronald cerca di sottolinearlo con enfasi:

Sì, perché io ora sono legato all'Everton. Abbiamo un progetto molto affascinante, stiamo lavorando per rinforzare il più possibile la squadra. L'obiettivo della prossima stagione è conquistare l'accesso alla Champions League.

Certo, se poi dalla Catalogna dovesse arrivare una telefonata...

È un'ipotesi in cui non possiamo addentrarci troppo. Nel calcio, come nella vita e in ogni lavoro, si può parlare di tutto e di più.

"Messi è il più forte di sempre"

Le motivazioni di accettare un'eventuale chiamata del Barça - sempre un giorno, s'intende - non mancano di certo a Koeman. Poi ok, ce ne sarebbe un'altra. La possibilità di allenare Messi:

Io lo ammiro profondamente. Non è solamente il miglior calciatore di tutti i tempi: passeranno dieci, venti anni e non sarà ancora arrivato nessuno come lui. È vero, ho giocato con tanti campioni, ma nessuno è come lui. Chi ha segnato 500 gol ed è stato decisivo così tante volte merita una menzione a parte.

"Io al Real Madrid? Mai!"

Per la proprietà transitiva, poi, il sogno di Ronald equivale quasi obbligatoriamente a un'eventualità che il tecnico dell'Everton non prende neanche in considerazione. Quale? Allenare il Real Madrid:

È impossibile. Anche se lo rispetto come squadra e come istituzione, non guiderei mai il Real. Uno con la storia e il legame con il Barça come me non potrebbe mai.

Ricapitolando: al Real? Mai. Al Barcellona? Magari. Ma un giorno, non ancora.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.