Al Iaquinta si scaglia contro UFC. Bisping: "Fai pace col cervello"

Dopo le innumerevoli critiche piovute su UFC per bocca di Al Iaquinta, Micheael Bisping risponde da vero company man, zittendo l'italo-americano.

UFC champion Michael Bisping

57 condivisioni 0 commenti 4 stelle

di

Share

Michael Bisping prende posizione sul caso Al Iaquinta. Dopo le critiche lanciate da quest'ultimo contro UFC e la relativa proprietà, il campione pesi medi si dimostra essere il solito company man, redarguendo l'italo-americano ed invitandolo a tornare sui suoi passi. Definire il rapporto tra l'atleta nativo di New York e la promotion più importante al mondo nel settore delle MMA ci risulta parecchio difficile, a causa dell'astio provato dal fighter nei confronti di UFC, accusata di offrire paghe non all'altezza. Dopo un'assenza dall'ottagono durata più di due anni ed un ritiro annunciato ma ritrattato nell'arco di pochi mesi, Iaquinta è tornato alla grandissima a UFC Fight Night 108, dove è riuscito ad imporsi su un Diego Sanchez inerme di fronte alla boxe dell'avversario in poco più di un minuto dall'inizio del primo round.

Al Iaquinta, peso leggero UFC
Al Iaquinta festeggia una delle sue tante vittorie. L'italo-americano continua a vivere un rapporto parecchio conflittuale con UFC.

Tuttavia, neanche quest'ottima performance è riuscita a far dimenticare a Iaquinta il suo astio nei confronti di UFC. Appena saputo che i premi "Performance of the Night" sarebbero stati assegnati a Mike Perry e Brandon Moreno - con annesso bonus da 50.000 dollari a testa -, il combattente newyorkese è subito andato fuori di testa, lamentandosi ed insultando UFC a causa della mancata assegnazione del premio. Questo atteggiamento ha suscitato abbastanza indifferenza da parte della promotion, che dal canto proprio è ben conscia di avere il coltello dalla parte del manico. A scatenarsi però sono stati vari membri del roster dell'Ultimate Fighting Championship, che hanno bacchettato Iaquinta, invitandolo a mantenere un comportamento corretto.

La presa di posizione più importante delle ultime ore è stata però quella di Michael Bisping, che ha invitato Iaquinta a far pace col cervello e a tenere un atteggiamento più consono con quelli che, alla fine dei conti, restano i suoi datori di lavoro. Atteggiamento condivisibile quello del campione britannico, che d'altronde non ha mai fatto mistero del suo essere un company man, prerogativa quest'ultima parecchio apprezzata sia da UFC che dal suo presidente Dana White. Attraverso un monologo sul proprio podcast personale, Bisping ha bocciato senza se e senza ma il recente comportamento di Iaquinta, accusandolo di aver scritto e proferito tutti quei dissing verso UFC sotto l'effetto dell'alcool.

UFC, Bisping: "Iaquinta, fai pace col cervello"

Nel corso di una delle puntate di "Believe You Me", Michael Bisping ha deciso di prendere posizione in maniera decisa sul caso Iaquinta, schierandosi apertamente con UFC ed insultando velatamente il peso leggero grazie al suo trash talking d'autore.

Mi è difficile non insultare l'intelligenza di uno che ha pubblicato un sacco di tweet con tutti quegli svarioni grammaticali. Credo che il buon Al abbia fatto tutto sotto influenza di un paio di drink. Iaquinta sta sfogando le sue frustrazioni su Twitter, ma non la reputo una cosa intelligente. Ora, non dico che debba baciare i piedi a UFC, ma di certo non trovo saggio prendere a morsi la mano che ti sta offrendo da mangiare. Lui dice di poter guadagnare più facendo l'agente immobiliare che combattendo? Mai fu detta fesseria più grande. Basterebbe semplicemente tentare di aggraziarsi i fans. In conclusione, ad Al dico: fai pace col cervello, non c'è bisogno di dare di matto in questo modo.

Sempre pungente Michael Bisping, che non ha certo usato mezzi termini per bocciare l'atteggiamento di Al Iaquinta. Probabile però che quest'ultimo decida di rispondere al campione pesi medi, visto anche il recente trend parecchio social abbracciato nel corso della sua campagna denigratoria nei confronti di UFC e di tutti i suoi componenti dirigenziali.

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.