Borussia Dortmund, guai per Guerreiro: patente tolta per 9 mesi

Il portoghese è scappato dopo aver causato un leggero incidente. In passato hanno avuto problemi simili Reus e Ramos. Ma le loro storie erano comiche.

A Raphael Guerreiro del Borussia Dortmund è stata tolta la patente. In passato guai per Reus

639 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Una storia già vista. Specie in quella zona. Raphael Guerreiro del Borussia Dortmund dovrà stare per 9 mesi senza patente. Non solo: è stato condannato a pagare 120mila euro di multa. Tutto per un comportamento scorretto avuto quando era alla guida della sua macchina. E pensare che negli ultimi anni fra i gialloneri non è l’unico ad aver avuto problemi del genere.

Nel 2014 Marco Reus venne fermato per un controllo. La polizia scoprì che il ragazzo non aveva la patente. Quella che utilizzava era falsa. Ricevette 540mila euro di multa e dovette mettersi a studiare per ottenere finalmente un documento valido. Mediaticamente fu il caso che suscitò il maggiore interesse, ma non il più strano.

Prima di Reus e di Guerreiro fece scandalo Adrian Ramos. L’attaccante colombiano (ex Borussia Dortmund ora al Granada) aveva preso la patente in patria, ma il documento in Germania non è valido e avrebbe dovuto riprendere la patente anche in Europa. All’esame di pratica mandò un alter ego che però era bianco. L’esaminatore se ne accorse e annullò tutto. Ora il nuovo scandalo in casa Borussia Dortmund.

Borussia Dortmund, ritirata la patente a Guerreiro

Il tutto è successo il 21 novembre. Guerreiro, con la sua Porsche 911 Turbo a un incrocio non ha dato la precedenza e ha urtato una Toyota rossa guidata da un 52enne. Guerreiro è sceso dalla macchina ha visto i danni (circa 500 euro) ma poi è scappato. L’uomo lo ha denunciato e il portoghese è stato condannato a 120mila euro di multa e a restare senza patente per ben 9 mesi.

Raphael Guerreiro
Raphael Guerreiro del Borussia Dortmund

Il giocatore del Borussia Dortmund però ha fatto ricorso e dovrà affrontare un processo il prossimo 16 agosto. Ma è una storia che da quelle parti hanno già visto…

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.